Dalla Provincia di Messina parte il rilancio dell’Aeroporto dello Stretto

  Riporto da Strill.it

di Peppe Caridi – “Vogliamo acquisire considerevoli quote della Sogas, la società che gestisce l’Aeroporto di Reggio Calabria, affinchè diventi non solo di nome, ma anche di fatto, l’Aeroporto dello Stretto”. Così stamani Nanni Ricevuto, il Presidente della Provincia di Messina, all’interno della converenza stampa di presentazione del nuovo Centro Studi di pianificazione per le infrastrutture strategiche del territorio dello Stretto ha voluto sottolineare l’importanza potenziale, per il territorio di Messina, dell’Aeroporto di Reggio.

Il Presidente Ricevuto ha confermato alcune indiscrezioni giornalistiche degli ultimi giorni: “Mancano ormai pochi dettagli per il completamento definitivo del pontile dell’Aeroporto di Reggio Calabria. Lo inaugureremo tra pochi giorni insieme al Comune di Reggio”, ha dichiarato nel corso della conferenza stampa.

E’ però Michele Bisignano, Assessore della Provincia ai trasporti dello Stretto e all’area integrata di Reggio e Messina, a darci, in esclusiva, tutti i dettagli del progetto che ha la Provincia Peloritana per rilanciare, e far anche proprio, l’Aeroporto di Reggio Calabria.

“Innanzitutto – esordisce Bisignano – vorrei puntualizzare che abbiamo avviato già da tempo un processo di incontri istituzionali con la Provincia di Reggio Calabria. E’ importante che le due Province abbiamo una certa consapevolezza di iniziative comuni che ci consentano di lavorare in sinergia per far crescere questo territorio. L’idea, il progetto dell’Aeroporto dello Stretto non nasce dal nulla, e non è isolata. Parte invece dal nostro più grande sogno, e cioè quello di concretizzare la “Regione dello Stretto”, intesa come area economica, sociale, culturale e infrastrutturale a se stante, fermo restando l’appartenenza costituzionale, burocratica e amministrativa di Reggio alla Calabria e di Messina alla Sicilia. Il consolidamento della Regione dello Stretto come forte e indipendente area economica è una delle nostre priorità, e lavoriamo su più fronti per iniziare a utilizzare i nostri strumenti istituzionali per realizzare iniziative concrete, palpabili che sappiano sugellare il processo naturale di avvicinamento tra le due sponde dello Stretto. E, sia chiaro – continua Bisignano – che quando parlo delle due sponde non mi riferisco solo alle città di Reggio e Messina ma alla totalità delle due Province”.

L’Assessore Michele Bisignano quanto parla dell’argomento è assolutamente entusiasta e appassionato, seguendo quella lunga tradizione degli Amministratori della Provincia di Messina da tempo immemore convinti sostenitori dei vari progetti a favore dell’Area dello Stretto. Parla con il trasporto e il phatos generati dalla consolidata convinzione personale che il processo di “unione” e vicinanza tra Reggio e Messina sia la carta vincente per il futuro di questo territorio.

E così entra nel merito della questione aeroportuale: “Affinchè l’Aeroporto dello Stretto diventi tale non solo nel nome, ma anche di fatto, serve innanzitutto avere due pontili (uno al porto di Messina, l’altro all’Aeroporto di Reggio) che possano garantire un collegamento diretto tra le due realtà. A Messina l’approdo c’è, a Reggio – come ha anticipato il Presidente Ricevuto nel corso della conferenza stampa n.d.r. – tra pochi giorni inaugureremo il pontile dell’Aeroporto. Così sarà garantito un collegamento diretto per i passeggeri, che potranno effettuare un ceck-in, o comunque un pre ceck-in a bordo dell’aliscafo, per poi espletare, una volta arrivati all’Aeroporto, solamente gli ultimi controlli di sicurezza e salire subito a bordo”.

Ma questo non basta: i Messinesi, ad oggi, preferiscono utilizzare Catania rispetto a Reggio non solo perchè manca il collegamento diretto, ma anche perchè all’Aeroporto di Reggio ci sono pochi voli, a prezzi esorbitanti e senza tariffe agevolate: molti Reggini, addirittura, preferiscono volare da Lamezia Terme perchè è più conveniente, quindi il problema dell’Aeroporto dello Stretto è, più che logistico, amministrativo.
Ma questo, Bisignano lo sa bene. E infatti non facciamo neanche in tempo a dirgli quanto sopra che ci interrompe subito: “So bene che tutto questo non basta. Se dall’Aeroporto di Reggio continueranno a partire così pochi voli, a così alte tariffe, il collegamento diretto sarà inutile. Per questo motivo – prosegue Bisignano – noi, come Provincia Regionale di Messina, abbiamo intenzione di acquisire considerevoli quote della Sogas, la società che gestisce e amministra l’Aeroporto dello Stretto. Vogliamo realizzare un piano di rilancio che possa garantire voli più numerosi a tariffe agevolate anche dall’Aeroporto di Reggio, perchè se sono in grado di farlo a Catania e Lamezia – conclude l’Assessore ai trasporti e all’area integrata dello Stretto – non vedo perchè non possiamo farlo qui nello Stretto”.

Qui nello Stretto dove, per giunta, il bacino d’utenza è molto più importante, quantitativamente, sia rispetto a Catania che a Lamezia.

E, anche stavolta, solo se Reggio e Messina si metteranno insieme al lavoro, quel tramonto nella foto a corredo dell’articolo che potrebbe testimoniare il tramonto di un’Aeroporto che comunque non ha mai vissuto periodi di grande ricchezza, potrebbe tramutarsi in un’alba.

Un’alba di convenienza, comodità e benessere per il territorio e i cittadini dello Stretto.

Fonte:

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=159


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusHertzLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *