Reggio, Vice Presidente Consiglio Provinciale: “Esprimo soddisfazione per rilancio aeroporto”

Riporto da Strill.it:

Esprimo soddisfazione per l’impegno della Provincia nel rilancio dell’Aeroporto, per l’ingresso di altri soci quali la Provincia di Messina, per la diminuzione delle perdite  del 40%,   e l’anelato ingresso del socio privato, ma una scuola permanente di addestramento per piloti  da impegnare nel nostro scalo potrebbe contribuire a rilanciare veramente il  nostro scalo. 

Sarebbe ora di pensare a delle sessioni di addestramento, ad una scuola vera e propria  per i piloti di nuovi vettori e di voli charter. Gli 800 mila viaggiatori non si raggiungono solo con le tratte Nazionali o sperando che veramente tutti gli utenti del Messinese abbiano voglia di attraversare lo Stretto prima di volare.  Purtroppo l’abilitazione richiesta ai comandanti per operare sull’aeroporto limita l’interesse  di taluni vettori, ma questo non significa che non dobbiamo attrezzarci e dare risposte adeguate. Una scuola per piloti potrebbe essere una delle tante risposte. 

Bisogna fare ulteriori passi in avanti e scongiurare  l’evento non improbabile di ritrovarci   tra meno di un anno  a piangere sui debiti maturati, a ripassarci  quelli pregressi e a sperare ancora in un’assistenza miliardaria da Enti e Ministeri.

Le proposte formulate dal Comune e dalla Provincia per portare da tre a cinque i collegamenti aerei a prezzi veramente accessibili per l’utenza  costituiscono  certamente un fatto positivo che va accolto con entusiasmo ma  non è risolutivo rispetto alle problematiche che presenta l’aeroscalo. C’è da chiedersi però cosa accadrà  quando finiranno  i 4 milioni di euro.  Si ripercorrerà  la strada del ripiano dei debiti? Non credo sia più possibile pensare in questi termini.

Nessuno può sentirsi soddisfatto delle condizioni in cui versa l’Aeroporto dello Stretto. Il pontile è fatto, i passeggeri diminuiscono, la Regione risponde con 4 milioni di euro ma la storia dello Scalo rischia di essere ripetitiva se non si programmano, parallelamente, altre importanti soluzioni.  effettuare

La realizzazione del recupero della fascia costiera così come ci indica un cartello posto accanto al pontile probabilmente avrà tempi  dilatati e  il sito, intanto,  rimane quello emblematico  di un  degrado immane. Le acque nere che scorrono accanto al luogo di sbarco, il pontile verniciato a nuovo con la ruggine che sta nuovamente facendo la sua apparizione, l’odore nauseabondo che si respira, l’accumulo di masserizie trasportate dal torrente e quel budello di  strada che conduce allo scalo marittimo rappresentano uno scenario insolito di accoglienza riservata agli utenti Messinesi. Non so, per la verità, se i soci della Trinacria   hanno mai visitato il luogo in parola.

Pensiamo veramente che questa  Reggio  “turistica”, così come si presenta all’attracco, possa  attrarre utenti dell’altra sponda per  raggiungere   gli  800 mila passeggeri all’anno e  sperare così nella diminuzione delle perdite oltre che al mantenimento dello scalo secondo i parametri dettati dall’Unione Europea?

Aiutiamo il “Tito Minniti”  ad incrementarsi con strategie vere di sviluppo .

Mentre altri scali, nel frattempo cresceranno ancora, la nostra cenerentolina non potrà che  pregiarsi, per così dire,  di un numero esiguo di rotte e solo verso  determinate destinazioni. Saremo  anche costretti, in sostanza,  a pagare due voli per raggiungere città e Stati  in direzione Sud, Est o semplicemente ad Ovest rispetto alla nostra posizione geografica. ; per meglio specificare, dovremmo pagare ed effettuare sempre un tratto in più verso nord, Roma o Milano o altro snodo   per andare, è solo un esempio, a Tunisi che è a Sud.  Un enorme  disagio e un dispendio di denaro  che i cittadini sono stanchi  di sopportare e giustamente, si aspettano scelte  diverse anche da questi enormi finanziamenti.    E’ ora di lavorare  veramente per il futuro della città ponendola al centro del Mediterraneo e delle innumerevoli flotte aeree e marittime  che   sorvolano i nostri cieli e circumnavigano le nostre coste e smettere di pensare, come da più parti avviene, che il “problema” dello Scalo Reggino  è costituito, quasi quasi,  dalla  mancata nomina del Consiglio d’Amministrazione. Chi scrive non ha giudizi preconcetti  verso tale  organismo  ma è semplicemente convinta che i nodi da sciogliere e le problematiche da affrontare siano veramente di  altra natura e di altro spessore.   Sarebbe una scommessa importante per lo sviluppo turistico dell’intera area,  per gli indotti e per i posti di lavoro che si verrebbero a creare. E per posti di lavoro non intendo certo la costituzione del Consiglio d’Amministrazione. Dobbiamo lavorare per il bene collettivo .  Non è una speranza ma una vera lotta  per la sopravvivenza di questo pezzo di stivale che ha in sé caratteristiche e potenzialità  uniche al mondo. Attende solo i giusti programmi e le giuste professionalità.

Tina Tripodi

Vice Presidente Consiglio Provinciale

Fonte:

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=391


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

Un commento

  1. Ancora con sta storia che la regione darà 4mln per i nuovi voli…ma questa non ha capito che quando si attiveranno queste nuove rotte lei non sarà più alla Provincia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.