Sogas, Chizzoniti plaude alle associazioni

Riporto da GazzettaDelSud.it:

Sogas, Chizzoniti plaude alle associazioni «Si deve pensare solo al futuro dell’Aeroporto». Ethos, Club Unesco e Kronos annunciano una petizione

Tonio Licordari
«Se la Sogas verrà commissariata o addirittura liquidata non sarà certo una disgrazia perché l’Aeroporto dello Stretto non chiuderà. Tutt’altro: è questa la strada giusta del rilancio». Da anni il presidente del Consiglio comunale, l’avvocato Aurelio Chizzoniti, va sostenendo questa tesi che oggi non è più solitaria. Si registra infatti l’uscita in campo aperto delle associazioni produttive, guidate dalla Camera di commercio, che hanno chiesto il commissariamento della società di gestione del “Tito Minniti”. In perfetta sintonia Aurelio Chizzoniti, il quale scandisce un significativo «Finalmente!».
Il dibattito sul futuro dell’Aeroporto si infiamma. Alle associazioni hanno replicato i sindacati che si oppongono all’idea del commissariamento. Il presidente della Sogas, il dott. Pasquale Bova, in un’intervista a “Gazzetta del Sud”, volutamente ha sorvolato sull’argomento, affermando soltanto che questa è una fase favorevole perché si registra un notevole incremento dei passeggeri e ci sono tutte le condizioni per far diventare competitivo l’Aeroporto dello Stretto. Intanto per sabato prossimo è annunciata una petizione popolare di tre associazioni (Ethos, Club Unesco e Kronos) le quali spiegheranno questo loro progetto domani in una conferenza stampa.
Chizzoniti non ha dubbi: la continua ricapitalizzazione è un danno per la comunità e non risolve nulla. Dice: «Finalmente diversi rappresentanti istituzionali respingono l’ennesimo tentativo di saccheggio di pubbliche risorse che servirebbero a pagare (in parte) l’ingente massa debitoria accumulata dal 1999 ad oggi». Un atteggiamento, secondo Chizzoniti, assai responsabile di chi intende «tutelare e non certo far chiudere l’Aeroporto».
Il presidente del Consiglio comunale non si spiega l’atteggiamento dei sindacati, in particolare di Cgil e Ugl che si sono espressi contro il commissariamento. Pur rispettando le posizioni altrui (Chizzoniti cita Pietro Nenni: «La democrazia non è se non la coesistenza pacifica di diverse e opposte posizioni e tendenze»), è convinto che i sindacati non abbiamo certamente fatto la loro parte: «Di fronte ad una situazione contabile devastante – dice –, che scandisce gli ultimi dieci anni di vita amministrativa, non mi risulta che sia stato proclamato un solo minuto di sciopero. Si ha l’impressione che gli stessi sindacati abbiamo rappresentato la classica voce del padrone e non abbiamo tutelato gli interessi dei lavoratori, alcuni dei quali retribuiti con appena 300 euro al mese pagati puntualmente in ritardo».
Non si può andare avanti secondo Chizzoni «a colpi di ricapitalizzazione al buio o con escamotage tipo aumento del capitale disancorati da piani di investimento e programmi di sviluppo ma solo per pagare, fra l’altro, Sicurtrasport, Consulta ecc.».
Il problemi esistenti sono gravi secondo Chizzoniti. «Sarebbe un errore – dice – recitare il ruolo dello struzzo che nasconde la testa nella sabbia per non vedere. Intanto bisogna prendere atto che ci sono le condizioni per avviare i lavori dell’Aerostazione grazie anche ai due milioni di euro erogati dalla Regione guidata dal governatore Scopelliti, ma i cantieri non aprono. Inoltre non si può far finta di nulla sulla procedura di infrazione già avviata nei confronti della Sogas da parte della Comunità europea che censura le gestioni sia monocratica che collegiale della stessa».
E di fronte a questa situazione che fanno i sindacati? «Spingono – dice l’avvocato Chizzoniti – la classe politica a far votare in aula, attraverso gli amministratori, l’erogazione dei soldini richiesti dalla Sogas. Ovviamente per un’azione del genere di fronte alla Corte dei Conti le responsabilità non saranno poi dei sindacati ma degli stessi amministratori, i quali potrebbero essere chiamati a risarcire in proprio».
Questi i numeri secondo Chizzoniti: «È inutile agitare notizie di nuovi collegamenti. Senza adeguate politiche tariffarie, competitive rispetto agli Aeroporti di Lamezia e Catania, non si va da nessuna parte. Non è un caso se oggi l’Aeroporto registra flussi di passeggeri pressoché identici a quelli di un decennio fa quando grazie all’Air One (che consentiva di volare da Reggio a Roma con 59 mila lire e a Milano con 99 mila lire) superò per la prima volta la fatidica soglia dei 500 mila passeggeri. Senza però perdere una lira, riducendo le perdite annuali a circa 400 milioni di lire e soprattutto senza retribuire con circa 250 mila euro all’anno un Cda che produce oltre 10 mila euro di debiti al giorno inconfutabilmente documentati da ben due inutili ricapitalizzazioni all’anno».
Morale della favola: «L’unica via d’uscita – conclude Chizzoniti – è il commissariamento. Alitalia, Parmalat, Reggina Calcio, tanto per fare qualche esempio, sono rinate dopo la dichiarazione di fallimento. Non si capisce (o meglio si capisce!) la ratio ispiratrice dell’accanimento terapeutico nei confronti della Sogas da tempo in stato vegetativo irreversibile!».

Fonte:

—————————————————————————————————

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=664


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

6 commenti

  1. l’unica ratio ispiratrice è che se chiude sogas una 60ina di persone rimangono senza posto di lavoro ( incluso il ” tecnico ” Bova )

  2. per quanto riguarda la tratta Bologna-Reggio Calabria non si sa la compagnia???
    Comunque sia speriamo che siano a basso costo e con degli orari buoni (magari partenza da Bologna il venerdì pomeriggio ed un rientro per domenica sera)…

  3. Scusa Fabio, ti da fastidio leggere gli articoli del sito, anche quelli già postati che si trovano in fondo?

  4. no, però già lo scritto ieri sera nell’articolo apposito, ma non mi è stata data nessuna risposta.

  5. Perche credevo che ieri sera fosse stata una tua svista e che l’avresti trovato da solo visto che c’è un’articolo scritto.

    Comunque, la compagnia è la Eagles Airlines che opererà il Lunedì ed il Venerdì. L’orario e le tariffe ancora non sono disponibili. La partenza è fissata per il 18 Aprile.

  6. credo che siamo nel pieno della campagna elettrorale, spero solo che il tito non ne esca con le ossa ancora più rotte. prendiamo Chizzoniti: il suo periodo è stato di sviluppo per l’apt? ha fatto un piano aziendale? perchè poi airone ha cambiato lidi (veramente questo lo sappiamo vero domenico?). quando la smetteranno di pesare o “postu” dove sistemare compari e commari e vedranno l’apt come volano di sviluppo? Siamo nel pieno della guerra tra bande 8si arriva perfino a lodare crotone pur di evidenziare ancora di più le ben note negatività sogas)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.