Scopelliti: Reggio Calabria e Crotone restano aperti

Riporto da TeleReggioCalabria.it:

“La Regione Calabria ha un suo piano regionale rispetto alla nuova classificazione nazionale degli aeroporti illustrata recentemente dal Ministro Passera”. Lo ha detto il Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, nel corso di una conferenza stampa che ha tenuto a Palazzo Campanella assieme al vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò; al presidente della Provincia di Reggio, Giuseppe Raffa; al sindaco, Demetrio Arena, ed al presidente della Sogas, Carlo Porcino. “In una riunione con il presidente dell’Enac, Vito Riggio – ha spiegato Scopelliti – siamo riusciti a far passare l’idea della necessità di mantenere aperti, a causa della distanza con Lamezia, e delle limitazioni infrastrutturali del nostro territorio, sia l’aeroporto di Reggio Calabria che quello di Crotone. Scali che svolgono una funzione sociale in quanto assicurano quella continuità territoriale e quell’uguaglianza sostanziale dei cittadini rispetto al diritto alla mobilità”. “E’ un’ ipotesi sulla quale si può lavorare”, ha proseguito Scopelliti anticipando l’analoga conferenza stampa, che terrà in tarda mattinata a Crotone la vice presidente della Regione, Antonella Stasi, con riferimento all’Aeroporto Sant’Anna. “Un’ipotesi da attuare – ha aggiunto – con una legge regionale sul sistema aeroportuale a valenza sociale. L’idea è quella di fare ‘rete’ fra i due aeroporti di Reggio Calabria e Crotone. Una ‘rete’ che consentirà non solo una gestione unitaria dei processi di sviluppo, ma anche uno strumento di garanzia per i rapporti e le relazioni con le compagnie aeree. La definizione di ‘aeroporto sociale’ è l’opportunità che ci viene offerta e sulla quale lavoreremo potendo continuare ad utilizzare i finanziamenti dell’Unione europea”. Scopelliti si è soffermato anche sulle attuali limitazioni che riguardano l’Aeroporto dello Stretto. “Sono limitazioni – ha detto – che possono essere superate e che, in parte, non riguardano più i nuovi aeromobili”. “Sono notizie – ha commentato il vicepresidente Nicolò – che ci confortano e non poco. Sappiamo bene quale sia l’importanza strategica di questi aeroporti. Noto il recupero di un nuovo clima che afferma il regionalismo e la dignità della Regione Calabria. Un clima di armonia che supera i vecchi campanilismi che ci hanno sempre penalizzato. Come classe politica faremo quadrato. Ci crediamo e riteniamo importante far valere la dignità di questi due aeroporti e la loro importanza strategica regionale a conferma che l’allarme lanciato un anno fa dal Presidente Scopelliti era assolutamente fondato perché lanciato da una classe dirigente responsabile e attenta”. Il presidente Raffa ha sottolineato, da parte sua, “il clima diverso e non più improntato alla conflittualità tra scali che si è affermato in Calabria. E’ in atto l’opera di risanamento del bilancio della Sogas che porterà quest’anno al pareggio di bilancio. Sono necessarie, comunque, nuove risorse che per la prima volta non serviranno per la ricapitalizzazione della società ma per nuovi investimenti”. Il sindaco Arena ha ringraziato il presidente Scopelliti “per aver scongiurato una nuova puntata di una tragedia greca sull’Aeroporto dello Stretto. Si tratta di una soluzione che rappresenta, comunque, un punto di partenza e non un punto di arrivo”. (ANSA)

Fonte: http://www.telereggiocalabria.it/news/2-politica/46350-aeroporti-scopelliti-qreggio-e-crotone-restano-apertiq.html

