Reggio Calabria e Crotone in rete

Riporto da GazzettaDelSud.it:

L’aeroporto in rete con lo scalo di Reggio Annunciati nuovi collegamenti dall’Aeroporto di Crotone con Monaco e Santorini e il ripristino dei voli per Bergamo e Verona

Giuliano Carella
Insieme per scongiurare il declassamento. È stato approvato ieri mattina dal Cda dell’aeroporto Sant’Anna lo schema di convenzione che metterà in rete gli scali di Crotone e Reggio Calabria. Si potrà procedere con l’operazione grazie ai vantaggi offerti dal “Contratto di rete”, introdotto dal decreto legislativo numero 5 del 10 febbraio 2009 che consente a imprese e società di persone o capitali di sviluppare un network per raggiungere obiettivi strategici comuni. Sebbene si configuri come un vero e proprio soggetto giuridico, il contratto di rete lascerà inalterata l’autonomia gestionale e finanziaria delle due società aeroportuali.
La notizia dell’ok dato all’operazione è stata riferita ieri mattina al termine dell’assemblea dei soci svoltasi negli uffici dell’aerostazione “Pitagora”. Erano presenti il vicepresidente Gianluca Bruno, la vicepresidente della Regione Antonella Stasi, il sindaco Peppino Vallone e il presidente della Provincia Stano Zurlo. Il contratto di rete, permetterà di rilanciare le due società aeroportuali (“Sant’Anna Spa” e “Sogas Spa”) attraverso la razionalizzazione dei costi di gestione, sia per quanto riguarda le figure manageriali, che per la voce relativa ai servizi. Inoltre, consentirà di poter accedere a bandi e finanziamenti finora preclusi alle due società.
Ad esempio, le due società potranno da subito accedere ai finanziamenti previsti in bilancio dalla Regione per le infrastrutture aeroportuali, ma anche ad altre a risorse messe a disposizione dalla programmazione europea ed italiana. È la prima volta che il contratto di rete si applica per società di gestione aeroportuale. «Abbiamo ricevuto gli apprezzamenti del presidente dell’Enac Vito Riggio – ha sottolineato la vicepresidente Stasi – che l’ha ritenuta un’ottima soluzione da seguire in Italia per le piccole società di gestione. Inoltre, è una valida alternativa per scongiurare quell’ipotesi di declassamento annunciata per i due scali calabresi dal ministro Passera». Il direttore generale per l’attuazione del contratto di rete sarà Marcella Maggiori (attuale dg del “Sant’Anna Spa”). Ognuna delle due società potrà inoltre indicare altri due nominativi da inserire nel network tra le professionalità già presenti nei rispettivi organici. «Tutto ciò – ha tenuto a sottolineare Marcella Maggiori – non comporterà maggiorazioni di costi per le due società, né trasferimenti». Sempre nel corso dell’assemblea dei soci si è preso atto dei due nuovi nominativi forniti dal socio di maggioranza Camera di commercio, dopo le dimissioni presentate nel dicembre 2011 da Roberto Fortunato Salerno e da Raffaele Lucà. Si tratta del presidente della Banca popolare del Mezzogiorno Francesco Antonio Lucifero e del costruttore Giovanni Mazzei. In virtù di questo avvicendamento, l’assemblea dei soci ha già fissato per il prossimo 20 marzo l’elezione del nuovo presidente del Cda che, a questo punto, potrebbe essere proprio Lucifero. La Cciaa è tuttora il socio di maggioranza della società aeroportuale col 53,91% del pacchetto azionario (sebbene questa abbia chiesto e ottenuto dal Cda di liquidare il 40% delle sue quote nella riunione dell’8 novembre 2011). E poi c’è una novità. «Abbiamo chiesto alla Camera di commercio di mantenere intatte le sue quote fino al 31 dicembre 2012 – ha rivelato il sindaco Vallone – perché intendiamo portare a zero il disavanzo di bilancio della società, prima di aprire all’ingresso di soci privati nella compagine così da rendere più appetibile l’investimento». È stata incaricata la società di revisione “Audirevi” per il controllo contabile dell’esercizio 2012. Annunciati, infine, l’avvio di due voli internazionali e il ripristino di altrettanti collegamenti nazionali. «Partirà il prossimo 5 maggio e durerà fino al 30 settembre di quest’anno il collegamento con Monaco di Baviera» ha informato il vicepresidente Gianluca Bruno. Saranno voli charter in partenza al sabato. Il prezzo andata e ritorno del volo sarà di 250 euro (tasse incluse). Si viaggerà su velivoli Embraer. A fine giugno, inoltre, partiranno i voli charter per l’isola greca di Santorini al prezzo di 260 euro andata e ritorno (tasse incluse) provvisti di un pacchetto vacanze organizzato dal tour operator Virtus viaggi. Ad effettuare i voli sarà la Trawel fly. La stessa compagnia ripristinerà, da giugno, i collegamenti con lo scalo di Bergamo-Orio al Serio (costo andata e ritorno 170 euro). Dal 5 maggio saranno ripristinati da Maridiana i collegamenti con Verona. Bisettimanali per il primo mese e trisettimanali a partire da giugno.
Xxx

Fonte:


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

22 commenti

  1. ok
    quali nuovi voli arriveranno a reggio ??????????????????

    non vorrei che si usi reggio per potenziare crotone .

  2. Ogni tanto una fantastica notizia dallo scalo Reggino, che deve decollare sempre in meglio aggiungendo nuovi collegamenti (low cost) evitando così all’utenza locale di spostarsi su Lamezia … avanti Reggio decolla!!!

  3. Hai letto di fretta…
    Infatti i voli sono da Crotone non da Reggio Calabria.

  4. Il fatto é che da noi vogliono tratte e voli a costo zero,stanno alla larga per investire su una low cost, sicuramente sono in un momento che non sanno che pesci prendere…..

  5. Senza pila non si canta messa

  6. tony @

    guarda che stanno mettendo in siene il giochetto per finanziare crotone ,

    ma è mai possibile che i reggini sono talmente storti da non capire cosa succede…………………………………………

    da ceme ho letto io l’articolo , la sogas e il minniti servono solo per prendere fondi,
    dopo peppe dj dirà che crotone aveva un piano industriale e reggio no quindi a reggio non si fa nulla.

    morale nio stortazzi scriviamo a vanvera sul forum e a crotone crescono ………………

    intanto il nostro aeroporto muore …………..

  7. infatti quello a serio rischio chiusura era crotone. mi sembra una grande presa per fessi

  8. ma avete visto che sul sito dell’aeroporto di Reggio hanno scritto che il volo di oggi da Milano è atterrato alle 8.15 mentre in verità è atterrato alle 8.50 a Lamezia…

    SONO RIDICOLI!!!!

  9. …ma quali sono i voli low-cost da Crotone?

  10. @Girolamo , ciao io ero su quel volo e non ti dico cosa abbiam passato per effettuare ben due volte tutte le procedure per avvicinarsi all’unica pista di atterraggio, infatti dopo il capitano ci avvisa, che atterrare su Reggio richiede è una procedura particolare che già richiede alcune difficoltà in situazioni ottimali, oggi e inpensabile… c’era una persona ad attendermi in aeroporto e dopo che il volo è stato diretto su Lamezia lui ancora non sapeva nulla e chiedendo informazioni in aeroporto nessuno ha saputo rispondere.. mentre sul display riportava “ATTERRATO” al mio atterraggio ho potuto avvisarlo dove eravamo, VERGOGNA!!!… da questo ho nototo un servizio aeroportuale a Lamezia inpeccabile su disponibilità/cortesia/professionalità per le persone che stavano male e necessitavano di aluci accorgimenti.

    ribadisco VERGOGNA!!!

  11. CI SONO SOLO 58 IMPIEGATI A REGGIO

  12. Caro Gianluca, ma tu pensi che se la nostra Reggio fosse una città seria si troverebbe in queste condizioni? L’aeroporto è una diretta emanazione della mediocrità cittadina. Basta uscire dall’aerostazione e guardarsi intorno per capire di che pasta è fatta Reggio. Il grano bisogna saperlo vendere.

