Lavoratori della Sogas in agitazione

Riporto da GazzettaDelSud.it:

Paolo Toscano
Reggio Calabria
In stato di agitazione i lavoratori della Sogas. Riuniti in assemblea permanente, i dipendenti della società di gestione dell’aeroporto dello Stretto, contestano e rifiutano qualsiasi forma di strumentalizzazione della loro protesta.
«L’obiettivo – si legge in una nota – non è solo il pagamento degli emolumenti ma, soprattutto, di individuare i punti su cui lavorare per superare le criticità e lo stato di sofferenza attuale».
Il personale invita a non ignorare o ripetere gli errori del passato: «Ogni soggetto coinvolto – prosegue la nota – deve assumersi le responsabilità del proprio operato, compreso l’Enac che, nell’ambito delle proprie competenze, considerato lo stato di agitazione proclamato dalle organizzazioni sindacali, dovrebbe intensificare l’attività di vigilanza su eventuali azioni anti sindacali». Da parte della Sogas si sta facendo il possibile per superare le nuove difficoltà che hanno determinato il mancato pagamento degli stipendi di novembre. Lo assicura il presidente Pasquale Bova: «Ci sono riunioni in corso tra soci e amministrazione in relazione agli adempimenti formali che stiamo attendendo, come la sottoscrizione dei contratti di servizio e i versamenti relativi alla ricapitalizzazione approvata il 15 maggio scorso. Speriamo di arrivarci mercoledì, giorno dell’assemblea».
Bova sostiene che sarebbe un peccato registrare proprio adesso una battuta a vuoto: «L’aeroporto sta crescendo – spiega – da giovedì prossimo ci saranno i nuovi collegamenti assicurati dalla compagnia Italy Airlines con due voli in più al giorno per Roma, uno per Milano Linate. Uno dei voli nuovi per Roma proseguirà per Genova. Proprio in questi giorni abbiamo firmato un contratto con Sky Train che dal 28 febbraio e per un biennio assicurerà tre voli settimanali per Londra, tre per Francoforte, due per Vienna e due per Praga. Così avremo 16-17 voli al giorno, quasi uno all’ora. Stiamo raggiungendo i 600 mila passeggeri, quanti erano stati raggiunti quando c’erano 13 milioni di euro di incentivi pubblici. Noi, con un costo annuale di 3 milioni e mezzo in meno e con 0 centesimi da enti pubblici come incentivi, stiamo raggiungendo gli stessi risultati».

Fonte:

—————————————————————————————————

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=636


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

3 commenti

  1. Ahh be se c’è Sky Train per due anni abbiamo risolto il problema…ma apriranno anche uno sportello findomestic per poter pagare questi meravigliosi voli per l’europa?

  2. pilota a parte sky train , se e’ vero che si stanno raggiungendo i seicentomila pax in periodo di forte crisi, e soprattutto senza sovvenzioni , ciò dimostra la vitalità dell’aeroporto .

  3. Non vedo alcuna vitalità particolare.
    I pax sono sempre gli stessi nonostante aumentino i movimenti ed i posti disponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *