Aeroporto Crotone: apertura slittata al 30 Novembre 2017

L’apertura dell’Aeroporto di Crotone prevista per questa mattina è invece slittata al 30 Novembre 2017 alle ore 07:30. Il NOTAM riporta anche che i servizi del traffico aereo saranno disponibili dalle ore 07:30 alle 23:30 fino alla data stimata del 27 Febbraio 2018.

SACAL tarda ancora ad ufficializzare la compagnia aerea. Capiamo le difficoltà nel trovare una compagnia che abbia aeromobili disponibili per volare su Crotone a Dicembre quando la programmazione invernale viene fatta con almeno 6 mesi di anticipo. Occorre pianificare già da ora la stagione estiva (da fine Marzo 2018 a fine Ottobre 2018).

Lo Staff di AeroportiCalabria.com


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSixtSkyscannerTerravisionTrivagoVolotea

30 commenti

  1. Speriamo solo non sia l’ennesimo flop

  2. Tutte scuse per prendere tempo. E’ talmente illogica la decisione di non rendere nota la compagnia che volerà su Crotone a pochi giorni dall’avvio dell’attività di volo che lascia pensare quanto sia, invece, una volontà precisa e irrispettosa della cittadinanza!!!

  3. @ Giuseppe Joy:
    Posso farti una domanda?
    Oggi ti diranno che la compagnia è blue air e che un volo crotone-roma costerà 250 euro a/r; seocndo te, quanti prenoteranno?
    vi rendete conto che a Crotone ne state facendo una malattia e che poi i pax non ci saranno?

  4. @ Pilota75:
    A Crotone ne stiamo facendo una malattia? In che senso? Perchè pretendiamo semplicemente che venga assicurato anche a noi, che viviamo in un posto scientificamente e volutamente tagliato fuori da tutto, il diritto alla mobilità? Perchè pretendiamo che si mantengano le tante tante tante promesse fatte? Non dimentichiamo che prima della chiusura, l’aeroporto S. Anna, si è attestato come primo aeroporto d’Italia per incremento di passeggeri. Quindi questo, i numeri, dimostrano che i passeggeri c’erano e ci sono. Penso sia un caso più unico che raro che una struttura che segna record di crescita incredibili, venga affossata piuttosto che risollevata. Ma siamo in calabria e tante volte l’illogico diventa normalità.

  5. @ Pilota75:
    A Crotone la scelta già è stata fatta anni fa e non si può tornare indietro. Si è scelto un aeroporto anziché una stazione ferroviaria. Nell’onda travolgente delle low cost che ti facevano volare con 1€, si sono avventerutati e continuano a credere che l’aereo sia un mezzo economico quando in realtà non lo è affatto. Se non vi sono forte sovvenzioni i risultati sono questi: le compagnie non mostrano forti interessi e tirano sempre più la corda. L’italia è piena di aeroporti e tempo che finisce il giro già ci saranno altri pronti a subentrare. A Crotone a cosa serve un aeroporto ? Al ricongiungimento famigliare per le 5 feste l’anno? Ai 2 uomini di affari che volano 3 volte a settimana su Roma a Milano? Beh, se hai solo questo non hai i numeri per continuare. Quando c’era l’alitalia Con i carj 900 facevano 60 pax e pagavi circa 70€ a tratta. Con ryan facevi 150 sui 40€. Ma quanto è costato alle casse pubbliche ? Inoltre: puoi pensare ancora di Tenere in piedi un aeroporto con 4-5 commerciali al giorno? L’estate i charter continuano a preferire Lamezia per diversi motivi. Con tutti questi soldi si sarebbe finanziata una linea ferrata veloce tra Crotone e Lamezia e, giunto a Lamezia, il passeggero sceglieva di continuare su rotaia o in aereo. In calabria ci sbattiamo tanto per avere l’aeroporto sotto casa e ce ne sbattiamo dell’alta velocità. Da quando non c’è la ryan per Fiumicino si sono riempiti gli IC e le frecce e ne hanno messe altre. Fino a Roma continua ad essere il mezzo più comodo: centro della città, nessun check-in e bagaglio illimitato. Certo, da Roma in su meglio l’aereo.
    Nel Lazio ci sono solo 2 aeroporti e chi sta a Nord tipo Viterbo o Sud tipo Frosinone si ritrova a 150km da un aeroporto e tutti questi problemi non se li pongono. In Piemonte è lo stesso: chi vuole fare poco treno o bus va a Torino ma chi vuole il
    Low cost va a Bergamo o Malpensa senza fare troppe storie.
    Mi auguro che a Crotone venga il salvatore misterioso ma i presupposti non ci sono. Appena metteranno biglietti sopra i 60€ verranno tutti a Lamezia.

