Dati di Traffico Dicembre 2012 più Totale Anno 2012

sorriso Dati di Traffico Settembre 2009

Disponibili i Dati di Traffico relativi al mese di Dicembre 2012. Con il mese di Dicembre, si chiude l’anno ed è così possibile conoscere il Totale Anno 2012. Sfuma la previsione della Sogas di poter riuscire ad arrivare a 750 – 800 mila passeggeri, cifra che avrebbe consentito una boccata d’ossigeno per le casse della Società di Gestione. Analizzati nel suo complesso, i numeri confermano lo zoccolo duro dei 500 mila passeggeri annuali che l’Aeroporto dello Stretto registra da oltre 15 anni. Nulla di nuovo quindi, ma entrando nello specifico, il dato Nazionale merita di essere considerato un risultato più che positivo e che sicuramente getta delle basi sicure sul numero di passeggeri che potrà generare il nostro Aeroporto. Non essendoci stati infatti voli Charter ne voli Internazionali e nessun Transito, con un calo di movimenti Nazionali rispetto all’anno precedente del – 1,3 %, causato dalla riduzioni di frequenza sulle principali direttrici Roma – Milano, che hanno inciso parecchio con cali vertiginosi sui flussi, si è avuto un incremento di passeggeri del + 11,3 % e si può dedurre che tutti i voli abbiano viaggiato con una media generale di 106 passeggeri a volo.
Il nostro Aeroporto non è particolarmente adatto per ospitare voli Internazionali e/o Charter, o meglio, entrambi necessitano di una seria ed attenta valutazione. E’ necessario insistere nel potenziare i voli Nazionali, evitando le riduzioni di frequenza su Milano Linate, aprendo nuove rotte per Malpensa, Bologna e Pisa, lasciando ai più attrezzati Aeroporti di Lamezia e Catania il ruolo dell’Internazionalità.

In dettaglio:

Passeggeri

Nazionali N. Passeggeri: 42.455 / Variazione: + 1,4 %

Internazionali N. Passeggeri: 0 / Variazione: + 0,0 %

Transiti N. Passeggeri: 0 / Variazione: + 0,0 %

Totale Commerciale: N. Passeggeri: 42.455 / Variazione: + 1,4 %

Aviazione Generale: N. Passeggeri: 289 / Variazione: + 79,5 %

Totale: N. Passeggeri: 42.744 / Variazione: + 1,7 %

Totale Anno 2012 (Gennaio – Dicembre): N. Passeggeri: 571.694 / Variazione: + 1,9 %

AeroportoRC.com mette a disposizione la tabella riepilogativa di tutto il Traffico dell’anno 2012:

DatidiTraffico2012

Per maggiori informazioni visita il Forum alla Pagina:


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

22 commenti

  1. Porcino non aveva detto +17% ? forse ha spostato una virgola….

  2. Concordo su tutto, meno su una cosa: obiettivamente l’internazionale, se scelto e ponderato con senso, potrebbe funzionare.
    Certo se ci ostiniamo a proporre (esempio) Malta, concordo con voi.. ma se invece puntassimo a destinazioni come l’EST europa (puntando sul traffico etnico)….

  3. Ancora una volta l’Aeroporto dello Stretto esprime le sue pontenzialità inespresse!

    Uno sguardo veloce ai dati balza subito agli occhi il pauroso profondo rosso di TUTTI GLI AEROPORTI IMPORTANTI!

    Questo fa si chè l’Aeroporto dello Stretto “Tito Minniti” di Reggio Calabria sia un VERO AEROPORTO con VERI PASSEGGERI.
    Infatti con pochi e striminziti voli nazionali il nostro APT ha sbaragliato i più blasonati e più omaggiati e cullati dai soliti IGNOBILI politici.

    Concordo con quanto scritto dall’Amico Roberto Sartiano ma divergo sul ruolo Internazionalità!

    I voli internazionali su Reggio Calabria possono starci se vengano studiati bene; certamente non chiediamo ciò che hanno Catania e/o Lamezia ma qualche volo per esempio su Londra, Parigi, Berlino, Barcellona o come dice @PAOLO Est Europa (Romania, Russia e/o Ucraina) anche in certi periodi particolari dell’anno, perchè no??

    A parte il Volo su Malta questo è dovuto sia perchè è la Nostra prossima vicina frontiera di Stato e sia perchè vi è un tessuto relazionale di parentela e profonda amicizia trai i due Popoli (Non bisogna dimenticare che i bombardamenti su Malta sono stati “segnalati” dopo che partivano da questo Aeroporto gli aerei militari!!!).

