Aeroporti Reggio Calabria e Crotone: UGL TA, “quale futuro per il S. Anna ed il Tito Minniti?”

Riceviamo da UGL TA Calabria e pubblichiamo:

Gli aeroporti  calabresi di oggi sono diventati i  dolenti mali  di questa nuova stagione delle inutili trovate per soluzioni che vanno solo a stridere con l’umanità sociale. Le società handling per la gestione dei due aeroporti, sono miseramente finite tra i registri dei tribunali, dichiarate fallite per esaurimento delle scorte economiche, insolventi a tutti gli effetti. Chiuse, cancellate, finite a fare la “muffa” nel silenzio dei tempi. Colpi di carta bollata, proteste e proposte, comitati vari, manifestazioni di piazza e richiesta dimissioni della politica cittadina, anche se le dimissioni dovrebbe darla l’intera classe partitocratica calabrese per la sua totale incapacità ad essere veramente coerente e corretta con le necessità collettive, allora  quale futuro per il Sant’Anna, il Tito Minniti e i suoi lavoratori? Nel variegato panorama aeronautico spunta l’affermazione, gratuita e non richiesta, del presidente ENAC, Vito Riggio, proteso a sollecitare la chiusura completa degli Scali di Crotone e Reggio perché, a suo avviso, inutili e dispendiosi, personaggio che prima di parlare dovrebbe guardare al suo interno e studiarsi in modo approfondito, la geografia della Calabria, invece di dettare pensieri e parole in libertà negativa. Lasciamolo  da parte, al momento è solo un ombra tra le tante che hanno tentato di affossare le  due strutture, guardiamo  le zone in cui sorgono e diamo, ai “sapientoni ciarlatani” quella risposta che non hanno saputo o voluto trovare sul triangolo aeroportuale calabrese. Tra Crotone e Lamezia ci sono 110 km con una strada solo in parte a scorrimento veloce mentre per un buon tratto attraversa una successione di paesi densamente popolati, per cui si esclude il collegamento pullman tra i due aeroporti perché dispendioso e con tempi lunghi(servirebbe una metropolitana di superficie, ma per metterla in cantiere e farla funzionare ci vorrebbero un abisso di anni e di finanze che non ci sono) tra Lamezia e Reggio Calabria, la stessa distanza, con la parte finale che entra nello spaccato cittadino, anche qui una navetta è improponibile sia per i tempi d’impiego che per i soliti costi. L’incompetenza politica e la superficialità prosegue con un volersi distaccare dai fatti e non accettando il rapporto con il sociale, un atto che perseguita da sempre la nostra storia e non si riesce a sradicarne il mal vezzo nostrano; a causa di questa cecità l’aeroporto dello stretto (come riporta la dicitura sul frontale d’ingresso!!!) si ritrova con un ennesimo problema esistente in modo pressante ma di cui nessuno parla: i 41  dipendenti dell’Alitalia (Operai, Impiegati e tecnici) un tassello di questa stagione dei veleni aerei, che la regione non ha ritenuto di prenderne visione. Forse questi Alitalia sono considerati appestati e apportatori di scabbia? Cerchiamo di essere seri, non si può piangere al negativo tirando fuori conti in rosso per i quali si sbandiera la mancanza di fondi e poi si continua a finanziare la manutenzione della pista aviosuperficie di Scalea o seguire le richieste per l’aeroporto di Sibari.(due  momenti che vanno abbandonati senza rimpianti per evitare altri pericolosi tracolli ) Noi, come UGL Trasporto Aereo Calabria, chiediamo risposte e certezze su la continuità attiva con il mantenimento del personale (si muova la politica per trovare il modo per garantirne effettivamente l’utilizzo e non con semplici parole) del Sant’Anna Crotone, struttura di necessità  primaria della zona, la soluzione rapida del Tito Minniti di Reggio Calabria per la fluidibilità dell’aria dello stretto, con la conservazione delle figure professionali dell’ex – SOGAS e la certezza dell’utilizzo dei dipendenti Alitalia nel momento in cui la compagnia di bandiera dovesse abbandonare lo scalo reggino ( anche per questo sia la politica regionale a trovare una soluzione valida e non danneggi occupazione e sviluppo). Non si può continuare a muoversi su diversi tavoli solo per motivi elettorali e non per la socialità della Calabria, sistemiamo le situazioni pericolose esistenti e poi andiamo anche a discutere e progettare su le mega intenzioni di creare l’increabile.

Gianfranco Turino

UGL REGIONALE  TA CALABRIA

Giuseppe Di Cello

UGL TA PROVINCIALE LAMEZIA


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

7 commenti

  1. Ma chi sono questi igonranti? Certo che quando incontrano i vertici delle società di gestione gli ridono in faccia…ahahah

  2. @ Pilota75:

    Infatti.
    Leggerli è più che sufficente

  3. Interessante introduzione a … ma a cosa? quale sarebbe di preciso l’accusa e la motivazione? quali sarebbero le contro proposte? dov’è un’ipotesi di piano strategico?
    Quello che c’era non va bene, quello che c’è non va bene, quel che si vuole fare non va bene… e quindi?
    boh…

  4. @ Demetrio:

    Quindi assumiamo tutti
    -(quelli che hanno delle remore, compresi novantenni e neonati, saranno coercitati- e …………. chi si è visto si è visto.

    Tanto qualche alloco che ci crede lo si trova sempre.

  5. 🙁
    Nel dito mi è rimasta C

  6. @ Demetrio:
    nulla…non lo sanno neanche loro. A parte le castronerie varie…

  7. basta con questi cialtroni di pseudosindacalisti è la rovina della nostra nazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.