  6. @ Tamoil:
    Giusto per la precisione, le scelte che vennero fatte nel passato, da gente che non aveva alcun interesse politico o campanilistico, furono quelle di puntare in modo deciso sull’area di Crotone, vedi ferrovia, porto, ed aeroporto. Addirittura per quest’ultimo, nel 1970 l’Itavia assicurava esclusivamente il collegamento con Milano, Roma, Crotone, Ancona, Foggia, Torino, Genova e Catania. Quindi, o erano folli coloro che puntavano in modo così importante sull’aeroporto, ed in genere su tutta l’area crotonese, o sono stati più intelligenti coloro che hanno ribaltato il tutto. Per tornare al presente, mi verrebbe da chiedere, leggendo in suo intervento, come mai allora il presidente Oliverio ha così fortemente voluto a tutti i costi la gestione dell’aeroporto S.Anna se a Crotone, come dice, non serve un aeroporto? Per chiuderlo, quindi? Chi avrebbe scelto per Crotone lo sviluppo del solo aeroporto a discapito del resto? E perchè? Poi non ho ben capito, dice che non si può più tornare indietro nelle scelte e che l’aeroporto non serve, quindi afferma, di fatto, che il terriorio crotonese deve essere destinato all’isolamento totale. E’ normale tutto ciò, che una città capoluogo di provincia non debba avere nessun tipo di infrastruttura che la colleghi con il resto dell’italia e del mondo?

  7. @ Francesco:
    Non esiste alcun diritto alla mobilità, mi puoi citare la norma?
    Riguardo la barzelletta dell’incremento dei passeggeri, lascia stare.
    La matematica dice che se io ho zero e dopo 1 l’incremento è del 100%, quindi l’incremento registrato non è indicativo di nulla perche si partiva da zero

    Se fosse come dici tu, mi spieghi perchè non ci sta la fila tra le compagnie aeree a operare su crotone? Me lo puoi spiegare?

    @ Tamoil:
    Pienamente d’accordo con te.
    Da qui la mia provocazione: da domani alitalia opererà il crotone-linate a 350 euro a/r. vi va bene?
    Quanti pax farà?
    Vediamo se magicamente il diritto alla mobilità verrà superato andando in 1 ora di auto fino a lamezia?

  8. @ Pilota75:
    Serve specificare una norma ad un diritto (ciò che ogni cittadino può giustamente rivendicare di fronte alla comunità) che dovrebbe garantire per tutti i cittadini le stesse condizioni di mobilità, quindi di spostamento?!

    L’incremeto dei passeggeri è una barzelletta? Quindi Assaeroporti racconta le barzellette quando scrive: “L’anno scorso l’aeroporto di Crotone ha fatto registrare il maggiore incremento, in termini percentuali, di passeggeri in transito rispetto all’anno prima. Incremento percentuale che si attesta ad un +445% che fa impallidire scali aerei blasonati e super incentivati. Per capire meglio la portata del successo crotonese basta guardare al secondo classificato (l’aeroporto di Perugia) che ha fatto registrare un incremento percentuale del +32,1%. E grazie alla straordinaria performance dell’aeroporto di Crotone che il dato aggregato regionale si è mantenuto positivo rispetto all’anno precedente.”.

    Poi pensa tu, un giornale poco importante come il sole 24 ore, sintetizza così le frasi che ti hanno fatto sobbalzare:

    “Negato di fatto il diritto alla mobilità a 350mila passeggeri che ogni anno transitano per l’aerostazione crotonese: il coefficiente di riempimento degli aerei da e verso Crotone è tra i più alti d’Italia.”. Ma come, anche nella redazione del sole 24 ore si usa impropriamente il termine “diritto alla mobilità” ed utilizzano a sproposito il termine “coefficiente di riempimento tra i più alti d’Italia”? Per fortuna non sono il solo.