—————————————————————————————-

Riporto da Strill.it:

di Grazia Candido – Salvi gli aeroporti di Reggio Calabria e Crotone. Un’altra “vittoria” della Giunta Scopelliti che, questa mattina, nell’aula commissione del Consiglio regionale, ha dato alla stampa la “buona novella” per i due scali aeroportuali scampati dalla paventata chiusura.
“Il ministro Passera ha detto che vi sono aeroporti fondamentali alle strategie del Paese, altri funzionali e altri tra quelli che andrebbero chiusi perché fuoriescono dall’interesse del Governo – afferma il presidente Scopelliti –  Abbiamo incontrato e ci siamo confrontati sia col ministro che con il presidente dell’Enac Vito Riggio per superare le difficoltà che esistono sul nostro territorio e abbiamo spiegato l’importanza di mantenere attivi i due aeroporti di Reggio e Crotone.  L’idea è quella di farli entrare nella categoria di aeroporti “sociali” e ci  sono tutte le condizioni per farlo. Al momento sono ancora esistenti due limitazioni operative per l’aeroporto di Reggio Calabria – spiega il Governatore – le componenti di vento e l’ambientamento equipaggio”.
La pista dell’aeroporto di Reggio Calabria presenta infatti delle condizioni “fuori norma”. “La sagoma della pista crea difficoltà in atterraggio e decollo – aggiunge Scopelliti – A 5 miglia dalla pista l’aereo normalmente deve poter avere un assetto aerodinamico stabilizzato e deve trovarsi in linea con l’asse della pista per l’atterraggio. Questo a Reggio Calabria non è possibile a causa di una traiettoria di atterraggio di tipo curvilinea. Ma questa difficoltà può essere mitigata grazie all’ausilio di piloti che abbiano già un’adeguata esperienza di volo e una conoscenza  su atterraggio e decollo in questa particolare pista. Per quanto riguarda l’ambientamento dell’equipaggio, l’Enac ha proposto di individuare un esperto di volo con almeno 5000 ore di volo e realizzare una perizia che diventa anche una proposta/progetto operativa che concordi con Enac un modello. Si potrebbe, per esempio, realizzare un software con simulatore di volo sulla pista dell’aeroporto ed una procedura on line che diventi test di verifica per i piloti delle compagnie che vogliono qualificarsi”.
Insomma, la Regione Calabria vuole dare “risposte certe al territorio”  ma soprattutto, “vuole creare una rete tra i due aeroporti di Reggio Calabria e Crotone, una collaborazione tra le società Sogas e Sant’Anna”. E un altro importante passo, lo si farà, lo anticipa il presidente Scopelliti, la prossima settimana con la presentazione di una nuova compagnia aerea sul territorio.
Si sofferma su una sinergia istituzionale strategica il presidente della Provincia Giuseppe Raffa che fa un tuffo nel passato quando “il nostro aeroporto era in conflitto con gli altri aeroporti calabresi ma grazie alla regia regionale e ad una visione complessiva del sistema aeroportuale, siamo riusciti a cooperare insieme superando le inefficienze delle gestioni passate”.
“Il 93% del bilancio della Sogas erano impegnato per le spese degli stipendi del personale e, dopo un acceso dibattito con i sindacati, stiamo provando a garantire il servizio con una riduzione dei costi – aggiunge Raffa – Sono certo, che con questo bilancio usciremo in pareggio evitando nuove ricapitalizzazioni. Dopo Venezia, a breve, annunceremo un nuovo collegamento con Pisa”.
A dare qualche dato sulle utenze è il presidente della Sogas Carlo Porcino che evidenzia come “l’aeroporto di Reggio Calabria dal Gennaio 2012 rispetto al Gennaio 2011 abbia 7 mila passeggeri in più nonostante ci siano meno compagnie e siano stati ridotti i voli per Linate-Milano. Le compagnie di volo ci cercano, così come ha fatto la compagnia Volotea, e stiamo valutando quelle con le quali possiamo instaurare un rapporto. Il nostro obiettivo è di far arrivare l’utenza di Messina nel nostro scalo. Per superare il gap del passaggio Messina-Reggio dovremmo tornare al bus”.
Concorde il sindaco di Reggio Calabria, Demetrio Arena che aggiunge: “Si è evitata una tragedia greca per l’aeroporto di Reggio e di Crotone ma grazie ad un’incisiva azione politica ci siamo risparmiati una brutta battuta d’arresto per il territorio. Questo buon risultato ottenuto dal presidente Scopelliti, non deve essere un punto d’arrivo ma una partenza perché il nostro aeroporto deve crescere, diventare autonomo, rimanere nel panorama nazionale. Bisogna investire su compagnie che portino offerte competitive ma soprattutto, che attirino l’utenza messinese verso il nostro scalo”.
Un pensiero condiviso dal vicepresidente del Consiglio Alessandro Nicolò che ribadisce l’armonia di una classe dirigente che, quotidianamente, si adopera per la tutela dei diritti del territorio calabrese”.

Fonte:


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSixtSkyscannerTerravisionTrivagoVolotea

14 commenti

  1. La società di gestione unica si avvicina.

  2. La settimana prossima l’annuncio di un nuovo volo per Pisa… mah, speriamo bene…

  3. Purtroppo si parla solo di Società unica tra Reggio Calabria e Crotone. Lamezia è esclusa.

  4. Da quanto ho capito:società unica per Reggio e Crotone,non mi sembra una brutta dato che i due aeroporti non sono in ‘conflitto’……ma la nuova compagnia riguarda tutte e due o uno solo degli aeroporti?

  5. Io credo che sia unica compreso lamezia, altrimenti come giustificano un piano trasporti al governo?
    Raffa lo dice chiaramente.

  6. @Pilota75
    In questo periodo non ne stai azzeccando una (vedi Volotea) ahhahah.
    Parlano da mesi e lo hanno confermato anche oggi che l’intenzione è quella di mettere in rete solo Reggio Calabria e Crotone. Ma per ora è solo un’ipotesi.

  7. Qualche rumor su quale sia la compagnia c’è ?? Si puo sapere ??

  8. Quale compagnia aerea dovrebbe gestire il volo da Reggio per il Galileo Galilei di Pisa?

  9. Siete sicuri sia Pisa e non un altra città toscana?? 🙂 🙂

  10. @ paolo , mi sa che il tuo dubbio sia sensato .

    per mè reggio dovrebbe esser collegata a firenze.

  11. Da quello che ho capito alla conferenza stampa:
    a) non si tratta di una unica società di gestione (per fortuna) ma solo di mettere in rete e con un rapporto di collaborazione reggio e crotone, cioè due apt della stessa regione che non si fanno concorrenza. dai rumors che giravano era più crotone che reg a rischio chiusura ma va bene anche così.
    b) per giugno ci dovrebbe essere il socio privato
    c)l’arrivo di volotea è positivo perchè se gli inventori di vueling sbarcano a reg evidentemente hanno capito che ci sono le possibilità di sviluppo.
    d)credo che dobbiamo dire grazie alla stasi che è la vera deus ex machina di questa operazione.
    e)mi sembra che non ci sia più nessuna volontà di ricapitalizzare ma di investire e le nuove rotte verranno (ci potrebbe essere qualche ritornno…)
    f)forse è finito il flusso di finanziamenti tutto verso un posto solo…ora si tratta di lavorare

  12. Francesco Turak

    A me sembra di sentire sempre la stessa musica da 20 anni a questa parte.. Cambia il Maestro (ora Scopelliti, prima Bova, Fuda, Pirilli) ma non l’andamento.. direi un Adagio… piuttosto che un Crescendo
    Io sono dell’idea che l’aeroporto potra’ avere un futuro solo se sara’ gestito da professionisti competenti ed esperti del settore. La privatizzazione della SOGAS dovrebbe essere il punto di partenza di questo processo. Fino ad allora tireremo sempre a campare, a volicchiare a Roma e Milano e magari pure Venezia a Torino in estate!

  13. molto interessante questo articolo su strill di falcomatà sugli aeroporti ” sociali ” di reggio e crotone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.