Aeroporto Reggio Calabria: il Sindaco Falcomatà intervistato da IlSaccente.it

Riportiamo da IlSaccente.it:

di Gianluca Groe

Tito Minniti: parla il sindaco Falcomatà

Falcomatà: Reggio ci affianchi in questa battaglia per il futuro dell’aeroporto e della Città Metropolitana

La Redazione de IlSaccente.it ha intervistato il sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà sui recenti sviluppi della “Vicenda – Aeroporto”, cercando di rispondere ai tanti interrogativi che la cittadinanza reggina si pone.

La tanto discussa “Vicenda – Aeroporto” ha visto una svolta positiva: Alitalia si fermerà a Reggio e verranno garantiti i voli. Ciò dà sollievo ai tanti fruitori dello scalo e dà sollievo in relazione alla continuità dell’esercizio provvisorio. Quali sono i prossimi passi da compiere per il rilancio dello scalo reggino?

Come abbiamo già avuto modo di affermare stiamo lavorando per il ripristino progressivo dei precedenti orari e subito dopo, in collaborazione con le altre istituzioni preposte, dal Ministero dei Trasporti alla Regione Calabria, lavoreremo affinché il nuovo soggetto gestore, Sacal Spa, a partire dal mese di giugno, lavori ad un nuovo piano commerciale per la programmazione volativa, coinvolgendo anche altre compagnie aeree. La vicenda è molto complessa, ma gli auspici per il momento sono positivi. In questo senso stiamo continuando a vigilare e chiediamo all’intera città, alle forze sociali, alle associazioni di categoria, ai sindacati, alla società civile di affiancarci in questa difficile battaglia per difendere e rilanciare il futuro non solo dell’aeroporto ma dell’intera Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Alitalia ha deciso di mantenere un solo volo per Roma ed uno per Milano. Come sottolineato dal PCI di Reggio Calabria, “si  tratta di voli assolutamente inutili, in quanto programmati in orari decisamente improponibili per tutti coloro i quali utilizzano il mezzo aereo per motivi di lavoro, di studio o per i tanti, troppi, viaggi della speranza legati alla sempre più esorbitante migrazione sanitaria”. La Federazione reggina del PCI e l’opposizione di Centrodestra considerano tutto ciò un fallimento, un vero e proprio lutto per la città. Per alcuni si tratta di un primo passo che porterà ad un sostanziale sviluppo dell’Aeroporto dello Stretto, per altri – invece – questa mossa rappresenterebbe il primo tassello di una definitiva chiusura dello scalo. Si tratta di considerazioni di carattere esclusivamente partitico? Non si tratta forse di una problematica che prescinde da ragioni di opportunità politica?

Non mi convince la posizione di chi intende speculare su questa storia per avere un po’ di visibilità politica. Questa deve essere una battaglia della città, non di una o l’altra parte. E’ paradossale che i responsabili di questa situazione di crisi oggi scendano in piazza a sventolare qualche bandiera con il chiaro intento di ricostruirsi una verginità politica. Non condivido questo modo di fare. Noi lo abbiamo detto chiaramente, convocando anche una conferenza stampa pubblica e in diretta streaming, per informare la cittadinanza: l’apertura dei due voli quotidiani per Roma e Milano è solo un primo passo verso la rinascita dell’aeroporto. In questo senso speriamo di avere presto qualche novità positiva.

Le critiche sono tante, ma la Città Metropolitana continua tenacemente a metterci la faccia. Qualche giorno fa lei ha convocato una riunione con i dipendenti del Tito Minniti che – tuttavia – hanno preferito declinare l’invito. Crede che la loro assenza sia dovuta ad una reazione di protesta o ritiene che si sia creata una situazione di speculazione generale?

Noi teniamo molto al futuro dei dipendenti dell’aeroporto. Ma è chiaro che in questa situazione ci sono soggetti che tentano di intorbidire le acque, provando a trasformare la vicenda e buttandola in politica, finendo per speculare anche sulle spalle degli stessi lavoratori. La situazione, come ho spiegato, è abbastanza intricata. Il fallimento della vecchia società di gestione dell’aeroporto, la Sogas, non è avvenuto a caso ed è il frutto di un decennio di scelte politiche evidentemente fallimentari. A fronte di questo abbiamo lavorato in sinergia con le altre istituzioni coinvolte anche nell’ottica della tutela dei livelli occupazionali. Su questo aspetto è stato aperto un tavolo tecnico, grazie alla collaborazione del Prefetto Michele Di Bari che ringrazio per la grande attenzione che sta dedicando all’intera vicenda. Lavoreremo in quella sede affinché la situazione possa concludersi in maniera favorevole.

Il Ministro Delrio ha affermato: “Sono molto fiducioso che entro la fine dell’anno avremo diverse compagnie che utilizzeranno l’aeroporto Tito Minniti”. Al di là delle critiche e di ogni colore politico, lei crede che questo impegno potrà avere un riscontro tangibile entro i termini previsti?

Si, lo spero sinceramente. Anche io sono ottimista, ma questo non significa che ci sia qualcosa di scontato. C’è tanto da lavorare. Le compagnie aeree sono soggetti privati che puntano al loro interesse finanziario. Noi come istituzioni abbiamo il dovere di lavorare affinché il nostro scalo, con la nuova società di gestione, diventi un hub attrattivo e aumenti la mole di traffico ed il suo bacino d’utenza. In questo senso stiamo già lavorando con le istituzioni che rappresentano la Città Metropolitana di Messina per favorire i collegamenti tra le due sponde ed intercettare l’utenza siciliana. Una strategia che si completa con l’apertura di nuovi bandi per tratte aeree onerate da parte della Regione Calabria. Anche in questo senso le prospettive sembrano positive. Si lavora su tanti fronti, spesso in silenzio ma alzando anche la voce quando necessario. I presupposti ci sono, il tempo dirà se avevamo ragione.

La Redazione ringrazia il sindaco Falcomatà per la disponibilità, la cortesia e – soprattutto – per aver creduto nel progetto giovane ed ambizioso de IlSaccente.it!

Fonte: http://www.ilsaccente.it/2017/04/2881/


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusHertzLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *