Aeroporti Calabria: UGL TA, “quali selezioni dovrebbero essere fatte? e come?”

Riceviamo da UGL TA e pubblichiamo:

Per Il Presidente SACAL

Egregio Presidente De Felice

Si parla,con insistenza, di queste filodrammatiche selezioni per scegliere chi e come  dovrà essere collocato nei possedimenti SACAL, lotti aeroporti di Crotone-Sant’Anna e Reggio Tito Minniti, procedimento trattato fuori da ogni regola e del buon senso. Ci piace ricordare, e ce ne scusiamo, che in tempi andati le selezioni non erano dei giochi di prestigio  da far uscire da un cilindro da mago, ma normalissime indicazioni professionali e, in alcuni casi, una specie di esame dei candidati, ma nulla di misterioso che qualcuno vuole far passare come una formula particolare di rinnovamento, a cui, ENAC ha dato l’imprimatur assurdo, per il fatto stridente di non aver cercato di tutelare il personale esistente sugli scali gestiti da precedenti società fallite, si è invece premurata di stabilire l’accorpamento dei deficit da parte del vincitore del bando, in questo caso la SACAL che, ingenuamente, ce lo si conceda, si è fatta spennare come l’ultimo pollo, presa dalla smania di grandezza senza un orizzonte pratico. Smettiamola di fingere, Crotone,snodo di traffico e di possibile turismo, ha 27 persone ferme in attesa, un largo bagaglio professionale che non può essere cancellato, come per Reggio Calabria che definisce quell’area dello stretto con legami siculi e con le sponde dell’Africa, circa 104 persone per una selezione di 29, puerile oltre che offensivo al settore aereo della  regione. DEL RESTO, CI PIACEREBBE SAPERE QUALI SELEZIONI DOVREBBERO ESSERE FATTE? E COME? Attendiamo, senza voler essere polemici,(non ne vale la pena) ma nel rispetto del sociale e della serietà, che ci si risponda e soprattutto che si arrivi ad un tavolo di confronto tra la nuova dirigenza e le OO.SS, per porre dei paletti e esercitare una presenza competente.

Egregio Presidente  continuando le nostre verità, crude e nude, senza voler essere offensivi,cosa ci dice del reinserimento dell’ex-componente della direzione del personale SACAL  ULTIMAMENTE INQUISITA E SOSPESA?Anche se  la mente di qualcuno ha organizzato un atto strano per tirarla fuori dalla “palude” è comunque indagata. Ci si consenta l’ironia: è  forse un premio alla carriera? Finiamola con questo perbenismo da piccoli borghesi, sapete tutti quali carichi pendono, non facciamo finta di non conoscere gli atti e le situazioni, soprattutto con un presidente che è un uomo di legge, a cui, a titolo di cronaca, vogliamo ricordare di quegli  operai sospesi, inquisiti e in attesa di responso delle cause indette contro la società per l’abuso commesso. LA VERITA DIFFICILMENTE VIENE ACCETTATA PER QUELLO CHE DICE E PRESENTA, TUTTI COLORO CHE NON INTENDONO SEGUIRLA E CAPIRLA CERCANO DI ANNACQUARNE I CONTENUTI CON FATTI E ATTI DIVERSFICATI NEL NULLA  O CON LE SOLITE DENUNCE E CON L’IMPUTAZIONE DI AVER DETTO LA SACROSANTA VERITA’. L’UGL Trasporto Aereo non accetta critiche dettate dall’appartenenza di parte e senza una concreta dimostrazione del contrario. LE CRITICHE SONO VALIDE SOLO SE COSTRUTTIVE. Ci si voglia nuovamente scusare per il breve seguito: Come mai la scritta luminosa sull’aerostazione e tronca in alcune lettere? Perché elementi in attesa dei voli serali, sostano nella sala d’attesa facendo passeggiare  i propri cani al guinzaglio e senza museruola?. Presidente anche queste minuzie sono parte della cultura aerea!  Il rispetto e l’applicazione fanno grande la struttura.

