Chizzoniti in disaccordo con Callipo «Non conosce la realtà della Sogas»

Riporto da GazzettaDelSud.it:

Chizzoniti in disaccordo con Callipo «Non conosce la realtà della Sogas» De Caridi (Idv) continua a chiedere le dimissioni di Bova: ha fallito

«Ritengo Pippo Callipo un imprenditore illuminato, al quale chiedo di dichiarare la disponibilità ad investire immediatamente un euro in questa Sogas che produce appena diecimila euro di debiti al giorno». Esordisce così il presidente del Consiglio comunale, Aurelio Chizzoniti, secondo il quale «il dott. Callipo appare acriticamente allineato con la Provincia di Reggio Calabria».
Prosegue Chizzoniti: «Se il dott. Callipo – imprenditore e anche uomo di sport di successo – fosse stato adeguatamente informato, sicuramente sarebbe pervenuto a diverse conclusioni. Infatti, quanto prospettato appartiene ormai al passato ed io, quale Delegato per l’Aeroporto dei Sindaci Reale e Falcomatà ed anche in rappresentanza della Regione, ho fatto il vagabondo dello Stretto per partecipare ad innumerevoli quanto inutili riunioni convocate anche a Messina (Provincia, Comune, Prefettura, Camera di Commercio con Presidente Sergio Billè). Fu, infatti, l’avvento dell’Air One a consentire il superamento dei 500.000 passeggeri e non le parole, il pontile o il check-in a Messina e quant’altro utile a fuorviare l’argomento principe (uomini giusti al posto giusto). Forse il dott. Callipo non è a conoscenza della procedura d’infrazione avviata dalla Comunità Europea e da quella preannunciata dall’Enac per l’omesso avvio dell’adeguamento dell’Aerostazione. Soprattutto non sa che, nonostante l’incremento del 7% dei passeggeri registrato al 31/12/2010, pari a 544.802, gli stessi non superano la soglia dei 545.387 già registrati nel lontano 1999! A che cosa sono serviti dodici anni di dissanguamento finanziario? L’unica soluzione, sicuramente sofferta ma inevitabile, sarebbe quella di portare i libri in Tribunale. Conseguentemente, attraverso il fallimento pilotato, si garantirebbe il risparmio di ulteriori pubbliche risorse finanziarie ed una ordinata transizione tesa a nuovi equilibri mediante il coinvolgimento di nuovi soci privati quali la stessa Confìndustria, il Consorzio di sviluppo dell’area industriale, albergatori, tour operator turistici anche e soprattutto siciliani ed altri.
Queste – conclude Chizzoniti – costituiscono le precondizioni per determinare una effettiva svolta per l’Aeroporto dello Stretto insabbiato mentre Lamezia vola verso i due milioni di passeggeri e Trapani registra al 31 dicembre 2010 registra il 57% di incremento superando il milione e seicentomila. Così è se vi pare».
Sullo stesso argomento interviene l’vv. Aldo De Caridi, coordinatore cittadino dell’Italia dei Valori. «Bene fa il cavalier Callipo», afferma, «a puntare a un rilancio della Sogas chiedendo un tavolo tecnico e coinvolgendo i due maggiori soci, Provincia di Reggio e di Messina. È un tema da noi affrontato ormai da anni con prese di posizione ad ogni ripiano a carico della Provincia di Reggio ed altri soci, che ad oggi ammonta a sedici milioni di euro. Continue richieste di piani industriali per il rilancio puntualmente disattese dall’amministratore, scelte sbagliate, vedi pontile costo oltre ottocentomila euro, sempre a carico del contribuente. Una perdita costante di tredicimila euro al giorno per lo scalo reggino, ai quali sembra si dovranno aggiungere i costi del personale oggi a carico dell’Alitalia che in base ad un accordo dell’amministratore dovrebbe essere assorbito dalla Sogas. In alternativa il cittadino contribuente riceve un’offerta di voli da e per Reggio scarsa, mediocre, incompleta, piena di disagi e carissima. Passeggeri che scelgono altri scali, Lamezia e Catania che offrono più voli a prezzi competitivi e facilità d’accesso all’aerostazione.
A nulla valgono – sostiene De Caridi – le lunghe note di diplomazia politica propinate dall’amministratore di Sogas per giustificare le sue inefficienze ed incapacità. Come Idv avevamo chiesto le sue dimissioni, ad oggi non ha avuto la decenza di darle. Quindi, caro cavaliere, poiché le riconosciamo una capacità a gestire un’azienda, di fronte ad un tale disastro provocato da un amministratore lei lo avrebbe tenuto in sella?».

Fonte:

—————————————————————————————————

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=664


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

10 commenti

  1. L’Avv. Chizzoniti ha sempre avuto le idee ben chiare sullo sviluppo dell’Aeroporto. Il suo impegno negli anni passati ha portato a decisivi miglioramenti del Tito. E’ l’unica persona a Reggio in grado di pilotare l’effettivo decollo dello scalo perché è competente, preparato e appassionato d’aviazione, essendo anch’egli pilota.

  2. Ahahahahahahahahahahahahhaahahahahahahahahahahhahaahahaha

  3. @Frank
    Nulla contro Chizzoniti, ma prima di tutto è Avvocato, secondo è un Politico e terzo ha il brevetto di pilota privato. Da quì a dire che è preparato per gestire un Aeroporto ce ne vuole. Ognuno con il suo mestiere per favore!
    Il Tito Minniti ha bisogno di un vero Manager con esperienza maturata nel settore dell’aviazione e con risultati documentati già ottenuti i precedenza. Continuando a dare la poltrona o le poltrone ai politici di turno non andremo mai da nessuna parte.

  4. mi sono perso un pezzo…perchè callipo che aveva detto riguardo alla sogas?
    e poi che c’entra callipo che sta a vibo con l’aeroporto di reggio? non mi dite che usa l’aeroporto di reggio perchè non ci credo neanche se lo vedo, avendo lamezia a meno di 40 km….

  5. insisto a dire che non bisognerebbe assumere certe sostanze,prima di rilasciare dichiarazioni alla stampa,in questo,come in tanti altri settori

  6. @E.T. scusa ma che significa che c’entra callipo che sta a vibo e non vola dall’aeroporto di reggio?? e come dire che un qualsiasi altro politico che non è di reggio non può parlare della sogas e della situazione vergognosa in cui si trova?? anzi secondo me più se ne parla al di fuori della prov di reggio e meglio è perchè i politici reggini in tutti questi anni nessuno è stato in grado di fare qualcosa di buono x il tito. E poi ti ricordo che siamo in campagna elettorale ecco perche se ne parla così tanto del tito stai certo ke dopo le elezioni nessuno toccherà l’argomento sogas!!

  7. callipo parla in quanto commissario della confindustria reggina (abbiamo anche confindustria commissariata). Purtroppo la dominazione bizantina ci ha lasciato in dote dei politici che parlano, parlano e cercano sempre u postu

  8. Perchè non apriamo le linee al nord africa ed al mediterraneo in genere? chissà che non aumentino le entrate?

  9. Perchè, una volta per tutte, i politici non la finiscono di intromettersi? E poi, mai “interventi” obiettivi…solo e sempre di parte (dx o sx non importa!). Quando capiranno che i giochetti da “bambini” non fanno altro che peggiorare la situazione?

  10. i politici non possono non intromettersi, altrimenti non guadagnerebbero tutti quei soldi che servono per costruire ville, palazzi e alberghi. quindi bisogna avere la fortuna di trovare quel politico che oltre e magnare lui, magari fa anche qualcosa ( minima ) per la comunità. ma a Reggio non se ne vedono da anni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.