Un aeroporto senza pace

Luglio ed Agosto sono mesi scarni di notizie aeronautiche in quanto i giochi per la prossima stagione winter sono già chiusi, con la programmazione da parte delle Compagnie aeree avvenuta già da tempo.
Il Tito Minniti era e continua ad essere snobbato dai vettori più famosi con buona pace di chi vorrebbe vedere presso lo scalo le varie Ryanair, Easy Jet, Blu Express, etc…
Sul fronte societario/politico/infrastrutturale questi invece sono i mesi più caldi, da sempre, specialmente da 3 anni a questa parte quando soprattutto gli enti sono chiamati a ricapitalizzare le perdite gestionali.
Con questo articolo cerchiamo di mettere ordine alle notizie ufficiali/ufficiose di questi ultimi mesi.

Attività volativa

Per gli ormai famigerati voli del Bando la partenza è prevista per il 18 Novembre. Le destinazioni le conosciamo ormai tutti, ovvero Milano Malpensa, Pisa, Bologna, Venezia e Torino.
Da notizie ufficiose le offerte arrivate sono veramente poche, a dimostrazione dello scarso interesse ad operare dall’Aeroporto dello Stretto, viste le cifre in gioco (4 milioni di Euro totali per 2 anni da spalmare su 5 destinazioni da coprire con aereo da almeno 140 posti).
Sappiamo che Alitalia non ha confermato Venezia per la winter 2011 che quindi rimarrà scoperta per un mesetto, mentre ad oggi non si conosce l’intenzione della Danube Wings nel confermare anche per la prossima stagione invernale il volo per Bologna, che quindi potrebbe andare a scontrarsi con il volo previsto nel bando.
La Eagles Airlines tra Settembre ed Ottobre vorrebbe operare Venezia da Reggio Calabria e a quanto ci è dato sapere le reali intenzioni della nuova Compagnia del Comandante Mauro Calvano, non si fermano al volo per il Veneto, ma si pensa anche ad altre tratte. Vedremo.
Mistero assoluto per la Compagnia che effettuerà i collegamenti con Londra e Francoforte via Brescia. L’indiscrezione trova conferma nelle parole del Presidente dello scalo Bresciano che ha annunciato nuovi collegamenti con 2 capitali europee.
Si pensa che la Compagnia sarà ( ) Compagnia delle Isole Fær Øer con in flotta almeno 5 BAE 146 (versione 200-100-85).
Sul fronte Air Malta nessuna novità di rilievo al momento, con la stagione winter che vedrà i soliti collegamenti con Roma Fiumicino e Malta ed il cambio di aeroporto da Parigi Orly a Parigi Charles de Gaulle. Il volo per Genova terminerà a fine Settembre.
Trawel Fly dovrebbe confermare o ridurre le attuali frequenze per Bergamo e soprattutto superare i problemi avuti sino ad ora in merito ad operativi e puntualità.

Attività societaria/politico/infrastrutturale

Caldissimo il fronte societario.
Si parte dalle ultime notizie in merito alla procedura di infrazione che la UE ha aperto nei confronti dell’Italia in merito ai presunti “aiuti di stato” versati da Regione Calabria, Comune di Reggio Calabria e Provincia di Reggio Calabria durante il periodo 2004 – 2005.
Tali aiuti sarebbero stati versati in assenza di un piano industriale/ristrutturazione redditizio.
A nostro giudizio la questione non dovrebbe avere strascichi nella attuale gestione e nell’eventuale ricapitalizzazione della Società (di fatto bloccata, anzi rimandata a Settembre), visto che ormai nel mondo aeronautico il finanziamento a Società di Gestione Aeroportuali pubbliche è la prassi.
Basterà cambiare modo e metodo di erogazione e tutto si risolverà, a dispetto di chi vede in questo richiamo scenari apocalittici.
Sul fronte privatizzazione invece le notizie non sono molto confortanti.
Le uniche 2 offerte presentate sono quelle di una Società Reggina, la SIES SpA ( http://www.sied.eu/ ) e la Vega99 con sede a Roma della quale non si riesce a reperire nessuna informazione sul web.
A dimostrazione della scarsa appetibilità dello scalo che ha visto defilarsi la Miro Radici e difficilmente tramite lo strumento della privatizzazione riuscirà a reperire le risorse economiche necessarie per un rilancio definitivo svincolato dagli attuali scenari politici.
A nostro modo di vedere altre due problematiche calde riguardano la MetroMare e la ristrutturazione dell’aerostazione.
Per quanto concerne la MetroMare le attuali corse e gli orari sono insufficienti a garantire adeguata copertura a tutti i voli da e per il Tito Minniti.
Si spera che in futuro, grazie all’attivazione dei nuovi voli, si possano superare i problemi legati a coincidenze e check – in direttamente a Messina, oltre all’annoso problema che riguarda la fogna che sgorga a mare.
Sulla questione ristrutturazione dell’aerostazione manca il via libera della Regione Calabria che deve trovare le risorse necessarie per il nuovo importo dei lavori.