    Per finire la carrellata delle notizie che provano lo strano interesse delle compagnie per lo scalo:

    17 gennaio 2017 – Aborante (Sales & Marketing Manager Ryanair) “La nostra intenzione è quella di continuare a volare su Crotone, appena sarà stabilita la società di gestione dello scalo, anche perché l’esperienza su Crotone è stata positiva.”

    27 giugno 2017 – De Felice “De Felice non ha voluto fornire date sulla riapertura dello scalo crotonese ma si e’ limitato ad annunciare che ci sono due compagnie straniere, interessate a volare su Crotone con due tratte nazionali (Roma e Bergamo o Torino) e due internazionali non giornaliere, che potrebbero essere Londra e Bruxelles.”

    23 ottobre 2017 – Sindaco di Crotone “Siamo ormai giunti al dunque. Giovedì scorso, alla Cittadella, sede della Regione Calabria, ho avuto il piacere di incontrare il presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, e Arturo De Felice, presidente della Sacal. Oggetto dell’incontro: la ripresa dell’attività volativa dell’aeroporto di Crotone. Entrambi gli interlocutori hanno dato notizia che una compagnia è pronta a volare da e per Crotone a partire dal 1 dicembre e per tre destinazioni (Milano, Roma, Bologna e Londra)”.”

    E tante altre che se vuoi puoi cercare su google.

  9. Dobbiamo farcene tutti una ragione: Una regione che non arriva a 2 milioni di abitanti, non può avere tre aeroporti civili che aspirino ad un futuro roseo.

  10. @ Francesco:
    dubito che Assaeroporti abbia mai potuto scrivere un commento simile.
    puoi pubblicare tutti gli articoli che vuoi; il diritto alla mobilità, ammesso che esista, non te lo sta negando nessuno.
    Come ti hanno già spiegato, che diritto avresti più di un cittadino di Udine, Pordenone, Frosinone, Cosenza, Enna, Imperia….e potrei continuare…ad avere un aeroporto sotto casa?
    Non a caso ti ho citato tutti capoluoghi di provincia (che non esiste più) in cui non esiste l’aeroporto.

    Ma dico..volete volare (non si capisce dove dovreste andare tutti quanti)…invece di usare i soldi delle tasse comunali (che sono sicuro pagate tutti) per riparare le strade, dateli tutti ad una compagnia per farvi fare il giro con l’aereo, come fanno a Trapani!

  11. @ Pilota75:
    Il comunicato di Assaeroporti è facilmente reperire sul web. Quindi esiste, così come esistono tante altre autorevoli fonti che analizzano positivamente quell’alto coefficente di riempimento, tra i più alti di italia. Dubito che ad Udine e Pordenone, o tanti altri capoluoghi di provincia abbiamo problemi di mobilità avendo autostrade, e ferrovie con i migliori treni. Nella nostra realtà, a parte i pullman, non esiste niente, neppure un servizio di navetta che possa collegarci in orari decenti con l’aeroporto di Lamezia. Però vorrei farti una domanda a questo punto. Se è uno scalo inutile, se non serve, come mai allora il presidente della regione ha fatto ferro e fuoco per prendere e pretendere la gestione del S.Anna di Crotone, adducendo l’inclusione di quest’ultimo in un sistema aeroportuale regionale e promettendone il pronto rilancio? Ancora una volta, sul web, puoi reperire decine di articoli riportanti comunicati stampa e interviste del presidente della regione e di sacal, che parlano dell’importanza dello scalo crotonese e dei piani di rilancio. Quindi in realtà è tutta una presa in giro? E tutti quei piani, quelle promesse? Hanno architettato il tutto per dargli il colpo di grazia? Ecco dici che nessuno ci nega il diritto alla mobilità ed invece pare proprio che si stia materializzando questo, fino a prova contraria i fatti dicono: isolamento totale e scientificamente realizzato. Ovviamente poi ognuno dovrà prendersi le proprie responsabilità.

  12. Se ci concentrassimo sulla “mobilità”,e non sull’aeroporto sotto casa,la soluzione praticabile da domani mattina sarebbe :10 pulmann al giorno fino a Lamezia,studiati in concomitanza con treni ed aerei che arrivano e partono da lì,per non avere una sosta maggiore di 45 minuti.. Avremmo treni ed aerei ad un ora di distanza. Saremmo raggiungibili da chiunque. Da questa posizione di città collegata al resto del mondo,potremmo lottare per :una strada migliore;un treno veloce che ci colleghi a Lamezia ecc. .Saremmo anche più Ecologici!

