Aeroporto Reggio Calabria: FILT – CGIL scrive al Presidente della Provincia Raffa

Riceviamo da FILT – CGIL e pubblichiamo:

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Nel corso della riunione da Lei convocata per il 16 aprile scorso ed impropriamente chiamata “tavolo tecnico”, il Presidente della SOGAS e l’Avv. Salmeri hanno comunicato alle Organizzazioni Sindacali presenti che, tra i dipendenti che svolgono in Aeroporto le mansioni di Responsabile in Turno, c’erano due persone inidonee.

Tale situazione si sarebbe potuta sanare solo con il licenziamento di questi dipendenti “inidonei” perché non c’era nessuna possibilità di reimpiego in azienda e, in vista di questa prospettiva, occorreva che i sindacati riconsiderassero il loro rifiuto di sottoscrivere la cassa integrazione.

Non abbiamo chiesto, quel giorno, come fosse stata accertata tale inidoneità, visto che i dipendenti non erano stati sottoposti a visita prima di tale dichiarazione, ed oggi scopriamo che i Responsabili in Turno sono stati invitati a presentarsi il prossimo 8 maggio per essere sottoposti “a visita medica di idoneità al lavoro”.

C’è da stupirsi per le capacità di prevedere il futuro del Presidente della SOGAS, perché l’inidoneità di questi lavoratori è stata stabilita un mese prima che fossero esaminati da un medico, ma c’è anche da formulare qualche domanda sulla questione.

Prima domanda: come mai i lavoratori, finora giudicati idonei e proficuamente utilizzati senza interruzione, potrebbero essere adesso ed improvvisamente incapaci di svolgere le proprie mansioni?

Seconda domanda: sa il Presidente della SOGAS che non è detto che questa certificazione di inidoneità sia sancita dal medico cui è demandata e che è un po’ imprudente mettere in ferie forzate i dipendenti in questione?

Terza domanda: quali sono i requisiti fisici previsti per svolgere le mansioni di Responsabile in Turno e quale norma li ha indicati?

Quarta domanda: i Responsabili in Turno che prestano la propria attività nell’Aeroporto dello Stretto sono stati sottoposti a visita all’atto della loro assunzione o della loro adibizione al nuovo profilo? Cioè in che modo, da chi e sulla base di quali requisiti fisici è stata accertata la loro idoneità, che adesso potrebbe eventualmente essere contestata, quando hanno cominciato a svolgere questo compito?

Noi abbiamo un’impressione, che certamente sarà smentita dal management aziendale, ed essa consiste nel fatto che, all’intenzione di gestire il personale con criteri dispotici e senza nessuna comprensione per le difficoltà delle persone, si aggiunga anche una scarsa conoscenza delle norme ed una fantasiosa interpretazione delle stesse norme. Il Presidente della SOGAS ritiene che il profilo professionale di Responsabile in Turno, essendo un profilo operativo, abbia dei requisiti fisici particolari e pensa di poter minacciare il licenziamento di una persona sulla base di una visita medica che sancisca quello che lui ha già stabilito, cioè la mancanza di tali requisiti. E su questa base ritiene di poter ricattare le Organizzazioni Sindacali per ottenere quello che vuole a tutti i costi: la cassa integrazione.

Forse ci vorrebbe qualcuno che lo informi che ci sono delle norme di legge alle quali ci si deve attenere, che lo si voglia o no. Vuole provarci Lei, Signor Presidente? Noi ci siamo arresi di fronte alla difficoltà di far accettare questo elementare concetto al management della SOGAS.


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

11 commenti

  1. Beh!?! E di che vi stupite? Tanto anche se denunciate non cambia nulla… Viva l’Italia anzi FORZA ITALIA! Grazie Presidenti…

  2. antonio raffaele

    Ragazzi la gente è stanca di guerriglie sindacali a colpi di comunicati. I diritti dei dipendenti sono sacri, ci mancherebbe altro. Ma la sensazione che si ricava è quella che anche all’interno delle organizzazioni dei lavoratori manchi una visione complessiva del trasporto aereo. Il loro ruolo dovrebbe avere un profilo più alto. Cosa può interessare alle grandi Compagnie, al ministero dei trasporti o all’Enac una vertenza sulla idoneità fisica di due impiegati Sogas? Sembrano beghe tra comari del vicinato.
    Aggiungiamo che l’utenza è sempre scettica di fronte alle dichiarazioni roboanti del politico di turno. Un consigliere regionale qualche giorno fa si è scagliato contro Alitalia perché la Compagnia di bandiera non abbassa le tariffe.
    Giusto, ma la sortita è frutto di una visione parziale e deviante. Ma lo sa o no che se l’Alitalia dovesse rinunciare ai collegamenti da e per Reggio, lo scalo rischierebbe davvero la chiusura perché l’impegno delle altre compagnie è sempre stato a singhiozzo? Perché non dice qualcosa sul taglio dei voli con Linate, sui ritiri di Volotea, Vuelig, Air Malta, e non propone l’apertura di un tavolo di confronto con Ryanair ? Perché non si chiede che fine ha fatto il bando per i voli con Bologna e Pisa? E perché non dice cosa ha fatto LUI in ambito regionale per promuovere lo sviluppo del “Tito Minniti” mentre i suoi colleghi di altre province hanno lavorato in sinergia per rafforzare Lamezia?
    Spesso si sproloquia per avere visibilità sui giornali e per raccattare consensi elettorali. Ma nessuno si rende conto che i problemi si affrontano con strategie illuminate, con consapevolezza e con competenze precise.
    Del resto cosa c’è da attendersi da una classe politica che sbraita solo dopo che le ingiustizie ai danni della città sono avvenute? Hanno votato la legge di stabilità, ma nessuno si era accorto che erano stati tagliati tre milioni di euro dai fondi del decreto Reggio. Votano e non sanno cosa votano, salvo poi a protestare.
    E che dire di un consiglio comunale che litiga sui diritti civili e dei partiti che si azzuffano sulla messa in ricordo di Mussolini? Le priorità sono altre e la città avrebbe bisogno di una incisiva terapia d’urgenza per uscire dalla crisi (e l’aeroporto potrebbe essere un volano importante). E perché non parliamo di una Regione Calabria che a sette mesi dal voto non ha ancora una giunta al completo?
    Probabilmente la colpa è anche nostra. Li votiamo perché all’interno di un panorama assai modesto non c’è molto da scegliere. Ci vorrebbe uno scatto di dignità per dire basta a quelli di ieri e svegliare quelli di oggi. Ma al momento non si intravedono segnali. Scusate lo sfogo, ma l’amarezza è troppa.

  3. @ Roberto
    Solo per segnalare che chi ha scritto il comunicato è un soggetto unico.

  4. antonio raffaele

    Quale comunicato? Quello sindacale? Se è così la sostanza dei miei giudizi non cambia.

  5. @ antonio raffaele:
    ma tu sai chi sono i sindacalisti di solito? Ti aspetti visioni ampie….basta vedere come è scritto questo comunicato….

  6. @ antonio raffaele:
    ??
    … Mi pare che nessuno abbia avuto tale pretesa.

  7. @ Pilota75:
    Proprio per questo ho segnalato lo svarione nel titolo 🙂
    che ho pensato fosse dovuto alla distinzione tra la FILT e la CGIL.

  8. Il presidente della provincia posta una foto su fb con il direttore di rynnair … Il Pisa e il Bologna lo farà lei??

  9. @ Xxx889:
    Mesi fa aveva postato la foto con il direttore di Blu Express, ma non mi pare ci saranno novità.
    Il Bologna e il Pisa non lo farà nessuno perche ENAC tiene congelato il Bando.
    Comunque due sono le cose, o la Provincia paga le perdite che ogni giorno produce la SOGAS o finanzia Ryanair. A voi la scelta…

  10. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10204277045671011&set=a.3831041779265.2134811.1374480303&type=1

    Figurati se viene realmente Ryanair… quelli vogliono i soldini, e soldini a REG non ce ne sono…

  11. @ flyreg:

    Emblematico questo commento:
    ” Finalmente la buona politica torna protagonista…ottimo lavoro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.