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=20&t=590


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

6 commenti

  1. In Italia esistono altri aeroporti con un traffico pari o anche minore rispetto a quello del Tito Minniti che vivono tuttavia in santa pace, probabilmente il fatto che il nostro aeroporto non ha pace è da ricondursi al fatto che il territorio in cui sorge ha molte aspettative da questa struttura, e sente la necesstià di crescere, aspettative che vengono puntualmente deluse. Sarebbe il caso di cambiare definitivamente società e modalità di gestione.
    Lamezia conta su un bacino potenziale di utenza di 1milione e 500 mila abitanti, tutta la Calabria in pratica, tranne l’area metropolitana di Reggio. Reggio può contare su un numero + o – simile, se l’aeroporto avesse avuto una buona gestione e se si fossero accorciate le distanze con la dirimpettaia Messina ( 500 mila Reggio + 600 mila Messina = 1 milione e 100 mila potenziali pax ), unica differenza che per raggiungere Lamezia i calabresi si fanno anche + di 100 km, per raggiungere Reggio i siciliani si dovrebbero fare meno di 10 km.

  2. buongiorno
    a prescindere se queste notizie sono ufficiali\ufficiose,in sintesi mi pare di capire questo;
    {1} nessuna, o quasi, compagnia aerea é interessata ad operare dal nostro aeroporto anche con gli incentivi messi a disposizione tanti o pochi che siano!
    {2}Alitalia con la stagione winter cancella il volo per Venezia e Air Malta quello per Genova, Danube é sulla buona strada per cancellare il Bologna!
    Notizie buone?
    Air malta conferma Parigi e TW i 3 voli settimanali su Bergamo! Eagles Airlines staremo a vedere…..
    Sull’infrazione della UE, certo raggirare gli aiuti ottenuti dalla Sogas cambiando metodo e modo di erogazione é un classico Italiano e non é una questione di “dispetto” ma un dato di fatto il catastrofismo che c’é ! Nessuno di noi reggini vuole il male di Reggio, ma purtroppo tutto và male per il nostro aeroporto vedi Metromare,fogne a cielo aperto,questione privatizzazione etc..Ma a tutto questo in definitiva c’é una spiegazione logica sul pk il nostro aeroporto và male,la città non offre niente, non ci sono industrie,non ci sono soldi che circolano nussuno vuole rischiare niente, i politici..beh lasciamo stare.. che la smettano di farci credere che Reggio é una città turistica pk se lo fosse,al Tito atterrerebbe un aereo ogni 10mn e si parlerebbe in inglese invece si parla solo RIGGITANU !!

  3. @Tony: parole sante!

  4. ok, allora lo chiudessero, invece di sperperare soldi pubblici, sicuramente la gente della Sogas grazie alle sue competenze e professionalità, troverebbe subito una ricollocazione lavorativa, e tutti i soldi dei contribuenti calabresi invece di gettarli inutilmente nel finanziare un aeroporto inutile, li si potrebbe utilizzare per migliorare ad esempio i collegamenti ferroviari con lo scalo di Lamezia.

  5. anche se duole dirlo,forse solo sotto la minaccia di chiusura o commissariamento,le cose potrebbero cambiare seriamente; finora, coloro che hanno gestito male questo povero aeroporto,si sono arricchiti sulle nostre spalle, senza produrre nulla 🙁

  6. sandro , certo cvi manca che chiudono l’aereoporto pio davvero reggio diventa terzo mondo , pio hai detto che con i soldi dei contribuenti calabresi?

    guarda che vivi in una regione dove l’economia e’ ferma e di conseguenza tasse se ne pagano pochine, senti a me sandro tieniti stretto il tito minniti che e’ uninfastruttura vitale per la tua citta’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.