  13. Ma di cosa state parlando? C’è gente che vive in provincia di Crotone a 150 km dall’aeroporto di Lamezia (2 ore di macchina di cui metà viaggio vi risparmio i dettagli delle condizioni del manto stradale) e voi paragonate la distanza Frosinone – Roma, Udine – Trieste, Pordenone – Treviso che hanno tutte l’aeroporto a un’ora di autostrada o comunque sono ben collegate con treni e autobus a tutte le ore. Vi ricordo che per raggiungere Lamezia da Crotone ci sono 4 littorine medievali che impiegano circa 2 ore con tanto di cambio a Catanzaro, per non parlare degli autobus quasi inesistenti o ad orari improponibili. Questo sarebbe il mio diritto alla mobilità?

  14. @ fabrizio:
    Concordo pienamente con Fabrizio. Nessuno pretende l’aeroporto sotto casa ma con i mezzi che abbiamo adesso siamo fuori dal mondo!

  15. @ Francesco:
    Hai perfettamente ragione, hanno voluto la società unica (studiata a tavolino) solo ed esclusivamente per far scomparire gli aeroporti di Crotone e Reggio.

  16. Volevo chiedervi e spero di avere una risposta:
    Secondo voi qual è il reale traffico dell’Aeroporto di Crotone?
    1) I circa 100 mila passeggeri l’anno generati in passato grazie alla continuità territoriale con prezzi fissi di circa 70 Euro solo andata operati da Alitalia.
    2) I circa 280 mila passeggeri l’anno generati in passato grazie ai voli a 20 Euro solo andata operati da Ryanair.

  17. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):

    Una domanda dalla risposta scontata. Ovviamente il punto 2. Ricordando che quei numeri sono stati ottenuti con soli tre voli e nemmeno giornalieri. Ma soprattutto con prospettive di incremento importanti. Come lo stesso Alborante (ryanair) ha più volte confermato. Se lo confermano loro, che hanno strumenti di verifica e di valutazione impeccabili, e noi dobbiamo solo accettarli. Abbastanza ingenuo giudicare l’esperienza Alitalia ponendola in quei termini. Dovresti incrociare ciò che dici, rapportandolo agli orari dei voli (se di fatto erano agevoli) ma soprattutto ai continui disagi che causavano, tipo i ripetuti cambi di atterraggio verso altri aeroporti. Disagi poi diventati consuetudine, che hanno fatto desistere in molti dal prendere l’aereo. È ovvio che in tali condizioni risulta impossibile valutare con obiettività. Ma con queste domande cosa vorresti dimostrare? E soprattutto, ripeto e ripropongo: perché il presidente Oliverio ha così fortemente voluto prendere e prerendere la gestione dell’aeroporto di Crotone? Se è una struttura inutile perché tutto questo interesse e perché tutti quei proclami di rilancio?

  18. @ Francesco:
    Risposta errata, come sarebbe stato errato rispondere il punto 1. A mio avviso la verità sta nel mezzo. Il punto 2 è errato perché il traffico generato da Ryanair è stato drogato dagli incentivi ed ha gonfiato i passeggeri. Ryanair incassava 16 Euro per ogni passeggero (una cifra esorbitante, oltre il triplo di quanto prende negli altri scali) che fanno circa 4 milioni di Euro l’anno.
    Non voglio dimostrare nulla, vorrei che le persone possano capire che avere a tutti i costi Ryanair a Crotone è come pretendere a tutti i costi che il Crotone Calcio possa fare sempre la Serie A.
    La dimensione dell’Aeroporto di Crotone è prevalentemente turistica/charteristica ecco perché la Regione lo ritiene utile, ma per potersi mantenere ha anche bisogno del normale traffico di linea che non sono di certo i 280 mila passeggeri generati da Ryanair, ma bisogna abbassare l’asticella.

  19. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Allora che siano chiari presidente della regione e della sacal una volta per tutte. Come riportato nei precedenti messaggi, sono stati loro ad affermare di avere pronta una compagnia a volare per Roma, Milano, Bologna e Londra. Sono stati loro a volere a tutti i costi la gestione, sono loro ad aver annunciato aperture e ripresa dei voli. Al momento del dunque è calato il silenzio, nessuna risposta certa, nessun accenno al nome della compagnia, il nulla. Anche se ci fossero problemi, non sarebbe corretto farlo sapere, magari in una conferenza stampa? Prendere in giro la gente in modo così sfacciato è normale?

