Riggio – Enac: Il Radar Wind Shear a Reggio Calabria

Riporto da gds.it:

L’annuncio del presidente dell’Enac dopo le proteste del sindaco di Isola delle Femmine e del comitato cittadino: l’antenna non sarà installata al Falcone Borsellino, la sperimentazione fuori dalla Sicilia. 

PALERMO. Il radar sperimentale per monitorare il fenomeno dei venti di caduta, il cosiddetto wind shear, sarà realizzato nell’aeroporto di Reggio Calabria invece che in quello di Palermo, dove ha incontrato l’opposizione del sindaco di Isola delle Femmine e del comitato cittadino, che si sono espressi contro l’installazione dell’antenna nel territorio del comune che confina con Punta Raisi. Lo rende noto il presidente dell’Enac, Vito Riggio.
La decisione è stata assunta stamane dai vertici di Enac ed Enav, che hanno incontrato il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti. Il progetto, inserito nell’ambito di un accordo di programma, prevede un investimento di oltre 10 milioni di euro.
“A Palermo – dice Riggio – rimarranno i sensori lungo le piste e a mare – ma la vera sperimentazione, che ha una valenza mondiale, si svolgerà a Reggio Calabria”. Il braccio di ferro con Isola delle Femmine è durato anni, e adesso c’é il rischio che parte delle somme comunitarie non possano più essere utilizzate.

Fonte:

—————————————————————————————————

Una definizione del Wind shear da Wikipedia: Il wind shear è un fenomeno atmosferico consistente in una variazione improvvisa del vento in intensità e direzione. È particolarmente pericoloso in prossimità di aeroporti durante la fase di atterraggio, in quanto inganna il pilota sul corretto assetto di discesa che il velivolo deve mantenere, portando così, in alcuni casi, a terribili incidenti. 

Grazie a questa strumentazione richiesta a gran voce dai Piloti il nostro aeroporto sarà ancora più sicuro.

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=18&t=655


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusHertzLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

5 commenti

  1. bene se enac e anav fanno questo invesrimento , vul dire che reggio non rientra tra i piccolo aeroporti da chiudere, anche se secondo mè di aeroporti in italia ne chiidereno ben pochi.

  2. @aiofb: ma cosa dici!
    La strumentazione (ormai quasi obsoleta) è già stata comprata, quindi la devono usare.
    Reggio non è stata preferita perchè importante ma perchè è l’unico scalo, oltre Palermo, ad avere fenomeni di ws.

  3. L’unico aeroporto che rischia di chiudere in Italia (a seguito del “megastudio” voluto da ENAC) è proprio quello di Reggio. Perchè quello studio è soltanto una foglia di fico per i politici. E si sa cosa la politica calabrese vuole fare di Reggio: la periferia di Catanzaro.
    Il radar è cmq interessante. Chissà perchè non hanno provato a metterlo a Genova.

  4. Livio Ferrara (Castelbuono PA)

    Siete fuori strada.
    Per colpa del presidente abusivo Lombardo e delle proteste degli ignoranti abitanti di Isola Delle Femmine (PA), il radar e la sua relativa sperimentazione è stata spostata all’aeroporto dello Stretto, il Tito Minniti.
    Se è vero che quest’aeroporto è in declino, allora renderlo più sicuro non peggiorerà di certo la situazione. Anzi dovreste dire grazie agli abitanti della provincia di PA per avervi ceduto questa sperimentazione di questo strumento sofisticato che metterà l’aeroporto di RC all’avanguardia sulla sicurezza, che non è cosa da poco.
    E’ buffo non trovate ? L’aeroporto con più traffico non avrà questo radar, mentre quello ben più piccolo cresce. Non grazie a Riggio, perchè lui voleva sperimentare questo radar in provincia di PA a Punta Raisi, ma grazie agli abitanti Isolani che con le loro proteste hanno costretto l’ENAC a spostare la sperimentazione su un altro sito. Non sono così triste che è stato scelto Reggio, perchè se avessero scelto Genova allora non avrei detto che non tutto il male viene per nuocere.
    Un pizzico d’orgoglio, Messinesi e Reggini non vi fa poi così male, ed inoltre cercate di evitare quei pregiudizi che ebbero gli abitanti di Isola perchè altrimenti incappate nello stesso errore. Non è nocivo quel radar, fidatevi dell’Istituto Superiore alla Sanità e non di Lombardo ed i suoi enti abusivi che hanno tutt’altro che di costruttivo !!
    Non c’è pericolo per l’ambiente !

  5. Isola Delle Femmine (PA) ed il suo sindaco Portobello non hanno rifiutato il radar per mandarlo a voi, ma perchè se ne sbattono della sicurezza dei milioni di passeggeri che transitano all’aeroporto Punta Raisi, perciò vi lascio immaginare la loro cultura di strafottenza aggravata, che dovrà essere punita in maniera esemplare in seguito.
    Però tutto sommato consideratelo un bel regalo di Natale (già prima delle festività era stato deciso di spostare questa strumentazione, la sperimentazione ed i fondi europei di 10 milioni altrove).
    C’è un proverbio che dice A CAVAL DONATO NON SI GUARDA IN BOCCA ! Siete maledettamente fortunati ad ottenere la strumentazione che gli stessi piloti GESAP (all’aeroporto LICJ di Palermo) reclamavano da sempre >:D

    Invidio voi Calabresi per la disponibilità del vostro Presidente Scopelliti nel voler installare questo prestigioso strumento (persona che stimo abbastanza, dicendolo da Palermitano) ed i Messinesi perchè nella loro città e provincia possono mandare a fanculo le iniziative di Lombardo perchè sanno essere autonomi già di loro e non hanno bisogno dell’aiuto della Regione (nonostante la loro provincia sia del tipo “regionale” i cui poteri sono in mano della regione, a differenza dei poteri della provincia del tipo “ordinario” di RC), Giunta Regionale che ovviamente con tutti questi rimpasti mirati a preservare la poltrona di Lombardo nessun aiuto manderebbe ai Messinesi.

    Buona Vita a tutti i Messinesi e Reggini, e SI AL PONTE 😉 per Villa e Messina, per le due province dello Stretto, per la nuova autostrada SA-RC e per il corridoio 1 Berlino-Palermo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *