Aeroporto Reggio Calabria: FILT-CGIL, Aviapartner assume solo 12 dipendenti SOGAS

Riceviamo da FILT-CGIL e pubblichiamo:

È successo: il servizio di assistenza agli aerei ed ai viaggiatori, il cosiddetto handling, dell’Aeroporto dello Stretto dal prossimo mese di ottobre è stato ceduto alla società Aviapartner.

Il presidente del Consiglio d’Amministrazione della Sogas aveva dichiarato mesi addietro che questa operazione avrebbe comportato una consistente riduzione del personale e quindi dei costi aziendali. Ebbene i lavoratori che saranno assunti il prossimo 1 ottobre da Aviapartner sono soltanto dodici e sono tutti dipendenti della Sogasservice.

Il tanto decantato obiettivo della riduzione della forza lavoro e quindi del costo del personale non si è realizzato. Ma c’è di più: dal 1 ottobre, infatti, la Sogas non potrà più contare sugli incassi da parte dell’unica Compagnia aerea, Blu Panorama, che atterra e decolla dall’Aeroporto dello Stretto, perché l’assistenza ai voli Alitalia è svolta direttamente dal vettore.

Tutte le Società di gestione degli aeroporti traggono i loro utili dalla cosiddetta attività commerciale: autonoleggi, esercizi commerciali presenti in Aeroporto, pubblicità. La Sogas, con grande sagacia, ha fatto scappar via gli autonoleggi, affitta solo a due bar e ad un altro negozio i propri locali commerciali e non offre a nessuna azienda spazi pubblicitari.

Su quali incassi potrà contare la Sogas? Nulla o pochissimo! Quindi la prossima volta che le organizzazioni sindacali saranno convocate con la solita proposta di mettere in cassa integrazione il personale dichiarato in esubero si sentiranno dire che la cassa integrazione riguarderà tutto il personale, visto che non ci sono più fonti di reddito e quindi non c’è quasi più nessuna entrata.

Ma parliamo del personale che verrà assunto da Aviapartner.

Dei 20 dipendenti che si sono presentati alle selezioni, invitati oggi per domani con un avviso affisso in bacheca, solo 12, tutti ex Sogasservice, ma non tutti quelli che lavoravano nell’handling, sono stati selezionati da Aviapartner.

Una “piccola” precisazione: il passaggio alla nuova Società di handling non è visto di buon occhio da nessuno (chi ha potuto, godendo di appoggi influenti, ha cercato di evitarlo, facendosi trasferire in altri settori o facendosi dare altri incarichi) e viene vissuto come una punizione, per cui tutti sanno che i 12 che passano ad Aviapartener sono gli unici dipendenti che non si sono prestati alle logiche perverse del “sistema Porcino” tant’è che alcuni di loro sono in causa con la Sogas, per cui vanno puniti.

Infine bisogna dire che i dodici dipendenti selezionati dal nuovo Handler (si chiamano così le società che gestiscono l’assistenza agli aerei ed ai passeggeri) saranno assunti come se non avessero mai prestato la propria attività in Aeroporto ed invece lavorano con le stesse mansioni da oltre dieci anni, prima alle dipendenze della Ditta Consulta e della Ditta Omega, poi della Ditta Giacchieri ed infine della Sogasservice. Così godranno degli enormi benefici del “jobs act” che il Governo Renzi ha assicurato ai “nuovi” assunti: potranno, per esempio, essere licenziati anche senza giusta causa con un irrisorio indennizzo.

L’Aviapartner si avvantaggerà per davvero, perché chi assume con il “jobs act” ha consistenti incentivi economici e, come al solito, lo Stato ci rimetterà bei soldoni ed i privati si riempiranno le tasche a spese dei contribuenti.

Che magnifica operazione! Che successo straordinario!

Attilio Scali


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSixtSkyscannerTerravisionTrivagoVolotea

16 commenti

  1. Da quello che capisco: i 12 ora devono lavorare come tutti i dipendenti privati e quindi non possono più farsi i loro comodi e “giustamente” i sindacati si lamentano!
    viva l’italia!
    Vorrei chiedere al sindacalista: perchè finora i SOLDONI alla sogas non li hanno dati i contribuenti per riempire le tasche dei nullafacenti lavoratori sogas?

