Foto: Aeroporto dello Stretto del 23/12/2010

Rientrato a Reggio Calabria per le vacanze di Natale, questo pomeriggio in compagnia della mia macchina fotografica consueto giro al Tito Minniti.

Rispetto a qualche mese fa vedo i lavori di allungamento della pista che procedono a buon ritmo. Mi appresto a visitare anche la vecchia torretta di controllo in fase di ristrutturazione.

Passo dal Pontile e vedo tutto chiuso, incontro un pescatore che mi riferisce che non viene usato da un po di tempo per via di un guasto. Guasto? Controllo meglio e guardate cosa scopro: Il cancelletto che dovrebbe ospitare l’Aliscafo in condizioni di scirocco è completamente divelto con vari danni alla struttura.

Clicca sull’Immagine per Ingrandirla

Infine vedo lo sbarco del volo della Itali Airlines proveniente da Linate, quasi pieno. Buona visione!


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusHertzLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

9 commenti

  1. quanti soldi dovrà ancora inghiottire sto schifo di pontile?
    ma non era stato “aggiustato” solo un paio di mesi fa?
    ma vogliamo parlare della ruggine che lo ricopre?

    essì ! proprio il pontile che doveva rilanciare il tito minniti… a giudicare dalle foto, è rischioso anche per i pescatori che lo usano !

  2. guarda che un fabbro con 150€ lo sistena , non mi sembra questo gran danno,

  3. Aggiungi un elettricista per la luce, uno che si occupi del cemento armato divelto e basta credo. Almeno da quello che vedo dalla Foto.
    Ma quindi il danno l’ha fatto MetroMare?

  4. Infatti anche secondo me il danno non sembra eccessivo, ma se le parole del pescatore sono vere (ovvero che da un paio di giorni gli aliscafi non attraccano) per quel tipo di danno, mi sembra che ci sia una chiara intenzione da parte di qualcuno di boicottare l’intero servizio a scapito dell’utenza.
    E purtroppo questo accade in un periodo di massima affluenza e massima pubblicità che il nostro scalo potrebbe ottenere se tutto funzionasse alla perfezione.

  5. ma e’ un danno di poca cosa, ma non credo che abbiano attraccato l’aliscafo all’inferiata, az sarebbe una comica

  6. comunque guardando bene la foto mi chiedo che sia l’igegnere che ha seguito i lavori , come e’ possibili che il muri di contenimento si sia divelto dalla base?
    mi viene il dibbio che manca qualche barretta di ferro, e questo è davvero grave.

  7. cose che accadono soltanto qui…|||| bho

  8. Te lo spiego io perchè si sia divelto dalla base. Il rialzamento che vedete è stato fatto dopo il completamento del pontile. In pratica il cemento è stato posato sulla base del pontile già asciutta senza e dico senza alcun tipo di supporto all’interno. Quello che vedete è solo cemento poggiato su altro cemento. Essendo la struttura esposta a condizioni abbastanza proibitive è andata a cedere probabilmente una zona in cui non è stato effettuato un buon intervento e soprattutto una zona che subisce varie sollecitazioni visto che lì attraccano gli aliscafi e quindi è soggetta ad urti e vibrazioni che hanno causato il cedimento del basamento e della recinzione. Risultati di lavori fatti ad minchiam, scusate il latinismo.

  9. certo , anche se la base era asciutta e staginata dovevano forarle e con un buon cemento chimico fissare dei tondelli, che rendono la recinzione un corpo unico con la base, ma ci sara’ un ingegnere che ha seguito i lavori e messo una firmetta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *