Aeroporto Reggio Calabria: Alitalia pronta a lasciare e scalo pronto a chiudere?

Riportiamo da ReggioTV.it:

Alitalia pronta a lasciare? Si profila la chiusura anche per l’Aeroporto dello Stretto

Reggio Calabria. Il 2 novembre potrebbe coincidere con una sorta di de profundis per l’Aeroporto dello Stretto. Proprio nel giorno della commemorazione dei defunti, infatti, Alitalia potrebbe comunicare la propria volontà di lasciare il “Tito Minniti” già a partire dalla prossima settimana.

Annuncio che verrebbe formalizzato nel corso dell’incontro che la stessa ex compagnia di bandiera ha convocato, per le 13:00 di mercoledì, presso gli uffici del Capo Scalo dell’aeroporto reggino con le sigle sindacali di categoria: FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, UGL TRASPORTO AEREO.

Tuttavia poco, anzi, nulla trapela dalle due righe della scarna convocazione, a firma del VP Industrial Relations & Policy, Maurizio Carboni, inviata nella giornata del 31 ottobre: se non luogo, data, orario e soggetti invitati a partecipare all’incontro.

Entro mercoledì scade, inoltre, il termine entro il quale la Provincia di Reggio Calabria, già socio di maggioranza dell’ormai fallita Sogas, ha assunto l’impegno di versare alla curatela nominata dal tribunale fallimentare la cifra di 696 mila euro da destinarsi per il prosieguo delle attività, tale da consentire – ad avviso del Giudice – l’esercizio provvisorio per i prossimi tre mesi.

L’eventuale decisione di lasciare da parte di Alitalia (ad operare ormai da anni, essendo azienda privata – e non ne ha fatto mistero già nel parlare dei “tagli” ai voli da e per Reggio Calabria, il presidente Montezemolo – guardando al profitto e non più al servizio universale), di fatto andrebbe a inficiare la fase transitoria legata alla gestione provvisoria, facendo chiudere anzitempo lo scalo dello Stretto.

Il ragionamento che farebbe Alitalia potrebbe essere grosso modo il seguente: “non avendo nulla da guadagnarci, almeno in questa fase di impasse a caratterizzare il “Tito Minniti”, meglio andare via per poi valutare un possibile ritorno al subentro della nuova società di gestione e qualora si profilassero vantaggiose condizioni economiche”. Al momento l’Aeroporto dello Stretto sarebbe solo un costo, troppo alto da sostenere, per la principale compagnia aerea italiana.

Se questo, come pare, andrebbe a profilarsi come scenario, verrebbe meno anche l’interesse di subentrare alla gestione da parte della nuova società vincitrice del bando ENAC, tra quelle che vi hanno partecipato proprio perché invogliate dall’attuale situazione volitiva, nonostante alcune discutibili decisioni assunte nei mesi scorsi (vedi il Reggio-Milano andata e ritorno in giornata), garantita proprio e principalmente dalla presenza di Alitalia.

L’auspicio è che una situazione del genere rientri solo nel novero delle ipotesi e comunque da scongiurare. Certo, l’interrogativo rimane: cosa avrà mai di così impellente da comunicare Alitalia il 2 novembre? Il rischio che la Città Metropolitana possa essere privata della sua principale porta di collegamento con il resto d’Italia, resta dietro l’angolo.

Del resto, delle intenzioni di lasciare da parte dell’ex compagnia di bandiera, più di recente ne ha parlato anche il Governatore Mario Oliverio, già nei giorni scorsi a “volare” a Roma con gli assessori Musmanno e Russo non solo per discutere più in generale di trasporti, ma anche per dare avvio ad una serie di incontri e valutazioni svolte con il Ministro Delrio e con il Presidente Enac Vito Riggio, “sia per riattivare l’operatività dello scalo di Crotone, sia per impedire che Alitalia disattivi i propri voli nello scalo di Reggio Calabria”.

Francesco Chindemi

Fonte: http://www.reggiotv.it/notizie/attualita/49775/alitalia-pronta-lasciare-si-profila-chiusura-anche-aeroporto-stretto


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

44 commenti

  1. Crotone chiuso…alitalia pronta a lasciare lasciare.
    Eppure ricordo qulacuno che diceva che se le società di gestione falliscono nulla cambia per l’operatività degli aeroporti…

  2. Quindi se,per caso, qualcuno ha già prenotato da Reggio un volo qualsiasi con Alitalia per le prossime festività,rischierebbe di non poterne usufruire perchè l’aeroporto sarebbe chiuso?