    Mi auguro che il Dott. Porcino in questo anno possa dare il meglio di sè!

    Un Saluto a Tutti Voi da Domenico.

  4. Francesco Turak

    Ottima l’analisi di Roberto a parte la chiusura finale da cui dissento. A mio avviso,in determinate condizioni e con gli aerei giusti possono esserci le condizioni per qualche destinazione internazionale mirata che verta sul traffico etnico Mi riferisco a Bucarest, Varsavia/Cracovia, Casablanca e/o Tunisi.
    Sui charter turistici, a meno che non si riesca a coinvolgere le isole Eolie (e forse la costa jonica reggina) credo che Lamezia per la locazione delle strutture ricettive in Calabria sia l’aeroporto piu’ congeniale.

  5. @ Domenico:
    Hai dimenticato Madrid, Lisbona e Francoforte; mi rendo conto che la pista è corta, altrimenti anche un New York sarebbe stato bello!

  6. @PILOTA75 Meno male che hai memoria buona ben detto e approvo per NEW YORK non ho problemi visto che una Organizzazione Internazionale mi paga la trasferta via Londra.

    Dai Sogas muoviti è l’ora giusta!

    Un Saluto a Tutti Voi da Domenico.

  7. @ Pilota75:

    Chiedo ma vorrei farti una domanda, tu sicuramente ne capisci più di me: ho visto su FR24 che ci sono dei voli da Parigi, Francoforte, Londra e Dublino di compagnie americane (forse l’American Airlines, non ricordo bene) che operano voli per New York con il B757… Visto che a Reggio può atterrare il B757, è potenzialmente fantascientificamente possibile un volo REG-JFK con uno di questi aerei?? Oppure quelli che operano i transatlantici hanno bisogno di più pista di quella che ha Reggio??

  8. Grazie per la risposta! 🙂

  9. @ Modafix:
    Non ti basterebbe il carburante, pur partendo a pieno carico finiresti sull’oceano poco prima di raggiungere New York. I 2.000 metri di pista non sono sufficienti per partire a pieno carico di carburante.

  10. Un passo alla volta….! Innanzi tutto sistemare l’aeroporto e dintorni e cercare d’incrementare i voli nazionali e possibilmente materializzare anche voli regolari con Malta. Senza strutture ricettive adeguate nel territorio e senza un consistente e regolare flusso di passeggeri non ci sono le basi per considerare dei voli internazionali(anche per il traffico etnico) tranne qualche eccezione di sporadici voli charter. Per i voli su Londra,Parigi e varie altre destinazioni Europee da come suggerito da altri partecipanti a questo forum, a mio avviso i reggini sono molto fortunati ad avere la scelta di due aeroporti internazionali vicini e facilmente raggiungibili quali Catania e Lamezia da dove e` possibile ragginugere diverse destinazioni europee con voli diretti.
    rgds

  11. @ Modafix:
    A parte il problema dei pesi giustamente posto da Roberto, ma chi ci dovrebbe volare?

  12. @ Gabs:
    Completamente d’accordo!
    Ci sono ottimi collegamenti internazionali da catania e da lamezia, inutile farli anche da reggio.
    Se poi consideriamo che già a fatica si trovavano pax per bologna e pisa, figuriamoci per londra!

  13. Siamo saliti di un posto tra gli aeroporti più trafficati d’Italia, dal 27° al 26° posto, penso che questo dato non sia un dato negativo perchè bisogna guardare tutta la realtà nazionale e non solo quella reggina.

  14. Ok che sognare è bello (Londra, Parigi, Est Europa, Hong Kong tutto quello che volete…); ma restiamo con i piedi per terra, cerchiamo di avere i vari Pisa e Bologna tutto l’anno e qualche charter..poi vedendo facendo…

  15. @ Roberto Sartiano (“Myers”):
    Grazie per la risposta! 🙂

    @ Pilota75:
    Infatti ho chiesto se era “potenzialmente fantascientificamente possibile” la sua attuabilità, era solo una mera curiosità, non nutro dubbi sul fatto che non ci volerebbe nessuno. 😉

  16. Aeroporto dello Stretto. Il 2012 si chiude a quota 571 mila passeggeri
    http://www.trasportisullostretto.it/notizia.php?id=1358

    Saluti!