  2. @ Pilota75:
    Da quello che capisci capisco quanto sei ignorante!

  3. @ soldatino.49:
    ed io capisco che tu sei scali o uno dei 12 che ora deve lavorare altrimenti…anda…benvenuti alla normalità! ahahah

  4. Mi hai dato la conferma ma non c’era bisogno.
    Confermo quanto sopra.

  5. @ soldatino.49:
    come ti rode…..vai a lavurà…ahahah

  6. @ soldatino.49:
    @ Pilota75:
    Mi chiedevo se fosse possibile trovare un punto d’incontro per argomentare creando un bel dibattito, ma forse chiedo troppo.

  7. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportoRC.com):
    A disposizione.
    Io ho posto due questioni…evidentemente non favorevoli ai sindacalisti e da qui l’insulto…
    Ripropongo:
    il sindacalista chiude dicendo che adesso saremo noi contribuenti a pagare questi stipendi.
    La mia domanda: finora chi ha pagato la sogas? Noi contribuenti…cosa cambia quindi?

    Nel merito.
    Quale è il problema che 12 persone che in sogas avrebbero rischiato il licenziamento o la cigs ora abbiano trovato collocazione in altra azienda?
    nOn dovrebbero essere contente?
    Se si lamentano significa che forse in sogas facevano quel che volevano….

    Possiamo parlare di questo?

  8. @ Pilota75:

    A fronte di un auspicato, e sempre auspicabile, incremento della produzione (+ voli che determinerebbero un aumento del vero lavoro) rimasto tale per le inefficienza (assenza?) di Sogas o, in alternativa, di un ipotetico spostamento in altro scalo nel caso in cui la ventilata operazione di un’unica società di gestione andasse in porto, il problema potrebbe essere costituito dal ritrovarsi nella condizione in cui puoi essere mandato a casa senza batter ciglio ma con in cambio 4 sporchi euri.

    Per quanto riguarda la prima questione, non mi pare che nel comunicato si dica quanto scrivi.Tutt’altro.
    Io ho letto un mettere al centro della questione il fatto che l’unico a guadagnarci sarà la nuova società privata oltre che evidenziare l’ennesimo obiettivo mancato di Sogas.

    Poi, sia chiaro, potrei anche sbagliarmi, non lo escludo.
    Eventualmente, consideralo un caso che ha tutte le caratteristiche per entrare a far parte della folta casistica degli uomini che pigliano lucciole per lanterne.

  9. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportoRC.com):

    Trovo lodevole il tuo pronto richiamo.
    Non a caso mi permetto di aggiungere che se un giorno ci dovessimo ritrovare a parlare di aeronautica e tu mi apostrofassi con un:
    ignorante!
    non lo considererei certamente un’offesa in quanto realtà.

  10. Concordo pienamente Roberto, chiedo scusa a te ed ai lettori del sito ma quando ci vuole ci vuole. Del resto non voglio argomentare con chiacchiere da bar anche perché lavare la testa all’asino si perde l’acqua ed il sapone. Permettetemi un’ultima cosa: Pilota se io sono Scali o uno dei 12 te sembri Porcino o uno dei suoi camerieri.

  11. @ Emigato:
    Stavolta non riusciamoa d essere d’accordo.
    Parlando solo del merito e senza voli pindarici di ipotetiche gestioni uniche, ti ricordo che si parla di handling; nulla a che vedere con la gestione di un aeroporto.

    Tu dici che non vedi la polemica da parte del sindacato sull’assunzione di 12 persone.
    Perchè allora arriva a dire che i 12 sono stati “puniti”?
    Perchè offende gli altri lavoratori, facendo intendere che sono degli imboscati?

    se finora questi lavoratori, per come dichiarato dal sindacato, erano sempre addetti all’handling, perchè è un problema che ora lavorino presso aviapartner invece che sotto sogas service?
    A me viene solo in mente che ora dovranno DAVVERO lavorare…resto in attesa di smentita, con un discorso e non offese, ma non credo arriverà mai.

    sul punto contributi.
    A parte che le facilitazioni previste dal jobs act non sono quelle descritte dal sindacato (spero lo abbiano scritto non per ignoranza di norme che dovrebbero conoscere, ma solo per fare effetto); mi spieghi a me cittadino che paga le tase cosa cambia se dal 1 ottobre i miei soldi vanno alla sogas per pagare il dipendente x o vanno alla aviapartner per pagare lo stesso dipendente x?
    grazie

  12. @ Soldatino:
    Presupponendo che tu non abbia una così “alta” considerazione verso tutti i partecipanti a questo comunità, invece io ti pregherei di fare un piccolo sforzo illustrativo.
    Personalmente te ne sarei grato in quanto continuo a considerare l’apprendere come una insostituibile fonte dove attenuare la mia sete di crescita interiore.
    Ovviamente ne hai facoltà.

    Saluti

  13. A me non sembra proprio una punizione cosiderando il fatto che chi resterà in cassa integrazione guadagnerà 700 euro al mese e ci campi a malapena… e chi invece presterà servizio avrà uno stipendio dignitoso!! Certo figurare come neo assunti dopo anni di servizio non è il massimo…Ma è anche vero che la cassa integrazione non durerà in eterno! E allora i privilegiati saranno quelli che sono stati assunti con l’aviapartner!!

  14. @ Ciccio:
    Bravo…anche tu quindi hai capito che per loro è una punizione essere stati assunti da aviapartner?
    Cmq se non hanno fatto il passaggio, la sogas deve dargli il tfr accumulato.
    Inoltre, mi sembra strano che tale procedura non fosse prevista dal bando, quindi i sindacati sapevano già tutto.
    Forse non hanno potuto pilotare le assunzioni?

  15. Cmq non vale la pena di affannarsi…tra poco si chiude:

    Dal sito ENAC
    GESTIONE AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA
    Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in merito all’avvio del procedimento di decadenza della gestione alla società Sogas affidata ai sensi dell’art. 17 della legge 135 del 1997, se entro il 15 ottobre 2015 la società non avrà dimostrato di soddisfare i requisiti economico-finanziari necessari al mantenimento della gestione, a fronte del tempo trascorso senza che siano state presentate all’ENAC evidenze concrete.

  16. @ Pilota75:
    X tuo post n 11… non potevo lasciarti senza una replica. 🙂

    E meno male dico io.
    Altrimenti sarebbe un continuo “parrari nto bumbulu” circondato dalla noia assoluta.

    Vado per punto.
    1 – Come sai non sono un esperto, ma presuppongo che quelle attività siano imprescindibili dal funzionamento di un qualsiasi scalo rendendo, rispetto al Lavoro (maiuscolo) e a quanto qui disquisiamo, secondario l’assetto societario dell’impresa a cui fa capo l’onere.

    2 –Non dice che sono stati puniti in senso assoluto, dice che è stato, per tempo, permesso ad altri di spostarsi ad altri settori per sfuggire a quella che viene vissuta (non che lo sia) come una punizione.
    Inoltre, denunciando un non meglio definito “sistema Porcino”, sferra un altro attacco ad un bersaglio che è anche il tuo.

    3 – Non dice che per noi cittadini cambierà qualcosa in meglio o resterà invariato, paventano in peggio.
    Peggio perché i frutti economici di questa operazione . che Sogas aveva preventivato come una somma equivalente del costo di venti dipendenti a fronte dei dodici realmente traslocati – andranno tutte al privato mentre gli otto continueranno a contribuire al passivo e quindi da noi retribuiti. Nella sostanza, ancora una freccia contro il comune bersaglio a fronte del quale tu, invece di sprizzare gioia da tutti i pori, trovi motivo di criticare.

    Critica che, con i tuoi scritti, ingenerosamente estendi ai dipendenti come se fossero l’origine dei mali quando, in effetti, sono sudditi del sistema imperante non da loro creato.
    Sistema che rende normalità l’intervento della politica (anzi la si invoca) anche per risolvere problemi di natura tecnica che fanno capo a due società private. (vedi spostamento del Milano)
    Comunque, come dicevi sopra, inutile affannarsi e sempre se non ritieni di replicare. Il capolinea per questa folle gestione sta per arrivare.

    Affettuosi saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.