  20. @ Francesco:
    Ho letto che domani mattina ci sarà una conferenza stampa del Presidente SACAL.

  21. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Grazie per l’informazione

  22. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Se è possibile, puoi dirmi dove posso trovare questa notizia? Grazie

  23. Appena pubblicata nota Sacal Sarà la Compagnia austriaca Flyservus ad effettuare il primo collegamento, lo stesso vettore che successivamente baserà sull’aeroporto di Crotone un aeromobile Boeing 737-300 e un Airbus 319 con capacità di 148 posti, per collegare lo scalo pitagorico con Roma e Milano Malpensa con due frequenze giornaliere, Bologna con frequenza giornaliera e Londra Luton con voli bisettimanali http://www.ilcrotonese.it/aeroporto-crotone-compagnia-flyservus/

  24. @ Franek:
    A parte i legittimi dubbi sulla compagnia (mai sentita), accogliamo la notizia con cauto e prudente piacere. Parte del danno è stata già fatta, perchè la stragande maggioranza, se non tutti, avranno già programmato gli spostamenti per le imminenti feste. Staremo a vedere.

  25. @ Francesco:
    Non esiste il comunicato da te riportato sul sito di Assaeroporti.
    Rinnovo quindi la richiesta a linkare questo comunicato.

    Tu mi chiedi perchè Oliverio si sia battuto per gestire l’aeroporto di crotone.
    Ti rispondo con un’altra domanda: quanti anni hai?
    Sai cosa significa per un politico poter gestire soldi e poltrone? Sai cosa è il consenso elettorale?

    Tu pensi che ad oliverio interessi realmente il fatto che tu debba prendere l’aereo a crotone invece che a lamezia?

    Ora vedremo questa compagnia, appena vi spara 200 euro a biglietto per andare a roma, quanti pax fa…e li non avete alibi; vi hanno messo i voli…se no si chiude.

  26. risulta che il sant’anna pagava 16 € x pax a rayaner…che per questo no volerà su crotone.
    ma la matematica nn è un opinione!
    Rayaner: 30€ A/R +16€ a carico pax=46€
    o no?
    è così difficile.

  27. @ Pilota75:
    Sono in viaggio, ovviamente non su un aereo. Ho fatto una ricerca rapida e mi è comparso questo:

    “ Assaeroporti ha pubblicato i dati relativi all’intero 2015 sulla movimentazione di passeggeri: a Crotone il 445% di incremento sul 2014“

    http://www.crotone24news.it/territorio/10264-l-aeroporto-di-crotone-il-primo-in-italia-per-incremento-di-passaggeri.html

    Qui invece in riferimento al coefficiente di riempimento ed il diritto alla mobilità: http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/impresa-e-territori/2016-10-27/ultime-ore-vita-l-aeroporto-crotone-152342.shtml?uuid=ADTUKXkB&refresh_ce=1

    Davvero non comprendo questo tuo ostinato battere su questo dato. Seppur non esperto in materia, capisco che se qualcuno dice che c’è un coefficiente di riempimento tra i più alti d’italia, questo significa che gli aerei risultano più pieni di passeggeri rispetto alla media. Questo dato è facilmente calcolabile o reperibile facendo la media tra passeggeri e numero di posti dell’aeromobile. Non è necessario nessun articolo ulteriore a supporto di questo.

    Sui consensi elettorali sono d’accordo con te. Ma qui il popolo inizia a non sopportare più. Te lo posso garantire. Quindi anche tu confermi che sia solo una presa in giro.

    Che il giochino della ignota flyservus sia il solito pretesto per far richiudere l’aeroporto, questo lo sappiamo in tanti. Purtroppo. Così come in tanti sono i cittadini pronti ad una civile e ferma protesta.

  28. @ Pilota75:
    Puoi chiedere al giornalista del sito che ti ho linkato dove ha reperito le info in merito ad assaeroporti. Buon proseguimento.

  29. @ Francesco:
    Non devo chiedere a nessuno.
    Assaeroporti per regola non fa comunicati.
    Sono tutte deduzioni fantasiose di uno scribacchino.

  30. @ Pilota75:
    Ok, perfetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.