  3. @ Fabrizio:
    Ti risulta che l’Aeroporto di Crotone sia fallito ad Aprile 2015 e che sia rimasto aperto fino a ieri? Sono passati quanti mesi? 19 mesi.
    Ti risulta che SOGAS sia fallita una settimana fa e che se la Provincia non versa i soldi per garantire l’esercizio provvisorio allora si chiude?
    Di chi è la colpa? La Provincia non ha avuto problemi a buttare 30 milioni di Euro in 8 anni ed ora si crea il problema per 700 mila Euro che servono a garantire altri 3 mesi di vita fino al subentro del nuovo gestore?
    E la Regione invece che aveva promesso 900 mila Euro per garantire questa fase di transizione?

  4. @ Cristina:
    Troppo presto per dirlo…
    Bisogna vedere come si sviluppa la situazione.

  5. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportoRC.com):
    ok,ma se hai bisogno di prenotare per tempo (nel mio caso), come fare?

  6. @ Cristina:
    O voli da Lamezia o aspetti che la situazione possa essere più chiara. Domani si saprà qualcosa di più.

  7. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportoRC.com):
    ok,allora vediamo che accadrà domani. Grazie mille per aver risposto

  8. Rotte appetibili che Az abbandona.

  9. Come il malpensa express, facciano un treno ogni mezzora da reggio per lamezia. 2 treni l’ora, di cui uno senza fermate intermedie.

  10. @ Fabrizio:
    Ma non sparare fesserie da ferroviere.

    Guarda che reggio non e melito porto salvo.

  11. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportoRC.com):
    La regione e troppo esposta e mette ogni centesimo su lamezia . reggio si nutre delle checchere di avvocati.stregoni.sindacalisti ecc…

  12. Di Blu Panorama invece?

  13. @ diavoli_da:
    Milano quindi è melito porto salvo?
    Cosa c’entrano i ferrovieri?

  14. Se la regione non interviene possiamo pure “uscire” dalla calabria..non ha più senso..la regione considera e spende solo da Lamezia in su in tutti i campi, non solo quello del trasporto

  15. @ Fabrizio:
    Bravo non paragonare milano a reggio e nemmeno malpensa a lamezia . realta diverse e economie diverse
    La bellissima melito chiuso il minniti sarebbe isolata

  16. Il giochetto dovrebbe essere questo.
    Alitalia va via perché vuole far passare i dipendenti nella nuova Società che si aggiudicherà il bando, per poi ritornare a volare da Reggio Calabria senza dover pagare 50 dipendenti per 4 voli al giorno. La questione è economica ed il succo è questo.
    Esiste però un altro problema, quello relativo al mancato versamento degli Enti soci per garantire l’esercizio provvisorio. Quindi a breve si saprà se l’Aeroporto chiuderà.

  17. Se l’ aeroporto chiuderà per 1 solo giorno , non riaprirà più.
    E comunque non si faranno problemi a chiudere lo scalo che, economicamente parlando, è la cosa più giusta da fare dato che abbiamo 4 miseri voli e un’ affluenza che ogni mese perde un 5/7% rispetto all’ anno precedente che aveva già un’ affluenza minima.
    Ricordiamoci che sono stati chiusi aeroporti di città importanti quali Rimini e Parma.
    Perché Reggio, in amministrazione controllata, dovrebbe restare aperto ??

  18. Domande:
    a) La compagnia aerea (ex di bandiera) gestisce i propri voli su REG in handling?
    b) Non ha ritenuto vantaggioso o non corrisponde al vero che non avrebbe ceduto a SOGAS, anche in epoca recente, tale “diritto”?
    c) Gli slot sono su LIN e FCO sono, e resterebbero, nella piena disponibilità della compagnia in esame?

  19. @ Marvin Curcio:
    a) Si, gestisce tutto in autoproduzione.
    b) Vista la situazione finanziaria di SOGAS non vi erano le condizioni per il passaggio dei dipendenti e dei servizi.
    c) Si.

