Bova: Questo Aeroporto si può rilanciare

Riporto da GazzettaDelSud.it:

Bova: questo Aeroporto si può rilanciare «Se gli enti firmeranno gli accordi convenzionali, entro marzo partiranno i lavori. Viaggiatori in aumento»

Tonio Licordari
Le associazioni (capofila la Camera di commercio) chiedono il commissariamento della Sogas, i sindacati (Filt-Cgil, Fit-Cisl, UllTrasporti, Ugl) sono contrari e invocano, invece, il rilancio della società di gestione dell’Aeroporto dello Stretto. Il presidente Pasquale Bova non entra nel merito («io sono un tecnico, non faccio valutazioni politiche») ma fa capire che il momento per aprire un dibattito su questa delicata questione forse è il meno opportuno. Spiega, infatti: «Si stanno creando le condizioni favorevoli per realizzare tutti i progetti. Non solo, ma continuano a crescere i passeggeri. I dati dei primi dieci giorni di febbraio parlano di un 19 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2010».
Secondo i sindacati, più che mai propositivi in questa circostanza, sarebbe opportuno «che tutti i soggetti interessati perché attori, compresa la Camera di commercio, dovranno preoccuparsi di fare sinergia per non disperdere le risorse già impiegate e ripartire. Ci sono anche da tutelare i 56 dipendenti Sogas e gli altri lavoratori delle aziende dell’indotto. L’Aeroporto dovrebbe assumere, quindi, quel ruolo strategico nell’ambito dell’Area dello Stretto. Anche sulla questione finanziaria, i sindacati fanno sapere che bisogna garantire i costi «indispensabili per le attività» e nel contempo agire con coraggio per tagliare gli eventuali sprechi.
Il dott. Pasquale Bova vede il bicchiere mezzo pieno e auspica che i soci che ancora non lo hanno fatto (Comune e Regione ndr) provvedano a garantire la ricapitalizzazione che è già stata fatta dalla Provincia. «Un dato positivo – sottolinea il presidente Sogas – riguarda la raggiunta intesa degli Enti soci, i quali hanno già predisposto la bozza degli accordi convenzionali (ex legge 22 del 2010). Il documento è stato preso in esame dalla Sogas. Abbiamo fatto solo inserire una clausola per precisare che l’accordo dei soci avrà come beneficiari i terzi, in questo caso la Sogas. Se adesso gli enti lo sottoscriveranno, mi auguro che lo facciano entrano il primo marzo, saranno immediati gli effetti positivi».
Quasi saranno questi effetti? Osserva il dott. Bova: «Le banche ci faranno credito, anticipando circa l’80 per cento delle somme che dobbiamo ricevere dallo Stato e dalla Regione, comprese quelle che serviranno per avviare i lavori della nuova aerostazione. Lunedì prossimo ho convocato un Consiglio di amministrazione proprio per fare il punto ai soci sullo stato dell’arte. Il nostro problema per adesso è solo una questione di capacità finanziaria, mancanza di liquidità cioé, ma i soldi debbono arrivare. Ovviamente potremo avere luce verde dalla banche solo dopo la firma dell’accordo convenzionale».
Il presidente Sogas è convinto che se le cose andranno per il giusto nel mese di marzo l’impresa Mucciola potrà aprire il cantiere e cominciare, finalmente, i lavori per la nuova aerostazione. Per questa opera, lo ricordiamo, sono disponibili circa 7 milioni di euro da parte dello Stato e altri 2 da parte della Regione. «Ma è chiaro – ribadisce Bova – che anche queste somme potranno diventare spendibili nei tempi burocratici. Quindi è indispensabile che ci siano subito le anticipazioni da parte delle banche. Anche perché l’impresa, una volta avviata l’opera, pretende giustamente il rispetto periodico dei pagamenti, secondo scadenze già fissate. Ribadisco che il cronoprogramma è già stato definito. Aspettiamo questa firma degli accordi convenzionali».
Resta sempre aperta la questione del recupero dell’utenza messinese. Il servizio diretto della Metromare, Messina-Aeroporto, programmato con tre corse al giorno è stato un flop. E non poteva essere diversamente. Se le corse di Metromare non sono funzionali alle partenze e agli arrivi degli aeri è come fare un… buco nell’acqua del Mare dello Stretto. Il presidente della Provincia di Messina, l’on. Nanni Ricevuto, impegnatissimo su questo fronte, ha già pensato, in attesa di tempi migliori, ad una soluzione alternativa. Lui parla della scoperta dell'”uovo di Colombo”, ma si tratta di un ritorno a 20 anni fa. E cioé fare base al porto di Reggio e realizzare collegamenti con bus funzionali, porto-aeroporto, agli arrivi e alle partenze.
«So – dice Bova – che si sta provvedendo a varare un programma in questo senso. Noi siamo disposti a organizzare il check-in a Messina. Certo io resto convinto che la soluzione ideale sarebbe quella del collegamento diretto, ma con tre corse al giorno non si va da nessuna parte. Ne servirebbero almeno dieci».

