Presidente Sogas: L’Aeroporto dello Stretto non ha 34 milioni di debiti. Dati riferiti al vecchio Bilancio 2010.

Riporto da Strill.it:

“Non ammonta assolutamente a quasi 34 milioni di euro il deficit della Sogas, ma non tocca i 14 milioni, stando a quanto certificato nel bilancio di previsione dell’ultimo esercizio finanziario 2011”. Lo afferma il presidente della società di gestione dell’Aeroporto dello Stretto, dr. Carlo Porcino.

“La questione – puntualizza il presidente della Sogas – va inquadrata nei suoi termini precisi. I dati diffusi dal prestigioso quotidiano economico “Il Sole 24 Ore”, connessi a passività complessive per 33,7 milioni di euro, di per sé sono corretti. Ma scontano due pecche: sono aggiornati “solo” a fine 2010, cioè prim’ancora che fosse operativa questa governance, e includono anche gli elementi contabili riferibili a Pon e Por. Così – spiega lo stesso Carlo Porcino – sotto il profilo attivo sono considerati 18,7 milioni di euro di fondi Pon e Por regolarmente riconosciuti a Sogas nel corso di una conferenza di servizi e che saranno utilizzati per appaltare nuovi lavori; similmente, sono considerati ai fini della formazione delle “passività” anche 19,9 milioni di euro residui della precedente gestione e che saranno comunque utilizzati per la realizzazione di lavori che attengono allo scalo dello Stretto peraltro già appaltati, 12 dei quali in particolare risultano impegnati per l’appalto relativo alla nuova aerostazione. La confusione circa la quantificazione dell’effettiva situazione debitoria di Sogas nasce dalla circostanza che, sotto il profilo dei crediti come sotto il profilo debitorio, queste somme dovevano essere inquadrate come “conti d’ordine” e non inserite nell’ordinario bilancio della società”.

Al fine di ripristinare la più corretta e puntuale informazione circa l’effettiva salute delle casse della Sogas, il presidente del Consiglio d’amministrazione mette in chiaro che “l’ultimo bilancio approvato, cioè il documento contabile riferito all’esercizio finanziario 2011 e approvato il 28 giugno u.s., certifica debiti per 13,8 milioni di euro: 7 milioni dovuti ai fornitori; 1,2 milioni verso istituti previdenziali, che abbiamo peraltro già provveduto a rateizzare in 72 tranches; e ulteriori 5,4 milioni di cui non conosciamo la genesi esatta per via d’improprie modalità contabili adottate nel passato e che andranno via via ricondotti ai singoli aventi causa. Nello specifico, poi, oltre metà del debito verso fornitori (4,5 milioni) è incarnato da somme rivendicate da Sicurcenter, società che cura la sicurezza in àmbito aeroportuale, prim’ancora che questa compagine assumesse il controllo della Sogas; la gestione attuale ha ottenuto una consulenza tecnica che ha riconosciuto fondate le rivendicazioni Sicurcenter limitatamente a 2,5 milioni di euro. Somme, si badi, sulla cui erogazione resta comunque pendente il contenzioso presso il Tribunale civile di Reggio Calabria”.

Oltre al 28 giugno 2012, c’è poi un’altra data da menzionare: è il 12 luglio scorso. “In quell’occasione il Cda della Sogas ha approvato un prestito obbligazionario da 6,2 milioni di euro con la Bnl quale capofila, che – evidenzia il presidente Porcino – consentirà di risolvere la gran parte dell’effettiva situazione debitoria attuale, in via di risoluzione anche mediante ogni opportuna transazione”.

Fonte:


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

25 commenti

  1. Ma non è meglio che stava zitto? Faceva più figura!

  2. tu sei l’uomo dei dati te li ha dati, poi o parla o sta zitto stai sicuro che a fine mese lui si riempie la tasca e tu continui a studiarti i dati.

  3. @Pilota75
    Ma non si mai cuntentu!!! E che @@! Non hai i dati ed è polemica; hai i dati ed è polemica …. insomma deciditi

  4. @ Reggino:
    Di che dati parli?
    Hai letto la dichiarazione di porcino? Hai capito cosa ha detto?
    Hai notato se altre società di gestione hanno commentato?
    Ha fatto la figura del cretino.
    I comunicati si fanno per smentire, non per puntualizzare.
    Non potendo smentire nulla, che senso ha?
    Perchè non ha smentito che perdono il 6% in più di quanto fatturano?

  5. @Pilota75

    Scatti come una molla! Convengo con molte delle tue risposte: puntuali, precise, competenti ma non capisco il tuo modo di porti nei confronti del mondo intero … del forum. Non voglio certo cambiare il tuo modo di essere ma credo che in uno spazio web, utilizzato non sempre da competenti della materia ma anche da semplici amanti dell’aviazione, del Tito Minniti e di Reggio (nel bene o nel male, si debba entrare con uno spirito diverso.
    🙂

  6. @ Reggino:
    Ho capito, ma mi spieghi il perchè della tua reazione?
    Ho solo detto (primo messaggio) che avrebbe fatto più figura a stare zitto.
    Se vuoi ti spiego punto per punto perchè ha sbagliato.

  7. @ Reggino:

    Devo ammetterlo ma senza Pilota75 il forum sarebbe senza “brio”…..infatti Pilota genera dei commenti interessanti e in un certo senso spassosi per si astiene dall’intervenire ma si gode i battibecchi(in senso buono).Reggino, Pilota75 e` fatto cosi`, prendere o lascire……

  8. @ Gabs:
    Ti rendi conto che fanno gli attacchi a me e non sono in grado di commentare le cazzate che scrive porcino?
    Secondo me non hanno neanche capito cosa ha scritto….