  20. Per quale motivo alitalia aveva deciso di gestire i servizi a terra con propri dipendenti? Era convenienza economica o la SOGAS non era in grado di farlo?
    E adesso, rispetto a prima, cosa è cambiato? Cioè Oliviero cosa aveva promesso a Luca Cordero?

  21. Ipotesi:
    a) Informazione sindacale di richiesta della C.I. per parte del personale;
    b) Coinvolgimento delle istituzioni Territoriali per la gestione della problematica occupazionale;
    c) garanzie politiche per il transito di parte del personale nella società di gestione che si aggiudicherà il bando (parte restante con incentivi alla mobilità o al prepensionamento, ove possibile);
    Interrogativi
    Quale potrebbe essere l’interesse per la nuova società, anche se controllata totalmente a livello politico, di iniziare l’attività con i costi di gestione del personale che hanno caratterizzato la precedente gestione?
    La compagnia, ex bandiera, da tempo non è più il vettore di maggiore rilevanza per passeggeri e, in alcune tratte, è presente solo nominalmente: chi potrebbe, escludendo la nota compagnia irlandese (ex low cost) utilizzare uno scalo con limitazioni, in parte anacronistiche con gli attuali aeromobili, ma pur sempre condizionanti l’operatività?

  22. @ andrea:
    Scusami ma come puoi paragonare il minniti con il giuseppe vedi.

    Ti rendi conto che reggio senza aeroporto sarebbe isolata dal mondo. Ma fome possono certe persone pensare che reggio possa avere un futuro senza eroporto?

    No. Vorrei mai pensar male ma credo che molti abbiano un interesse o un grosso detict……..

  23. non faccio paragoni, ma semplicemente che se gli aerporti non producono utile, o peggio come nel ns caso se producono voragini di debito, vanno chiusi.
    E comunque la mia attività è strettamente legata all’ aeroporto quindi il mio interesse è all’ opposto di quello che pensi.
    Purtroppo per me, per i dipendenti della Sogas e per chi per lavoro è strettamente legato all’ aeroporto , questa volta non c’ e’ niente da fare.
    La chiusura è dietro l’ angolo.
    Evidentemente ci meritiamo questo…..

    @ diavoli_da:

  24. @ AndreA:
    Lo sai a quanto ammontano i debiti degli aeroporti ?
    Oltre 1 MLD,che fanno chiudono? No o qualcuno.E le enormi perdite annuali?Normalmente ci sono gli Enti Pubblici (quindi tutti noi) a contribuire per ripianare le perdite,solo che per l’ aeroporto di Reggio sembra che la tendenza sia a chiudere i rubinetti….Giusto o sbagliato che sia, ti piaccia o no, é cosi’.
    Tu prendi Alitalia,nel 2014 avevano perdite per quasi 600mln cosa fanno?
    Si alleano con Etihad,solido piano industriale per un rientro nel lungo termine e chiudono il 2015 con circa 200mln che sempre perdite sono.Ma per ottenere questo,oltre ad altre strategie, chiudono negli aeroporti dove non cé guadagno… tipo Reggio

  25. Beh comunque spero tanto che si mettano una mano sulla coscienza e provino a non annullare nessun volo almeno fino al periodo natalizio. Dopo si vedrà…

  26. da strill:
    pare che, dopo telefonata tra FALCOMATA’ E DEL RIO,decisione di lasciare scalo per il momento scongiurata.

  27. @ antonio:
    Beh.. L’ultima volta che ha parlato il sindaco con alitalia (volo A/R in giornata su linate) gli hanno fatto il contentino per 1 mese max e poi se ne sono infischiati… spero sia ascoltato davvero.. sennò, ormai rimane solo Lamezia..

  28. Tutto questo Grazie a:

    Raffa

    Oliverio

    Falcnmatà

    Bruciamo le schede elettorali

  29. Scusate ma Pilota75 che fine a fatto ?? Lui che commenta anche gli articoli inutili…

  30. @ Anthony:
    Infatti
    Quello che mi sn domandato anche io

  31. Pilota 75 voleva solo la chiusura dell’aeroporto.

  32. @ Franco41:

    Non mi risulta.
    Caso mai voleva, e non era il solo, che Sogas fosse spazzata via insieme a tutte le clientele di cui era portatrice.

  33. @ Emigrato:
    daccordo al 100%100

  34. @ Anthony:
    @ Franco41:
    @ Emigrato:
    @ Tony:
    Tranquili ci sono, mi sto solo gustando l’ennesimo teatrino davnti al secchiello gigante di pop corn.
    AHAHAHAH
    E’ inutile stare a commentare le notizie che si accavallano in maniera frenetica.
    Per non parlare dello schifoso spettacolo che le istituzioni ci stanno riservando.

    Alitalia fa il suo mestiere: l’imprenditore.
    Reggio è l’unico apt in cui manteneva il servizio in maniera autonoma.
    E’ normale che stia cercando di sbolognare la cosa per arrivare all’aggiudicazione al nuovo concessionario come se fosse una normale compagnia aerea (come ha ben spiegato Roberto).

    Raffa mi fa proprio schifo!
    Prima dichiara al tribunale che avrebbe versato 700 mln di euro e non lo fa (con, credo, risvolti penali e conseguente fallimento IMMEDIATO di Sogas, negando così la possibilità di una CIGS).
    Poi urla contro Alitalia, ma non era lui che fino a 2 anni fa fece una manifestazione CONTRO Alitalia?
    Quando qui scrivevamo che andava tenuta sul piedistallo, tutti ci hanno attaccato….ora se se ne va (cosa che non farà) andate sotto casa di Raffae Porcino e fategli il sederino….

    Oggi cosa leggo? Che Raffa, in uno sprazzo di magnanimità, paga i 700 mln e salva l’aeroporto.
    Intanto i soldi non suono i suoi, ma di tutti noi, quindi lui non ha salvato una mazza, che sia ben chiaro.

    Per il resto, preferisco non commentare, sono abbastanza nauseato di come l’ignoranza regni sovrana e voi gli andate pure appresso.

  35. @ Pilota75:

    Carissimo.
    Veramente tra quelli che avevano espresso preoccupazioni per la tua assenza non c’ero mica io. Non l’ho fatto perché ero certo che, come avvenuto, magicamente saresti riapparso da un momento all’altro. 🙂

    Nello stramente, e a beneficio anche di chi lancia strali in ogni direzione, riporto
    uno stralcio dell’intervento del Ministro nell’odierno question time alla Camera.
    Per chi vuole intendere mi pare sia molto chiaro:

    “Gli scali aeroportuali di Crotone e Reggio Calabria sono stati chiusi perché due Tribunali “ne hanno dichiarato il fallimento, le società di gestione infatti non hanno gestito gli scali in modo adeguato”

    Per chi fosse interessato , qui c’è l’articolo integrale pubblicato dal dispaccio.

    http://ildispaccio.it/primo-piano/125695-la-strategia-del-governo-e-la-messa-in-rete-degli-aeroporti-di-reggio-e-crotone

  36. @ Pilota75:
    Pilota,non é che mentre mangiavi i pop corn e magari leggevi qualche stronzaggine di un polititco che tu ami tanto…ti é venuto mal di pancia e ti si é annebbiata la vista?
    Ha ha ha…….no pk nemmeno io ero nella lista preoccupati….
    Naturalmente scherzo.
    Lieto di risentirti

  37. Perdonate l’ignoranza, ma vorrei capire il senso delle parole di Delrio in quest’articolo. Grazie mille per la disponibilità: http://www.strill.it/citta/2016/11/del-rio-alla-camera-su-aeroporti-calabresi-no-isolamento-ma-societa-di-gestione-facciano-il-loro-dovere/

  38. @ Cristina:
    Bisognava ascoltare l’intero discorso.
    Probabile che il Ministro e il governo,assieme agli “ultras” della regione calabria, preferiscono avere una società unica per la gestione degli aeroporti calabresi.
    Bisogna aspettare e vedere a chi viene affidata la concessione trentennale degli aeroporti di Reggio e Crotone

  39. @ Tony:
    @ Emigrato:
    Si, scusate, ho incluso tutti nella risposta senza fare i necessari distinguo.
    comunque, ormai questione di giorni e Sacal risulterà aggiudicataria.
    Porterà solo benefici.

  40. @ Pilota75:

    X la prima volta sn d’accordo cn te.
    Specialmente su Raffa

  41. Grazie mille per il vostro contributo. Attendiamo sviluppi. Buon proseguimento a tutti 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.