Aeroporto Reggio Calabria: Chizzoniti sul Bilancio 2015 SOGAS chiuso con 9 milioni di perdita

Riceviamo dall’Avv. A. Chizzoniti e pubblichiamo:

“Alla Sogas, dopo anni scanditi da elastiche e fiabesche alterazioni di diversi bilanci, finalmente hanno gettato la maschera!”. Comincia così l’esposto n. 11 depositato qualche giorno addietro dall’Avv. Aurelio Chizzoniti a seguito dell’avvenuta approvazione in data 29/07/2016 del bilancio Sogas 2015 da parte dei soci proprietari che hanno dovuto fronteggiare la cruda realtà di ben nove milioni di euro di perdite irresponsabilmente tardivamente accertate. L’Avv. Chizzoniti richiama l’attenzione della Procura alla quale chiede convincenti approfondimenti investigativi per capire:

  1. come sia stato possibile che con un bilancio in utile che sarebbe stato prodotto nell’esercizio 2012 (approvato nell’anno 2013), la Sogas sia passata repentinamente ad una devastante e travolgente perdita per nove milioni di euro praticamente generata dopo appena trentasei mesi rispetto all’anno di grazia (2012) quando la società avrebbe “chiuso” con un utile di oltre centomila euro;
  2. la funzione del Collegio dei Sindaci– presieduto dal Dott. Antonelli da almeno dieci anni e composto anche dal Dott. Pensabene onnipresente negli ultimi ventidue anni – preposto ai controlli contabili (si fa per dire), “visto” che il bilancio 2011 (esercizio 2010) era appesantito da una perdita di circa tre milioni di euro e quello 2012 (esercizio 2011) è stato ostentato in pareggio fino all’incredibile, palese manipolazione di quello 2012 approvato nel 2013 con un utile alla Mago Silvan;
  3. il ruolo dell’Amministrazione Provinciale che a fronte dello sfascio che precede riconosciuto anche dall’ex Presidente della Sogas “rischiavo la bancarotta”, non ha esitato ad accanirsi finanziariamente nei confronti della società di gestione nel patetico tentativo di evitarne il fallimento, la cui opzione invece è stata aliunde responsabilmente esercitata per l’Aeroporto di Crotone senza incidere minimamente nell’attività operativa. Sul punto – Chizzoniti prosegue – rammentando l’assoluto divieto di ripianare debiti a favore delle società partecipate che abbiano registrato perdite per tre esercizi consecutivi di cui all’art. 19 del testo coordinato del D.L. 31/05/2010 n. 78 e successive modificazioni.

Chizzoniti continua affermando che l’imponente perdita faticosamente ormai emersa dopo anni di connivenze, contiguità e subdole tergiversazioni, per un verso certifica la fondatezza dell’istanza di fallimento già formalizzata dalla Procura della Repubblica Reggina saldamente ancorata – ex plurimis – alla “mancata rilevazione delle perdite effettive”, alle “perdite latenti sino ad oggi nascoste” ed all’accertamento di “come la Sogas S.p.A. versi in una condizione di irrimediabile insolvenza”, per altro attesta e documenta le gravissime e fin qui impunite pregresse manipolazioni dei bilanci Sogas più volte denunciati dal febbraio 2014 ad oggi. Chizzoniti richiamando in ordine alla sussistenza del reato di falso in bilancio anche una recentissima, inequivocabile sentenza della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite, conclude con una eloquente stoccata laddove afferma di trovare “strano che in una realtà cittadina dominata da cupole et similia, le fraudolente gestioni milionarie della Sogas siano clamorosamente sfuggite a diversi livelli, ivi compresi quelli investigativi nella cui cornice nessuno può dire di non essere stato adeguatamente informato e documentato”.


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

2 commenti

  1. Ricordo quando nei passati articoli manifestavamo tutti i nostri dubbi, ora si spera che si possa fare maggiore chiarezza. Di certo mi viene difficile credere che sotto la gestione Bagnato, in appena 4 mesi si possa essere creata una voragine di ben 9 milioni di Euro.
    Mi auguro che da Settembre ENAC possa rendere pubblico il Bando per individuare il nuovo gestore.
    A Crotone furbescamente hanno pensato di creare una nuova Società di Gestione, ma con la stessa compagine azionaria della fallita Sant’Anna. Ovviamente la procura se n’è accorta ed ha sequestrato tutto.
    La costituzione di un unica Società di Gestione per i 3 Aeroporti calabresi richiede troppo tempo. Ora SACAL si potrebbe trovare con l’imbarazzo della scelta, ovvero, partecipo per il bando per Reggio Calabria? partecipo per il bando per Crotone? oppure nessuno dei due?

  2. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportoRC.com):
    Calcolando che in città viene deciso tutto in un comitato ristretto di soggetti, cosa costoro intendano fare, continuare a rendere lo scalo ad uso e consumo proprio, o provare davvero a farlo sviluppare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.