Sogas, Dattola: “società verso la bancarotta?”

Riporto da ReggioTV.it

Sulla società di gestione dell’Aeroporto dello Stretto, il commento del presidente della Camera di Commercio.

Dal presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, riceviamo e pubblichiamo:

A margine della campagna mediatica che dipinge la Società di Gestione dell’Aeroporto dello Stretto come una realtà, nonostante il baratro di debiti e di perdite consolidate in cui si trova, avviata verso rosee prospettive di sviluppo, è necessario ed opportuno definire in modo trasparente quale sia la vera situazione di una società a capitale interamente pubblico incapace di supportare ad oggi il ruolo di una infrastruttura fondamentale per lo sviluppo della Città Metropolitana e dell’intera Area dello Stretto.

Da troppo tempo, infatti, gli imprenditori, i cittadini e gli utenti dell’Aeroporto dello Stretto ‘Tito Minniti’ assistono inermi allo spreco di risorse pubbliche che la SOGAS continua a perpetrare, a danno di un’utenza sempre più gravata da tariffe inaccessibili e servizi inefficienti.

Un vero e proprio fiume di denaro, proveniente dalle casse degli enti pubblici che ne compongono la compagine sociale, esclusivamente diretto a rimpinguare i conti costantemente in rosso di una società che, ben diversamente da quanto si vuol far credere, non è in alcun modo legata al destino dell’aeroporto, gestendo solo una parte operativa dei servizi aeroportuali.

I dati relativi alla gestione SOGAS raccontano, invece, una storia vera e drammatica, puntualizzata da un lungo e doloroso elenco di continue e ripetute svalutazioni azionarie, di perdite costanti e dall’accumulo di passività consolidate che nell’ultimo decennio sono state di circa 30 milioni di Euro, con perdite di esercizio che in media si attestano sui 4 milioni di euro all’anno e che, riguardando anche l’anno corrente, smentiscono clamorosamente, già per il 2009, le ottimistiche previsioni di rientro programmate dalla KPMG nell’ambito del piano industriale poliennale.

Un modus operandi, tanto fallimentare quanto reiteratamente dissimulato attraverso proclami di facciata, che, per ora, ha solo contribuito ad acuire le già difficili relazioni interne tra i soci, giungendo, dopo il decreto ingiuntivo contro la Camera di Commercio di R.C., al pignoramento di somme per circa 2 milioni di Euro alla socia Regione Calabria, che ovviamente ha disertato le ultime assemblee.

Una storia frutto dell’incapacità di promuovere efficacemente l’aeroporto reggino in termini di risparmi nelle tariffe e di migliori servizi agli utenti, che, nel 2009, ha comportato – come riporta il recente dossier Assaeroporti – una drammatica riduzione del – 6,0% dei passeggeri dello scalo reggino, a beneficio della struttura aeroportuale di Lamezia Terme che ha aumentato il proprio traffico passeggeri del +6,2%.

E anche l’auspicato ingresso della Provincia di Messina nella compagine sociale sta avvenendo in cambio di un dimezzamento del debito di questo ente verso la stessa SOGAS e oggetto di decreto ingiuntivo. Paradossalmente quello che avrebbe dovuto essere un’iniezione di denaro fresco nella società si potrebbe tradurre in una perdita secca per le esauste casse societarie, già fortemente provate dall’ingentissima mole di debiti nei confronti dei fornitori di beni e servizi.

Le uniche note positive correlate ai recenti risvolti istituzionali risultano essere i 4 milioni di Euro sbloccati dal Governo nazionale per investimenti e le nuove tratte attivate grazie all’impegno del sindaco Scopelliti.

In questa situazione di estrema criticità, l’amministratore unico ha incredibilmente deciso di assumere altre 4 unità professionali per far fronte a esigenze produttive non meglio specificate, nulla prospettando per la salvaguardia reale del posto di lavoro delle oltre 58 persone che già lavorano in SOGAS, né per il contenimento delle spese correnti, visto che nella prossima assemblea dei soci è addirittura previsto di stabilire i compensi per i nuovi consiglieri di amministrazione, a dispetto di ogni politica risanatoria.

Questa è oggi la situazione della SOGAS, società interamente pubblica di gestione dello scalo aeroportuale reggino, che ha visto fallire anche il tentativo di privatizzazione vista l’assenza di ogni prospettiva appetibile di mercato.

Noi crediamo sia a questo punto indispensabile affrontare con risolutezza la realtà di una società che divora denaro pubblico e che sempre più sta costringendo i reggini a disertare lo scalo aeroportuale della propria città a beneficio degli aeroporti limitrofi. Per questo occorrono decisioni immediate e coraggiose per risolvere definitivamente la questione di una società di gestione che continua a gravare delle sue inefficienze l’intera cittadinanza calabrese, causando una grave perdita di credibilità e di immagine ad un’intera città, depauperandola di un ruolo propulsivo per affermare e supportare la natura turistica del proprio territorio.

Fonte: http://www.reggiotv.it/news.php?id=12272

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=460


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *