Aeroporto Reggio Calabria: parla l’A.D. di Alitalia e detta le regole

Riportiamo da GazzettadelSud.it:

“Sin dal dicembre 2015 il nostro management ha incontrato a più riprese – da ultimo lo scorso 8 febbraio – sia lei che suoi delegati e rappresentanti degli enti locali interessati. In ogni occasione la compagnia ha rappresentato l’insostenibilità degli operativi, pur assicurando piena disponibilità a proseguire le operazioni a fronte di un forte coinvolgimento istituzionale nella ricerca di misure idonee a garantire la continuità dei voli ed evitarne la chiusura. Purtroppo in ben quindici mesi non si è registrato alcun sostanziale progresso a riguardo”. Lo scrive l’a.d. di Alitalia Cramer Ball in una lettera – che l’ANSA è in grado di anticipare – al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. Nella missiva, in cui si evidenzia anche che “ad oggi Alitalia vanta nei confronti della Regione crediti per 1,853 milioni di euro”, Ball ribadisce la disponibilità a “valutare eventuali nuovi scenari, misure e forme di incentivazione di immediata attuazione” per ripristinare “in maniera sostenibile” i voli con Reggio Calabria.

Ball, in riferimento alla richiesta di espressione di interesse propedeutica alla pubblicazione di un Bando regionale, puntualizza che, visto che, “nelle proprie osservazioni la Commissione Europea ha evidenziato l’impossibilità di erogare incentivi per collegamenti esistenti e per l’aumento di frequenze”, la compagnia “ha ritenuto inutile proseguire sulla strada della sottoscrizione di manifestazione di interesse prima e dell’adesione ad un potenziale Bando Pubblico poi. Bando che ad oggi – aggiunge Ball -, è bene ricordarlo, non è ancora stato pubblicato”. L’a.d. di Alitalia fa quindi riferimento agli 1,853 milioni di crediti vantati dalla compagnia nei confronti della Regione “relativi ad attività di marketing scaduti ormai da due anni”: sul pagamento di queste somme “Alitalia ha ricevuto rassicurazioni circa il pagamento di tali somme”, ma “oltre ad essere lontani dal compensare le perdite della compagnia – sottolinea l’a.d. – gli impegni non si sono comunque mai concretizzati”. In aggiunta, Ball ricorda che “fino a pochi giorni fa l’aeroporto di Reggio Calabria – oggi affidato alla gestione della S.A.CAL. – era soggetto a procedura fallimentare, situazione che nel tempo ha impedito di negoziare possibili accordi di incentivazione”. Inoltre ricorda che nel dicembre 2016 la Regione si era impegnata a “facilitare eventuali soluzioni per il trasferimento del personale Alitalia attualmente impiegato presso l’Aeroporto Tito Minniti ad una società di handling terza, con conseguente riduzione dei costi per circa 2 milioni di euro”. Per garantire la sostenibilità delle operazioni da/per Reggio Calabria, Alitalia riconferma comunque la propria apertura “ad operare in regime di continuità territoriale, come già fatto in passato sulla rotta Torino-Reggio Calabria fino al 2014”, sottolinea Ball, ricordando che il riconoscimento della continuità territoriale dipende “esclusivamente dagli enti locali e dalle istituzioni nazionali preposte”.

Fonte: http://www.gazzettadelsud.it/news/reggio/236917/aeroporto-dello-stretto-alitalia-detta-le-regole.html


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

27 commenti

  1. Ok quindi i dipendenti Alitalia passeranno in SACAL. Lo avevamo scritto più di 6 mesi fa. Purtroppo in Alitalia non hanno ancora capito che la Continuità Territoriale non si può applicare su Roma e Milano. Su Bologna e Pisa non hanno voluto partecipare.
    In merito alla Manifestazione di interesse anche qui in tempi non sospetti avevamo scritto che non era molto appetibile per le compagnie aeree. Purtroppo TUTTI i politici pensano a sbandierare ai 4 venti solo degli slogan, come appunto ha fatto la Regione quando tutti i giornali titolavano che hanno messo 12 milioni di Euro per le compagnie aeree. Poi in realtà se uno va a vedere la manifestazione/bando si rende conto di quanti requisiti e cavilli ci sono da rispettare. E’ tutto costruito ad arte per fare in modo di non spenderli proprio questi 12 milioni di Euro, o al massimo se qualcuno dovesse superare tali paletti la Regione se la cava spendendo ad esempio solo 1 milione. E gli altri 11 che fine fanno?

  2. Ma cosa dice Ball!
    La gara della CT è andata deserta per due volte di seguito!
    Ma sa come funzione e che tempi ha?

    Tanto tra 1 mese lui va via…che non rompesse!

  3. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Come avevo scritto ormai un anno fa all’uscita della notizia di questi famosi 12 milioni….

  4. Prima se ne va l’Alitalia meglio è per Reggio Calabria!!!

  5. @ AIR:
    Non funziona così il mondo del trasporto aereo. Alitalia offre dei servizi. Hai soldi? Bene. Non li hai? Vola low cost e accontentati.

  6. @ AIR:
    Giusto sono d’accordo con te spazio ad altre compagnie a prezzi più contenuti e basta con questo monopolio. L’unico aeroporto in tutta Italia dove viene effettuata l’autoproduzione a costi vertiginosi BASTA!!!

  7. Io mi pongo una domanda! Ma se Alitalia ritiene di essere creditrice di €1.853 milioni nei confronti della Regione, perché non ha ancora proceduto a un recupero giudiziale di tali somme? Aspettando tra l’altro tanti anni prima di avanzare la richiesta?
    Alitalia vai a cercare altrove per pagare quelle divise di m***a che hai fatto ex novo senza alcuna utilità.

  8. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Io non credo che Sacal sia disponibile ad accollarsi 50 persone. A Lamezia è già rimasta scottata.
    Tranne che ne non abbia già accordi visto che ha messo a gara dal 40 al 100% la vendita della SACAL GH. Potrebbe assumere per poi farli transitare tutti in GH.

  9. Nel bando di gara per la concessione degli aeroporti non è prevista alcuna assunzione obbligatoria da parte del nuovo Gestore.
    Se dovessero assumere tutti sarebbe solo follia per una qualsiasi azienda. Risultato sarebbe il fallimento di tutti e tre gli aeroporti………@ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):

  10. @ Carlo:
    Credo che Roberto abbia fatto una considerazione in base alle parole di Ball.
    secondo AZ questa sarebbe la soluzione ottimale perchè ha 2000 esuberi.
    che ti dirò non sarebbe neanche male, almeno sono persone formate e sanno come muoversi.

  11. il mio pensiero e che anche questa volta gran parte della colpo l’ abbia la politica a tutti i livelli. se è vero come è vero che l’ amministratore Ball abbia sollevato il problema già 15 mesi fà perchè non si è provveduto per tempo?? che cosa si dicevano quando c’erano gli incotri tecnici tra governo, comune, regione e alitalia?? è possibile che si è dovuto arrivare fino a questo punto ??? E’ possibile che alla fine la responsabilità non è ne dell’ uno ne dell’ altro ??? queste sono le domande a cui credo nn avrò risposta. si paventa un ” troveremo altre soluzioni”. Vorrei capire come faranno in cosi breve tempo. intanto loro viaggiano senza problemi e nn pagando niente. i poveri noi mortali

  12. Ma che stai a di state zitti che è megli
    @ AIR:

  13. @ carmelo:
    l’unica colpa della politica è che pretende di gestire questi fatti.
    ti risulta che un politico romano si mette a questionare le scelte aziendali di Delta quando chiude il roma-washington?
    la politica ha fatto solo danni; devono starne fuori.
    possono anche ripristinare i voli alitalia per milano, ma tanto con i prezzi che hanno non ci vola nessuno.

  14. A proposito di piano aziendale Alitalia, desidero condividere quest’articolo (la voce “rivisitazione del modello di marketing”, sembrerebbe somigliare molto a quanto offerto dai vettori low cost; se così fosse, non sarebbe stato meglio renderla direttamente low cost prima? Altro punto: l’azienda preme per il contratto aziendale; sono curiosa di vedere cosa diranno i sindacati): http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/15/alitalia-ok-al-piano-taglio-dei-costi-per-un-miliardo-gubitosi-nuovo-presidente/3454268/ . Si parla anche di riduzione del numero di aerei. Dobbiamo quindi attenderci una conseguente riduzione dei voli? Grazie mille e buona giornata a tutti

  15. Siamo alla frutta, qui si fanno solo azioni di facciata! Nessuno con proposte serie e costruttive.
    http://www.repubblica.it/cronaca/2017/03/14/news/reggio_calabria_il_sindaco_se_chiudono_l_aeroporto_do_al_governo_le_chiavi_della_citta_-160553600/

    Bravo sindaco, vai a piangere le tue lacrime di coccodrillo a Roma … se va bene ti mandano a casa con due carezzine invece che a calci …

  16. …voi che ne sapete piu’ di me, e trovo molto interessanti i vostri commenti,ma la limitazione all’atterraggio per il quale ci vuole un brevetto particolare per i piloti che fine ha fatto; è in atto una procedura per il suo superamento ?
    Per quanto riguarda i lavoratori , spiace che molti o poche saranno licenziati, ma con quale metodo sono stati assunti ? ed al loro posto magaeri potevano essere assunti ragazzi piu’ bravi ? è il solito metodo comparativo..coeè chi ha il compare più forte viene assunto !!!

  17. @ benferra:
    non ci vuole alcun brevetto particolare per Reggio; non c’è mai stato.

  18. …ma perché i politici e molti cittadini credono che senza l’Alitalia l’aeroporto chiude? Aprite gli occhi!!!!!!!

  19. @ benferra:
    non è un brevetto, è un’abilitazione per operare nell’aeroporto. Qua ci sono info più dettagliate http://www.aeroporticalabria.com/aeroporto-reggio-calabria-abilitazione/

  20. il problema di alitalia è malpensa , stop o investono li come fanno tutte le compagnie del mondo o possono piangere in cinese , tanto i cinesi volano nonstop con milano anche senza alitalia .

  21. caro Vittorio , tu commetti l’errore fa il resto il resto del mondo , associ Reggio Calabria alla Calabria , ma non è così il capoluogo di regione è Catanzaro ,

    Sapessi loro ( catanzaro) hanno un aeroporto fantastico , un tessuto economico da far invidia a mezza europa , villaggi turistici rinomati in tutto il mondo , pensa anche un voli diretto con toronto ( si hai capito bene col Canada) ,
    si si guarda Catanzaro e Lamezia Terme sono un modelle economico sociale da esportare in tutto il mondo , pensa che addirittura sacal ha dei soci privati , un imprenditore con poco più di 1 Milione di € è diventato socio di maggioranza , fatto le dovute proporzione è come se con 3 milioni di € tu diventassi socio di maggioranza della sacbo , we we Catanzaro e si li sanno come farti bere il caffellatte con la forchetta………. ( bbroccia ) .

  22. @ aiofb:
    ma da piccolo qualche bambino catanzarese ti ha rubato la merenda che ce l’hai tanto con loro?

  23. @ Fabio P.:
    si tu hai capito bene , la merenda è sacra tu tocca la merenda e vedi cosa ti succede .

  24. Intanto tra poche ore è 22..è tutto tace

  25. @ Anthony:
    I giochi sono stati fatti. Alitalia ha ormai riprotetto tutti su Lamezia e/o Catania e Domenica farà l’ultimo volo. La partita forse si riaprirà quando SACAL inizierà a gestire.

  26. Beh, c’è ancora qualche giorno di tempo perché si aggiunga danno al danno… (vedi articolo “Aeroporto Reggio Calabria: dipendenti Alitalia pronti a bloccare i voli”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.