Convegno: Aeroporto dello Stretto, quale futuro?

Riporto da SciroccoNews.it:

La ricetta di Vito Riggio per l’aeroporto dello Stretto: infrastrutturare

“L’aeroporto di Reggio Calabria deve diventare sempre di più scalo dell’area dello Stretto e del più ampio ambito metropolitano. Per tale ragione sono necessarie infrastrutture ferroviarie e collegamenti veloci con Messina”. Lo ha detto il presidente dell’Enac Vito Riggio, partecipando stamani, a Reggio Calabria, ad un convegno per il rilancio dell’aeroporto dello Stretto.
“Peraltro – ha aggiunto – è necessario, così come lo è per tanti altri aeroporti italiani, innalzare i livelli di sicurezza adeguandoli agli standard internazionali altrimenti si corre il rischio di una vera penalizzazione”.

Al convegno è intervenuto anche il segretario nazionale del Pri Francesco Nucara, secondo il quale “l’aerostazione di Reggio Calabria va spostata verso il mare. Così come è oggi l’aeroporto non è un’infrastruttura fruibile, né via mare, né via terra. Ecco perché ritengo necessario riprogettare l’intera area circostante alla pista per consentire la costruzione di un asse ferroviario che porti i potenziali passeggeri della Piana di Gioia Tauro e della Jonica reggina fin dentro l’area aeroportuale”.

Fonte: http://www.scirocconews.it/index.php/2013/04/20/la-ricetta-di-vito-riggio-per-laeroporto-dello-stretto-infrastrutturare/

——————————-

——————————-

In sintesi dalla GazzettadelSud del 21/04/2013:

1) Riggio (Enac): L’Aeroporto di Reggio Calabria deve diventare lo scalo di riferimento per l’Area dello Stretto e servono infrastrutture.
Inoltre, come tanti altri Aeroporti, è necessario elevare gli standard di sicurezza adeguandoli a quelli internazionali, altrimenti si corre il rischio di una penalizzazione.

2) Nucara (PRI): Aerostazione lato mare, per accogliere aliscafi e treni.

3) Stasi (Regione): Mettere in rete i 3 Aeroporti calabresi.

4) Raffa (Provincia):  Le compagnie scelgono Reggio Calabria se ci sono incentivi o se c’è il mercato. La seconda è la strategia vincente, come lo ha dimostrato Volotea che collega Venezia senza alcun incentivo.

5) Porcino (Sogas): Abbiamo ereditato un bando per la privatizzazione fatto male, quello che potevamo fare era innalzare le quote dal 35 al 40 %. Siamo pronti a rifare un nuovo bando.


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusHertzLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

29 commenti

  1. Interessanti i punti che avete evidenziato…

    Riggio in pratica dice che lo scalo reggino non rispetta gli standard ICAO.
    Sorgono due riflessioni.

    1) Come caspita hanno fatto a dargli la certificazione?
    2) Visto che è LUI l’autorità dell’aviazione civile in Italia, si rende conto delle gravissime affermazioni fatte?

    Raffa conferma che Volotea non prende alcun incentivo, pertanto ritengo chiusa la questione e ne prendo atto.

    Porcino si conferma l’uomo delle dichiarazioni senza senso e avventate.
    Deve spiegare come mai un mese fa dichiarava con soddisfazione l’apertura delle offerte e oggi si accorge che la procedura era fatta male….
    Non poteva sospenderla appena si era accorto che non era buona?
    O forse i VERI motivi sono che non ha risposto nessuno o se qualcuno lo ha fatto non è gradito a Raffa?

    Ma davvero pensa che siamo tutti cretini qui?

    Nucara e Stasi incommentabili…vabbè….

  2. Neanche la fantasia di dire qualche “caxxxta” nuova 🙂
    Sempre e solo le stesse parole al vento …

  3. L’aeroporto dello stretto costa al contribuente un mare di euro per un pugno di voli al giorno.
    Lavori di adeguamento vari che non vengono mai collaudati e resi fruibili.
    Lo scalo reggino è stato trampolino di lancio per vari politici locali, che lo hanno costantemente inserito nei programmi elettorali.
    A Reggio Calabria, per realizzare i progetti ambiziosi illustrati, non basterebbero 20 anni.
    Svegliamoci reggini. Ci hanno preso per decenni per il cxxo e continuano a farlo…

  4. @ Pasquale:
    Caro Pasquale tutto vero quello che Dici , non dimenticare in Italia tutto ciò che Vero viene Archiviato !Le cose facilmente conclusibili non danno Profitti , penso di essere sta esaudente !!!! Abbracci !!!!! Joe .

  5. mi spiegate dove sta il mercato a reggio?? diciamo che sono gli incentivi che portano le compagnie.

  6. @ PAOLO:
    Quindi non credi alle parole di Raffa?

  7. assolutamente no. Secondo voi perche Az ha lasciato la tratta quando sono finiti gli incentivi??

  8. Ero presente. Riggio non ha mai detto che l’aeroporto di Reggio non rispetti le norme di sicurezza. Ha semplicemente detto che ha dei limiti di impiego, ribadendo subito che sono pochi gli aeroporti a non averne. Ha poi dato atto dei notevoli miglioramenti seguiti ai lavori del 2004.

  9. @FRANCO41 Grazie per la tua testimonianza, almeno le cose non sono nere come lo si vuole far credere!

    Ovviamente tante cose devo essere fatte ma denigrare solo perchè si è di un colore politico diverso è assurdo!

    A livello Nazionale l’esempio è stato magistrale!

    Quindi BUON LAVORO SOGAS NOI STAREMO A VEDERE E A GIUDICARE!

    Un Saluto a Tutti Voi da Domenico.

  10. @Paolo
    Attenzione, secondo me Alitalia non ha lasciato la tratta: infatti esiste sempre la Reggio-FCO-Venezia, che alla nostra ex-compagnia di bandiera conviene di più del diretto (in mancanza di incentivi, ovviamente).
    Inoltre mi sembra alquanto evidente che moltissimi altri aeroporti (anche alcuni primari e forse qualche strategico del magnifico piano Nomisma&Co) fanno numeri grazie agli incentivi.

  11. @ Marco:
    raffa ha parlato di mercato sulla reggio venezia, e poi i lf di az lo scorso anno sono stati scarsi, lo scalo a fco serve a recuparare pax anche da altri voli per riempire l aereo per venezia come per altre destinazioni.

  12. @ franco41:
    Quindi almeno 3 giornalisti, di 3 testate diverse, si sono messi d’accordo ed hanno riportato in virgolettato delle parole che Riggio non avrebbe mai detto…siamo di fronte ad un vero e proprio complotto!

  13. Caro Pilota, sai benissimo che un discorso va ascoltato tutto e quello da te riportato non era il senso delle parole di Riggio

  14. L’intervento del seg. nazionale del Pri F Nucara sul riposizionamento dell’aerostazione è centrato in pieno ed a mio avviso è da considerarsi seriamente nell’eventualità che ci fossero fondi disponibili e sufficienti (comunque anche questo e` stato un’intervento di un politico..). Sarà forse un progetto irrealizzabile considerando la realtà dei fatti, del territorio ed i risultati ad oggi raggiunti..
    rgds

  15. @ franco41:
    Io mi sono attenuto a quanto riportato dai giornalisti presenti in sala.
    Ho solo notato che le stesse parole sono state riportate da più giornali. Dicono il falso e si espongono ad una querela? Si sono accordati per dire cose non vere?

    Se permetti mi fido di più di un giornalista che riporta con le virgolette rispetto ad una voce solitaria su un forum.

  16. @ Gabs:
    Quando dall’Inghilterra verrai a Reggio Calabria, contattaci che ti faremo vedere quella zona dove sorge il Pontile e la Stazione Ferroviaria. 😉
    Cambierai idea…

  17. @Paolo
    Lo so che Raffa parlava del diretto Reggio-Venezia. Sempre a mio modesto avviso i load factor Alitalia non altissimi (non mi sembravano proprio scarsi) erano per la concorrenza di Volotea. Ad Alitalia, avendo sempre e comunque operativo lo spezzato via FCO, non conviene un diretto, a meno che non ci sia un grossissimo traffico. Da qui a dire che non c’è mercato ce ne passa.

  18. Al di la del senso delle parole di Riggio sulle limitazioni dello scalo, non l’ho registrato e puo’ anche darsi che non abbia dato ad esse il giusto peso per cui non mi hanno preoccupato più di tanto, mi è sembrata interessante la sua analisi del traffico. Secondo Riggio la Sogas deve attivarsi a massimizzare il traffico estivo, con collegamenti stagionali verso le principali città europee e per dare a queste iniziative maggiori possibilità di successo deve essere curata l’accessibilità all’aeroporto verso il territorio.

  19. @ Roberto Sartiano (“Myers”):
    OK, I will do it!

  20. @ Marco:
    Se hai mercato non operi 2 frequenze da ottobre a marzo o i voli stagionali come az, per quanto riguada i lf, neanche volotea brilla.

  21. @ franco41:
    certo che se dovevamo aspettare riggio per sentire una banalità simile….

  22. Nucara ha ragione. Il rilancio dell’aeroporto passa anche attraverso lo spostamento dell’orrida aerostazione lato mare. A livello d’immagine lo scalo ne guadagnerebbe tantissimo. Cercate di immaginare la faccia di chi arriva per la prima volta a Reggio ed esce dal baraccone attuale chiamato aerostazione e si ritrova in una delle zone più brutte del mondo, una zona degna delle peggiori baraccopoli indiane. Veramente un’ottima idea quella di Nucara.

  23. @ pindo:
    scusa ma vogliamo riflettere un poco prima di dire le cose?
    Se in 5 anni non sono riusciti a realizzare un pezzo di aerostazione, tu davvero credi che siano in grado di realizzarne una nuova di sana pianta? ahaha

  24. Se spostassero l’aerostazione lato mare non cambierebbe niente , solo spreco di denaro oltre come dice pilota nemmeno i nostri nipoti la vedrebbero realizzata .

  25. @pilota75 @airfly quoto in pieno non sono capaci di spostare una sedia senza metterci anni figuriamoci una aerostazione nuova….

  26. Ma come si fa a tenere l’aerostazione in un posto così orrido!

  27. @ CRISTINA Grazie hai postato un bell’ articolo che ovviamente ogni Calabrese sottoscrive!
    Però se alle parole non seguono i fatti tutto rimane come prima anzi peggio di prima.

    NOI tutti dobbiamo operare affinchè il Turista trovi la Nostra Regione accogliente e dinamica protesa verso un futuro radioso.

    Un Saluto a Voi tutti da Domenico.

  28. scusate se ritorno dopo qualche girono su questo 3ad…alla fine abbiamo capito quale sarà il futuro di questo aeroporto? il convegno ha avuto uno scopo oltre alla solita sequela di minchiate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *