Aeroporto di Sibari spreco inutile. Aeroporto dello Stretto prossimo alla chiusura?

Riporto dal giornale “Calabria Ora” il seguente articolo:

http://www.aeroporticalabria.com/wp-content/uploads/2008/12/sibcaora.pdf

Il giornalista esordisce così: “La Calabria è servita da tre aeroporti; direte troppa grazia. Soltanto uno funziona (Lamezia), però, l’altro sta chiudendo (Reggio Calabria) perchè oberato da una mole soverchiante di debiti e da bilanci forse bugiardi. Il terzo (Crotone) è già chiuso da diverso tempo per lo stesso motivo.

Vera o non vera la notizia il dato di fatto è che c’è troppo silenzio, troppo immobilismo e forse troppo menefreghismo.

Prenderemo con il beneficio del dubbio anche quest’altra affermazione, tanto una in più una in meno non cambia niente.

Riguardo l’aeroporto di Sibari condivido quanto scritto sull’articolo.

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina:


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

5 commenti

  1. Ciao a tutti gli amici dell’aeroporto di reggio, della città e agli amanti della nostra (sfigatissima) terra.
    Mi presento, mi chiamo francescoe risiedo a trebisacce, a pochi km da Sibari che è qui dipinta come la “condanna a morte” per Reggio Calabria. Per come la vedo, il mitico “Tito Minniti” per sopravvivere deve: 1)essere “l’aeroporto del porto” di Gioia Tauro principalmente e poi dei porti minori di Reggio e Messina. In modo da garantirsi lavoro e garantire supporto logistico integrato alle realtà produttive che già CI SONO tra sudCalabria e nordSicilia. Per non dimenticare che a reggio calabria avete la direzione Regionale di Ferrovie dello Stato. Insomma bisogna mettere l’aeroporto al centro di una logica di trasporti integrati.

    2)Per quanto riguarda i passeggeri, il Tito Minniti deve essere la naturale alternativa a “fontanarossa” di Catania in modo da essere un riferimento per la Sicilia Nord orientale e per la Calabria del Sud. Attraverso pubblicità, integrazione dei servizi, qualità elevata e servizi cortesia.

    Amici miei reggini, concludo ricordandovi che la vostra caparbiatà, vi ha sempre fatto ottenere grandi cose.
    Non dimentichiamo che vi siete guadagnati il consiglio regionale della Calabria; che è UN ENTE ECONOMICAMENTE AUTONOMO. Che può dare una mano all’imprenditoria reggina, e che da sempre ha avuto presidenti reggini che di sicuro non hanno come primo interesse la mia disgraziata zona di calabria, cioè la sibaritide.

    Vi dico quindi che noi sibariti non siamo vostri nemici. Io vivo qui, e onestamente farmi quasi 400 km per prendere un aereo in riva allo stretto non li faccio manco ammazzato. Se voi guardaste ai tempi di percorrenza delle NOSTRE strade, vi renderete conto che noi siamo quasi isolati da voi; e che a noi conviene di piu arrivare a roma (meno di 600 km) piuttosto che a reggio. Come se non bastasse, la gente dalle mie parti ha come città di riferimento Bari e la Puglia, immaginate che in alcuni posti non si prende solo il tgr Puglia. Tutto questo discorso, per dirvi che a me sibarita non mi interessa avere l’aeroporto per “rubarvi il pane di bocca” ma avere i servizi essenziali. Secondo voi, costa di più costrure un Aeroporto a sibari oppure RICOSTRURE DA CAPO LA 106 E LA FERROVIA A BINARIO UNICO DATATA 1861? riflettete su questo. La risposta la conosciamo entrambi, costa meno l’aeroporto. Io da cittadino PREFERISCO STRADE E FERROVIE ALL’AEROPORTO. Ma i governi fin’ora non ci hanno dato quasi nulla, probabilmente non arriverà manco la TAV a Reggio Calabria e in più voi che vicino avete la locride sapete come è combinato il versante Ionico.
    Per quanto lontani siamo tutti calabresi, quindi SMETTIAMO DI POLEMIZZARE TRA DI NOI!!!!!!!!

  2. Ciao Francesco, ho letto con piacere il tuo intervento e trovo molto interessanti gli spunti di riflessione che hai evidenziato.
    Naturalmente ti invito ad iscriverti al Forum per poter continuare a discutere con tutti gli utenti del futuro aeroporto della sibaritide.
    Sarebbe riduttivo continuare in questa sezione che magari non tutti leggono.
    Cerco di risponderti in maniera concisa.
    Non si tratta di fare una “battaglia” Reggio-Cosenza oppure risuscitare inutili polemiche relative al Consiglio Regionale, al Capoluogo di Regione oppure alla sede dell’Università Calabrese.
    Bisogna guardare la realtà dei fatti.La Calabria ha 3 aeroporti distribuiti in 3 delle 5 Provincie.
    Non chiedo a chi abita a Trebisacce di servirsi del Tito Minniti ma può benissimo servirsi dello scalo di Crotone (150 Km) oppure Lamezia (140 Km).
    Un ulteriore cattedrale nel deserto, con le caratteristiche che tutti abbiamo letto, credimi non servirebbe a nulla.
    Nè agli abitanti della Piana, nè allo sviluppo delle innumerevoli attività presenti nel territorio sia a livello turistico sia a livello commerciale.
    Ribadisco il mio invito ad iscriverti al Forum .
    Buona giornata.

  3. Grazie della replica:D paaena torno a casa mi iscrivo. comunque ti ripeto ke a me va bene volare da lamezia o da crotone. peccato ke non abbia mezzi o strade adeguate per arrivarci. Ad esempio non c’è una sola ditta pubblica o privata di autolinee che colleghi la sibaritide direttamente a lamezia terme. Altrettanto per quanto riguarda ferrovie dello stato (provare per credere). Per quanto riguarda crotone con le autolinee è ancora peggio, non esistono pullman che collegano la mia zona con la città pitagorica. Con i treni invece, c’è l’handicap che arrivato a crotone dalla stazione fs all’aeroprto la navetta è più virtuale che reale (mia esperienza, son dovuto andare in autostop) in più di domenica treni quasi non ce ne sono. Tutto questo non tenendo conto che c’è la ss.106 da attraversare…..
    P.S. torno a sottolineare: io preferisco strade e ferrovie all’aeroporto!!! ma da come vanno le cose… immagina che il cipe ancora non ha manco i soldi per finanziare la 106 fino a corigliano calabro…. e con quella strada si dovrebbe arrivare a kr, cz, nella locride e infine a reggio.

  4. Dovere Frà!!!:)
    Comunque conosco molto bene i luoghi che citi, per esigenze familiari spesso mi sono trovato a viaggiare tra Reggio Calabria e Rossano e concordo pienamente con te quando citi le Ferrovie e le strade come da “terzo mondo”.
    Ormai nell’alto Cosentino, di più nelle zone centrali e in quella jonica, l’autobus è il mezzo di trasporto preferito per i medi-grandi spostamenti.
    Rimango però dell’avviso che in una Regione come la nostra, non possiamo permetterci il lusso di un ulteriore aeroporto.
    Piuttosto bisogna puntare all’immediato rilancio dello scalo di Crotone e ad una seria politica di sviluppo del traporto pubblico locale.
    Non è plausibile che debbano trascorrere altri 6 anni per il completamento della A3 e almeno altri 10 per l’adeguamento della 106.
    Bisogna cercare di alleviare i disagi delle popolazioni delle zone “lontane” da aeroporti (Crotone e Lamezia) o dalle grandi direttrici ferroviarie ( nella tua zona ad esempio solo Paola o Scalea, possono ritenersi tali). con un sistema di trasporti capillare da e verso questi nodi.

  5. @ trasportista:
    carissimo, francesco a pienamente ragione, e ti spiego il perche
    se da sibari vuoi andare senza scomodare qualcuno agli aeroporti di lamezia o di crotone è praticamente impossibile in tempi ragionevoli. Eppoi per quale ragione del mondo si deve andare a Crotone dove non ci sono collegamenti con il nord italia, e quei pochi hanno costi più alti rispetto a Lamezia. Concordo con te, quanto sostieni che 4 aeroporti sarebbero troppi, per cui bisognerebbe avere la ragionevolezza di chiuderne uno che non potrà mai aver sviluppo, e cioè crotone, sia perchè ha un bassissimo bacino di utenza, sia perche scomodissimo da raggiungere. La Calabria è nella sua zona più sviluppata e popolata, cioè la sibaritite, completamente tagliata fuori, questo anche perchè nel passato ma anche oggi, ci sono stati politici che non hanno assolutamente difeso le ragioni del territorio sibarita. Quindi la mia proposta è chiudiamo crotone, e si faccia un aeroporto in una zona turistica( arco jonico cosentino e metapontino) dove in estate la popolazione raddoppia( oltre 1 milione di abitanti) è dove ci sono 450 mila posti letti destinati al turismo
    Questi sono i numeri, e su questo bisogna ragionare, l’aeroporto non si deve fare solo per i locali, ma soprattutto per i turisti, che non possono sobbarcarsi un viaggio dal più vicino aeroporto di almeno 3 ore di autobus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.