  13. ok e una vergogna che il volo alitalia non sia etterrato per il troppo vento, come è una vergogna che a mosca non si atterri perche ci sono 40 cm di neve , come potrenne essere uyna vergogna se in altitalia cè la nebbia……………………………………………………………………………………..

    ma del fatto che crotone usi reggio per aspendersi ,
    ” a si ma a crotone ci sono dei dirigenti professionisti” ,

    ci stanno togliendo l’aeroporto , ci stanno umiliando e offendendo , usano risorse che dovrebbero servire per due aerostazioni dirottandole tutte a crotone e tutti ZITTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    questo film lo abbiamo già visto con lamezia . io mi chiedo se veramente a reggio siamo tanto storti da non capire cosa ci stanno incugnando !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    DOMENICO DOVE SEIIIIIIIIIIII

    BATTI UN COLPO

  14. @aiofb potresti esprimerti in un italiano intelligibile*?

    * Corretto dallo Staff

  15. @ empedocle , CHIEDO A VOSSIA DI LEGGERE IL LANCIO ANSA DEL 14 DICENBRE 2011 RIGUARDANTE L’AEROPORTO DI CROTONE .

    UN UOMO DOTTO ARGUTO COME VIO SIETE POTREBBE SPIEGARE AL POPOLO COSA STA SUCCEDENDO.

    MI RIMETTO ALLE VOSTRE CONCLUSIONI

  16. La conclusione è facile. Comprati una raccolta di poesie di Nicola Giunta e la troverai li.

  17. @AIOFB Eccomi!!

    La dott.ssa Marcella Maggiori è una cara “AMICA” del Governatore Scopelliti mentre come è notorio il Presidente Raffa non lo è pertanto il momento non è roseo tra i due!
    Quindi la SOGAS emanzione diretta della Provincia governata dal dott. Raffa ne risente e non poco.

    Comunque l’Idea di avere una rete aeroportuale non è malvagia ma il metodo è diabolico poichè SEMPRE REGGIO deve pagare il dazio , ma dove sta scritto??

    Sono sempre dell’avviso che la SOGAS deve darsi una mossa concreta e veloce!

    @GIANLUCA hai la mia piena solidarietà cose del genere non devono succedere e ribadisco che la SOGAS deve dare le proprie scuse a tutti coloro che hanno viaggiato con quel volo!

    Reggio Calabria non merita essere dipinta in modo negativo solo perchè accadono alcune cose ma ribadisco ha tante altre cose belle e meritevoli di menzione ,
    ma la cosa importante adesso è pretendere un Aeroporto con una valida struttura industriale e certamente questo Accordo in rete così come politicamente concepito non lo favorisce affatto!

    Un saluto a Tutti Voi da Domenico.

  18. la maestrina dalla penna rossa

    @Empedocle:

    “intelligGibile”?

  19. @aiofb, (ok e una vergogna che il volo alitalia non sia etterrato per il troppo vento, come è una vergogna che a mosca non si atterri perche ci sono 40 cm di neve , come potrenne essere uyna vergogna se in altitalia cè la nebbia……) giustissimo!!! ma a Mosca o nebbia in altitalia, non si devono fare i giri della morte per atterrare sull’unica pista disponibile/regolare… se non erro per regolamento prima dell’atterraggio si necessita di almeno 5 miglia lineari dal punto di contatto della pista, a Reggio dove sono???

  20. @ gianluca
    di quale regolamento parli?
    Tutto sto casino per una riattaccata….se ne fanno centinaia al giorno e non c’è bisogno di scrivere articoli di giornale.

  21. Si infatti si sta facendo solo casino.

    Le condizioni meteo erano proprio estreme quel giorno soffiava vento forte con raffiche molto intense e con direzione variabile. L’Aeroporto era aperto, il Pilota ha tentato l’avvicinamento quando ha visto che non era stabile ha fatto la cosa giusta riattaccare e per sicurezza dirottare su Lamezia.
    Non pensate che qualora avessimo l’atterraggio strumentale ILS con quelle condizioni meteo si potrebbe atterrare.
    Sono condizioni estreme che possono capitare 2 o 3 volte l’anno. Ci può stare e succede anche in altri Aeroporti d’Italia.

    Dimenticavo, lasciate perdere il linguaggio “tecnico” usato dai Politici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.