Aeroporto Crotone: nessun hackeraggio al sito Fly Servus da parte di AeroportiCalabria.com

Lo Staff di AeroportiCalabria.com non ha hackerato in alcun modo il sito di Fly Servus. Ci sembra doveroso rispondere con la massima trasparenza alle accuse pubbliche avanzate dal Presidente SACAL in conferenza stampa, al fine di chiarire la situazione.

Il sito di Fly Servus raggiungibile al seguente indirizzo URL https://www.flyservus.com presentava una semplice pagina bianca. Chi è del mestiere ed ha un po di competenza nel campo dell’informatica legata al web sa che ogni sito web ha una pagina importantissima, la “index”, che rappresenta la prima pagina di accesso al sito.

Bene, è stato sufficiente scrivere l’indirizzo URL in questo modo https://www.flyservus.com/index.php per poter accedere al sito che era già pubblicato online, e lo ribadiamo era già pubblicato online ed a disposizione di chiunque!

Un hacker per definizione è colui che utilizza metodi illegali per accedere ad una pagina web protetta. Tali accuse prive di fondamento ci sembrano del tutto gratuite nonché diffamatorie.

Per usare un parallelismo, immaginiamo di dover spostarci in macchina da Reggio Calabria a Lamezia. Tutti prenderemmo l’Autostrada rappresentata dall’indirizzo https://www.flyservus.com, noi invece abbiamo preferito allungare il percorso utilizzando la Strada Statale rappresentata dall’indirizzo https://www.flyservus.com/index.php. E’ forse hackeraggio questo?

Inoltre, non abbiamo in alcun modo diffuso l’indirizzo URL dal quale era possibile accedervi al sito, ma possiamo garantire che anche altre persone hanno utilizzato il nostro stesso metodo ed hanno diffuso l’URL sui Social Network. Quindi, di cosa stiamo parlando?

Capiamo le difficoltà che sta attraversando da un po di tempo la SACAL, ma ci aspettiamo delle scuse ufficiali.

Lo Staff di AeroportiCalabria.com

Riportiamo da RtiCalabria l’audio della conferenza stampa:


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSixtSkyscannerTerravisionTrivagoVolotea

6 commenti

  1. Hanno scambiato per hackeraggio una banale prova per trovare la pagina index??? Non posso crederci! Ci sarebbe da ridere per ore! A parte il livello obsoleto con il quale è stato sviluppato quel sito, proprio il fatto di aver lasciato in chiaro là pagina di index, e quindi l’accesso a tutte le altre, dimostra il livello amatoriale di chi sta gestendo questa presunta compagnia o broker, non so come definirla. Un programmatore base, infatti, avrebbe saputo come creare una pagina di maintenance o coming soon. Almeno ieri non funzionava nemmeno l’invio delle email alla loro casella info, il sistema restituiva errore. Insomma, dopo il ritardo di tre ore per guasto tecnico al primo volo, anche con il sito web sono messi benissimo.

  2. @ Francesco:
    infatti tutto strano guarda ad esempio questo sito http://www.sea-air.info/ è identico cambia il colore. Che iddio ce la mandi buona.
    Speriamo che sanno quello che fanno. Cmq giorno 30 cm il primo volo lo ha effettuato un vettore di PosteItaliane (Mistralair) con il Crotone Calcio.

  3. @ franek:
    Si, per problema tencnico hanno dovuto ripiegare su un altra soluzione.

    Leggi questo interessante (o preoccupante) post https://www.facebook.com/eva.bernardi.3/posts/1539333786142210

  4. AHAHAHAHAHAHAH

  5. @ Francesco:
    Allucinante dir poco quel link …nei commenti di fb leggo che ci saranno ulteriori news giornalistiche in merito oggi. E la cosa non è confortante.

  6. Bravi.
    La sacal a sto giro ha toppato forte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.