Gianfranco Turino – Centro Sudi UGL TA Calabria

Giuseppe Di Cello – Segretario Provinciale UGL TA Lamezia

Lamezia  4 agosto 2017


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

6 commenti

  1. Questi, oltre ad essere ridicoli, sono proprio litigati con l’italiano….Ahahah

  2. @ Pilota75:

    .io ci aggiungo pure con la missione Sindacale.
    Mi chiedo come si possa essere rappresentati da coloro i quali perpetuano il metodo clientelare.
    Clientelare perché, a mio modesto avviso, anche in questo caso il problema che cercano di porre non è la quantità, ma chi dei 29 deve essere assunto.
    Clientela a go-go io la definisco, la stessa che ha affossato Sogas.

  3. Forse ho capito il senso…
    Siccome alla direzione del personale è stata ripristinata una persona inquisita e sospesa, per tutte le altre posizioni, durante la selezione, deve essere data la priorità agli ex-dipendenti inquisiti e sospesi.
    … ho capito giusto? 😀 😀 😀

    PS: ok, ok, ero solo sarcastico

    PS2: ci dev’essere stato un errore di trascrittura, non possono essere veramente 104 i dipendenti SOGAS

  4. Una volta anche i dirigenti sindacali si sapevano esprimere correttamente in lingua italiana. Alcuni, invece, sembrano arrivati da …Marte e fanno a pezzi la grammatica e la sintassi.
    E’ comprensibile il desiderio di tutelare chi è rimasto fuori dalla porta, ma non si può nascondere che molte delle assunzioni fatte dalla vecchia Sogas, fossero di natura clientelare. Il trasporto aereo non ha bisogno di autisti, portaborse e operai generici (e nemmeno di dirigenti strapagati e palesemente incapaci). Necessita, invece, di competenze specifiche. Alla Sacal potranno anche avere difetti e qualche peccato originale, ma stanno dimostrando che i voli si possono incrementare utilizzando solo il 30-35 per cento della vecchia forza lavoro. Spero, adesso, che riescano a sbloccare la trattativa con Alitalia perché Il Tito Minniti ha anche bisogno che rimanga l’ex compagnia di bandiera. Lasciamoli lavorare. E speriamo che vengano attivate nuove rotte con le altre destinazioni più richieste : Bologna, Pisa e Venezia.

  5. @ Antonio 64:
    Ciao,
    Concordo in tutto e per tutto.
    Effettivamente,se Alitalia resta,le possibilità per chi non va solo a Roma e Milano sono maggiori.
    E’ la sola compagnia che con un unico biglietto ti porta in tutti i continenti.

    Saluti.

  6. Infatti. Solo l’ex compagnia di bandiera può garantire le connessioni con i voli internazionali in partenza da Roma e Milano. Intendiamoci , ben venga Blu Panorama con l’annunciato l’incremento dei voli (e ringraziamo il cielo, ci mancherebbe altro!) ma il rilancio del Tito Minniti può avvenire solo se si crea un sistema misto con la centralità di Alitalia. Perchè è la sana concorrenza che fa bene al mercato.
    In passato il dialogo con Sogas era sempre complicato per la scarsa credibilità (e l’enorme incapacità) dei suoi dirigenti. Abbiamo avuto solo dei campioni del …nulla. Non andavano nemmeno alle riunioni romane per la programmazione degli orari, badavano solo alle loro clientele (e alle loro cospicue retribuzioni), incuranti dei bilanci in rosso. Oggi il clima sembra diverso. La Sacal, in tre settimane, ha dimostrato di avere l’esperienza giusta per intavolare trattative con le Compagnie. Non mi aspetto miracoli in breve tempo, ma spero che Alitalia ritorni al tavolo per dialogare. Sarà indispensabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.