Fonte:

—————————————————————————————————

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=664


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

24 commenti

  1. se danno ancora credito e soprattutto SOLDI a questo uomo vuol dire proprio che sono dei deficienti e a sto punto, alla faccia nostra, fa bene bova a sperperare soldi inutilmente ! in effetti sì, la nuova aerostazione urge eccome ! perchè il problema è sicuramente l’aerostazione…
    oltretutto questo soggetto vuole ripianare debiti facendo altri debiti con le banche ! siamo fuori da ogni logica economica, e ancora i soci gli danno soldi !
    è semplicemente vergognoso, bova è capace solo a chiedere soldi.
    se ne vada piuttosto, altro che tecnico che non c’entra nulla con la politica. che faccia di tolla !
    è una vergogna ! un’infrastruttura di vitale importanza per una città lasciata nelle mani di un personaggio così che pensa solo a portare a casa lo stipendio a fine mese!

  2. Secondo Mister Sogas, sembra che il probblema sul rilancio del nostro aeroporto sia una firma dei soci (Regione-Comune)a dare la ricapitalizazzione in mano a Sogas in modo che possono partire i lavori di rifacimento aerostazione!
    Ragazzi adesso siamo a posto, non ci possiamo + lamentare….
    Ma il dottore avrà capito che per rilanciare veramente il nostro aeroporto ci vuole almeno una lowcost seria che garantisce tratte e prezzi contenuti?
    Avrà capito che ci vogliono collegamenti veloci e seri con gli amici messinesi?
    Avrà capito che questi collegamenti devono essere anche con le isole Eolie,magari inserendo nei periodi estivi anche Taormina?
    Avrà capito che queqta é la priorità del nostro aeroporto?
    MI chiedo, ma quando veramente una buona notizia Sogas?

  3. ma poi la cosa allucinante è che insiste ancora con metromare, sta completamente fuori di testa…cioè dice che con 3 corse ( andate sempre vuote ) non si va da nessuna parte e che ne servirebbero almeno 10 !!!!!!! cioè 10 corse di metromare a fronte di 7 voli ( quando va bene…perchè il sabato e la domenica i voli sono 3….) ???? ma soprattutto la gazzetta del sud, ancora gli da spazio per dire le sue min***ate???
    è davvero allucinante tutto questo, questo dice qualsiasi cavolata gli passa per la mente ed è ancora al suo posto!
    Enac sei l’ultima speranza!

  4. che dire…lui è un tecnico!
    Da fare una targa a futura memoria.

  5. essì, chi + tecnico di lui?
    e i risultati della sua tecnicità sono sotto gli occhi di tutti !
    voglio proprio vedere se i soci stavolta avranno il coraggio di dargli ancora un solo centesimo, a cominciare dalla camera di commercio di reggio che ha fatto tanto casino !
    lasciatelo a secco e vedrete come gli si schiarisce la vista e comincerà magari a vedere il bicchiere così com’è realmente !