  17. da fonti attendibili stanno x sfumare i charter russi….. faremo la fine dei famosi tedeschi promessi e mai arrivati…….

  18. @ e che “caso”:
    E magari andranno tutti a Lamezia… Giusto? 😉

  19. Il giornale “LA REPUBBLICA” edizione n° 51 del giorno 1 marzo 2013 ha fatto una splendida inchiesta italiana su ” piste deserte e assunzioni a raffica così il boom dei mini-aeroporti è diventato l’ultima sprecopoli”.
    Il giornalista Ettore Livini ha disquisito su come sono mal gestiti questi mini aeroporti che in tre anni hanno bruciato oltre 150 Milioni di Euro.
    Inoltre si è parlato della chimera LOW-COST considerato l’unico paracadute – purtroppo non gratuito – per salvare dal crac gli scali fantasma.
    Ovviamente le regole di ingaggio con Ryanair & company sono semplici: l’Ente locale sovvenziona il loro sbarco in loco stanziando quelle che PUDICAMENTE vengono definite “Spese di marketing”. Scusa ufficiale: i volumi di traffico garantiti fanno volano all’economia del territorio. La Compagnia incassa e garantisce un tot di voli destinati – in teoria – a ribaltare le fortune di questi scali.
    I soldi in ballo non sono pochi. E i rischi di schoc in caso di tradimento sono altissimi.
    Ad esempio l’aeroporto di Verona “Catullo” che quando ha voluto rinegoziare l’intesa la Società Irlandese se n’è andata dalla sera alla mattina cancellando 39 voli settimanali. Risultato 26 milioni di perdite 2011, – 28% passeggeri, cassa integrazione e caccia disperata a soci disposti a mettere 75 milioni per tappare i buchi di bilancio.

    UN DATO POSITIVO.

    In questa vergognosa inchiesta l’AEROPORTO DELLO STRETTO non è menzionato affatto anzi indirettamente è stato menzionato fra i 31 promossi in Serie A.

    Anche questa è la dimostrazione della piena validità del Nostro “Tito Minniti” che senza gli accorgimenti delle Low Cost regge bene e sopratutto con pochi voli riesce a dare una valida risposta a quanti lo denigrano e lo disprezzano!

    Chi ha orecchie intenda!!

    Un saluto a Tutti Voi da Domenico.

  20. @ DOMENICO:
    il problema del miniti non sono i soldi che vengono erogati alle compagnie aree , ma bensi i 50 dipendenti e più , purtroppo il nostro aroporto rimane nella zone grigia , serve reggio ma poco messina , potrebbe fare i suoi bravi 800.000 paxx ma ne fa sempre 500.000 , il tempo passa , il mondo si evolve e reggio e il suo aroporto sono immobili .

    il problema viene indentificato in sogas , purtroppo sogas è parte integrante del paesaggio , che purtroppo pur avendo solè e luce a volonta rimane sempre grigio .

  21. @AIOFB mi piace la tua descrizione del paesaggio reggino è molto pittoresco!

    Il mio intervento era mirato a ribadire la positività dell’Aeroporto dello Stretto “Tito Minniti” una volta tanto e in considerazione dei molti piccoli aeroporti posti a Nord e a Sud della penisola duramente criticati dal giornalista in quanto inutili !

    Il Nostro APT non è stato menzionato ma posto tra i 31 di serie A : quindi questa E’ UNA BUONA NOTIZIA.

    Certamente ci sono tanti problemi non solo targati SOGAS ma NOI dobbiamo guardare avanti.

    Questo è un sito letto e guardato da MOLTE PERSONE direi da mezzo Mondo pertanto NOI dobbiamo offrire una visione del nostro APT giusta e corretta anche sapere indicare i suoi problemi ma MAI denigrare il Nostro APT perchè questo lo fanno gli ALTRI ed è sufficiente ed avanza anche!

    Comunque per la cronoca in Treno ho convinto una comitiva di Messinesi che come “fessi” hanno sborsato un sacco di soldi per un Volo Alitalia Catania – Venezia a fare lo stesso volo da Reggio Calabria con Volotea .
    Ho visto lo stupore di questi ragazzi che a pochi chilometri (in tutto Km 5,6) ignoravano il volo diretto Volotea RC -VE .

    Ecco questo manca al nostro APT ma sopratutto questa è la maggiore pecca di SOGAS: PUBBLICITA’ DEI VOLI quasi Z E r O !!!

    Un Saluto a Voi Tutti da Domenico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.