  9. Ancora aspettiamo te che ci spieghi i dati!!!!!

  10. @Pilota75
    …Ti rendi conto che fanno gli attacchi a me – Ma di quale attacchi parli. Possibile che non accetti minimamente il confronto.
    Vedi? Quando affermi:..Secondo me non hanno neanche capito cosa ha scritto….Offendi! O meglio ti reputi il solo depositario del sapere. Seguendo il forum ho notato che altre volte hai risposto reputando gli altri degli “ignoranti” in materia. Certo Gabs, quando ho voglia di staccare e dedicare qualche minuto alla mia Reggio visito il forum e Pilota75 rende tutto più “brioso” ma mi rendo conto che con il passare dei giorni “apro” il forum non tanto per le notizie sul Tito quanto per le lenzuolate di interventi Pilota75 Vs Tutti. Purtroppo nella trappola ci sono caduto anch’io… almeno per oggi.

  11. @ Pilota75:

    Ma certo che mi rendo conto ma questi attacchi sono istigati dal tuo “sharp style” nulla di piu` umano. L’articolo sicuramente e stato capito ma ognuno ha il suo punto di vista.
    rgds

  12. quando ho scritto che non ci sono soldi per quanto riguarda i comuni e le società,mi chiesto se ho i dati, guarda caso dopo 1 giorno esce l’articolo dl sole 24 ore con voragine di debiti per gli aeroporti, io ho scritto che sappiamo tutti che sotto sotto si mangia e che il male sta alla radice, ma il sig. pilota ancora crede alle favole, adesso mi dici da dove provengono tutti questi buchi oppure fai più figura mi ta sta zittu.

  13. scusate correggo mi e’ stato chiesto

  14. Frequent Traveler

    …a margine dei vari commenti e dell’articolo del Sole24h e del comunicato stampa di Porino, vorrei solamente aggiungere che:

    😉

  15. @ Reggino:
    se hai ben compreso il comunicato di porcino, non attaccare me ma commenta, se hai qualcosa da dire; ti sembra corretto l’intervento di porcino? A me no!

  16. a me sembra che abbia puntualizzato da dove deriva una parte dell’indebitamento (d’altronde è un commercialista), se poi uno ce l’ha a morte con la sogas è un altro discorso (io mi sono fatto un’idea).
    mi sembra che l’articolo del sole e la risposta conferma quello che paolo sta dicendo da un paio di giorni: sono finiti i soldi e, forse, non tutti gli enti locali hanno ben capito l’operazione di qualche anno fa di Tremonti, cioè scaricare sugli enti locali parte del debito dello stato centrale (hanno visto solo gli onori e non gli oneri)

  17. @mistero
    Grazie.

  18. Se anche il presidente della camera di commercio lo critica significa che qualcosa non va…o sono io il solito pazzo visionario?

  19. @ Pilota75:
    “…Hai notato se altre società di gestione hanno commentato?
    Ha fatto la figura del cretino.
    I comunicati si fanno per smentire, non per puntualizzare…”
    da strill:Sacal approfondisce i dati riportati su Il Sole 24ore:

  20. sono bravi pure questi della sacal!

  21. @ xxx:
    Conferma che la calabria è una terra di storti!

  22. @pilota
    parole tue: Io ho sempre ammesso l’errore
    qui non solo non stai ammettendo i tuoi errori e limiti ,ma fai di piu’, dicendo che sei pure storto, guarda adesso ho capito come sei fatto veramente e mi dispiace tanto, anche se non vuoi rispondermi (comportamento infantile) ti auguro le migliori fortune della tua vita.

  23. @paolo: parlagli male della sogas e digli che farai di tutto per farlo assumere e ti risponde.
    il problema vero l’hai inquadrato benissimo: gli enti locali hanno finito i soldi (se vai su europaconcorsi vedi che tutti i bandi sono fondi por o similari sono praticamente finiti i “fondi propri”). La domanda è se i servizi (che non devono sperperare ) devono produrre utili (cioè scuola, sanità, trasporto locale per esempio). Una piccola puntualizzazione per la privatizzazione: ma veramente pensate che la confindustria reggina e messinese possono diventare il socio privato? ho parlato con uno dei vertici della nuova confindustria reggina e loro sono pronti a dare un contributo di idee (cioè come facciamo noi)…il problema è sempre il solito senza lalleri non si lillera

  24. l’unica possibilità, a mio avviso, è la città metropolitana che ha competenze secondo L’art. 18, comma 7 del d.l. 6 luglio 2012, n. 95 attribuisce alla città metropolitana:
    1.le funzioni fondamentali delle ex province soppresse;
    2.le seguenti funzioni fondamentali: 1.pianificazione territoriale generale e delle reti infrastrutturali;
    2.strutturazione di sistemi coordinati di gestione dei servizi pubblici, nonché organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano;
    3.mobilità e viabilità;
    4.promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale.

    Alla città metropolitana spettano:
    1.il patrimonio e le risorse umane e strumentali della provincia soppressa, a cui ciascuna città metropolitana succede a titolo universale in tutti i rapporti attivi e passivi;
    2.le risorse finanziarie di cui agli artt. 23-24 del d.lgs. 6 maggio 2011, n. 68

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.