  6. da notare che bova è in ottima compagnia:
    ecco le dichiarazioni del suo compare messinese nanni ricevuto in pieno delirio alla bit di milano:

    da gazzetta del sud edizione di messina:

    Il presidente della Provincia di Messina, Nanni Ricevuto, è carico come una molla. C’è la Borsa internazionale del Turismo che lo attende. Un appuntamento giudicato irrinunciabile ai fini della promozione delle attrazioni del territorio peloritano e dell’area integrata dello Stretto. E tra queste figura l’aerostazione “Tito Minniti”, alla quale è dedicato un apposito desk. «Vado alla Bit per pubblicizzare l’aeroporto di Messina. Sì – spiega – non mi sbaglio. Un’infrastruttura situata a pochi chilometri di distanza dalla nostra città non può che essere anche dei messinesi. Faccio un esempio: il “Leonardo da Vinci” è considerato lo scalo di Roma, pur trovandosi a Fiumicino, a tanti chilometri di distanza dalla capitale». Il paragone potrebbe essere calzante dal punto di vista geografico. Per il resto sembra un po’ azzardato… lunedì prossimo, alle 19, vertice al dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti con il ministro Altero Matteoli e con l’amministratore delegato di Alitalia Rocco Sabelli, per affrontare il problema delle tariffe applicate dalla compagnia di bandiera da e per il Tito Minniti. «Occorre ridurle – sostiene Ricevuto – se vogliamo attrarre l’utenza messinese. Posso anticipare che la Sogas ha già ottenuto l’ok di alcuni vettori low cost che presto si serviranno dell’aeroporto dello Stretto. Non solo praticheranno prezzi più vantaggiosi, ma accresceranno la concorrenza, contribuendo alla diminuzione delle tariffe attuate da Alitalia».

    questi 2 sono come il gatto e la volpe, vogliono continuare a fregare soldi promettendo cose a cui la gente non crede +.
    ritiratevi, fatelo per il bene dell’area dello stretto !

  7. Fatemi capire se ho inteso bene fin dove arriva la follia umana.
    Questo vuole andare da alitalia, chiedere di abbassare le tariffe così da fare più pax (già viaggiano pieni…) e in contemporanea afferma che presto arriveranno dei vettori low cost (non si sa quali) che faranno concorrenza ad alitalia….
    E alitalia cosa dovrebbe dirgli se non sbatterlo fuori?

  8. Non vuole lasciare la poltrona finchè non chiuderanno l’aeroporto,questo sanguisuga.

  9. Bisognerebbe impedire a queste persone di assumere sostanze supefacenti prima di rilasciare simili dichiarazioni

  10. volevo dire “sostanze stupefacenti” :-//////

  11. vorrei dire solo una cosa al “tecnico” bova: cambia spacciatore!!!!!!!!!!!!!!!!! ahahahahahaahha

  12. @mister “tecnico”Sogas
    Elenco Priorità Aeroporto dello Stretto:
    (1) Predisporre l’aeroporto con sistemi di sicurezza di ultima generazione durante decollo/atterraggio dei vettori
    (2)Incentivare con contibuti regionali compagnie lowcost
    ad opoerare dal nostro aeroporto con tratte mirate e a basso costo
    (3)Attivare servizi di linea (bus,aliscafi e quel che si voglia)da coprire la fascia jonica,tirrenica,stazione centrale fs, porto, e in particolare la città di Messina e isole Eolie con coincidenze arrivi/ partenze dei vettori
    (4)Rifacimento totale infrastutture interne/estrerne dell’aeroporto
    (5)Contattare agenzie specializzate turisiche,anche di altre nazioni,(Francorosso,alpitour etc)settore alberghieri e villaggi turistici delle province RC-ME in modo da incentivare il flusso turistico sul nostro territorio e di conseguenza l’aumento pax dell’aeroporto
    Amici del sito aggiungete pure se ne avete voglia

  13. E secondo voi Sacal e SAC (catania) sopporterebbero il rilancio del Minniti a loro discapito? Ma dove vivete nel paese delle favole ? Quanto a Ricevuto tutti i messinesi lo conoscono bene e ne hanno una stima abbastanza lontana dalla sufficienza . Perchè per la Calabria, con un mercato che in totale non arriva neanche alla metà dell’aeroporto di Palermo ci dovrebbe essere più di un aeroporto (in questo momento tre e si tende al quarto) che oltretutto ha una posizione geografica baricentrica ? Basta con gli sprechi. Capisco il campanilismo ma un pò di obiettività non guasterebbe .

  14. bloccatelo…………………ma sopratutto bloccate il suo mega stipendio…….

  15. non credo che volere avere una struttura efficiente, già esistente nella propria città, sia campanilismo. Lo spreco è non averla efficiente. Il mezzo aereo non è più uno vettore d’elite ma di massa quindi lo spostamento dal treno all’aereo è possibile. Il problema è che si chiedono soldi per fare opere inutili (oltre che per pagarsi gli stipendi) senza una vera programmazione aziendale che passa necessariamente per un incremento dei voli e, conseguentemente, con il recupero e incremento del bacino d’utenza.
    @aurelio: guarda che la sac aveva già fatto una richiesta d’acquisto del 35% di sogas e non certo per chiudere reggio ma per fare soldi (cosa che l’attuale società di gestione non sa fare) con l’apt di reggio (vai a guardare il loro piano industriale e capisci cosa potrebbe fare il piccolo tito se ben guidato)

  16. e vabbè siamo in campagna elettorale….

  17. se la sac fosse riuscita a partecipare al bando….a quest’ora non parleremmo si bova e compagnia bella,ma di quanti passegeri riuscirà a trasportare nell’anno successivo.

  18. Okkio alle sorprese, sotto sotto si sta muovendo qualcosa.

  19. infatti la cosa + allucinante del Bova “amministratore tecnico e non politico ” è che non l’ho mai sentito dire (come invece sono soliti fare i dirigenti sacal per esempio): “come società abbiamo l’obiettivo di 800 mila pax entro il 2011” per esempio… chistu parra sempre di possibili, probabili e futuri rilanci ( COME, QUANDO e PERCHE’ non è dovuto saperlo ), di soci che devono finanziare, e di limiti della bassa calabria ( chissà che grandi differenze ci sono poi tra la “bassa” calabria e l'”alta” calabria ).
    Sempre se, forse, ma, purtroppo…in poche parole non è in grado di vedere un futuro per l’aeroporto di Reggio manco lui, e a sto punto gli dico: compare, cangia lavuru, tornatindi alla direzione di una qualsiasi Asl, tanto le amicizie non ti mancano !

  20. @ Marco:
    si avi anni che aspettiamo sorprese…ora veni Masi…
    a Reggio siamo peggio di Catanzaro e Messina messe insieme: solo tante BAVE !

  21. l’unico aeroporto che va avanti a sorprese, gli altri aeroporti vanno avanti con progetti presentati in pompa magna. qui sempre sorprese, l’ultima si chiamava Itali airlines, tanto per citarne una !
    Enac nell’alto dei cieli, pensaci tu !

  22. @leo
    come dici tu!!!!!!!!!!!io ti dico che qualcosa arrivera’ poi mi dirai!!!!

  23. Reggio Calabria la città dei misteri. L’unica cosa che si spera che arrivi è il commissariamento di Enac sulla Sogas!
    Se poi ti riferisci al volo aggiunto il sabato di airmalta per fco o al bisettimanale per bologna, beh stamo proprio messi male…qui il problema non è aggiungere un misero bisettimanale per bologna, qui ci vuole concorrenza seria ( senza cartelli vedi Airmalta-Alitalia) sulle 2 tratte + battute, Roma e Milano. Io mi schifo a dover pagare 200 euro per un a/r da Reggio per Roma quando da Suf costa un decimo !

  24. @marco
    si ragazzi state tranquilli ha ragione marco quanto prima ci sarà una low anke a reggio so gia anke il nome ma non lo dico x scaramanzia dato ke fino a quando non lo renderanno ufficiale ci potrebbero essere cambiamenti…. cmq è una compagnia blasonata….. tanto x la cronaca vi anticipo ke ci sarà il ritorno di ITALI….. si vede ke devono magnarsi gli ultimi spiccioli azzarone e company…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *