Aeroporto Reggio Calabria: dal 1 Agosto gli oneri per i nuovi voli per Bologna e Pisa

Riporto da Strill.it:

È fissata per il 1 agosto 2015 la data di avvio per gli oneri di servizio pubblico sulle rotte da e per l’Aeroporto dello Stretto, anche se è intenzione del Gestore tentare di anticipare un po’ i tempi. Questo quanto si legge, da parte di Sogas SpA, a commento del verbale della Conferenza dei Servizi, svoltasi in Roma presso gli uffici del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti il 20 e 21 novembre 2014, trasmesso dal Dipartimento Infrastrutture Settore Trasporti della Regione Calabria.
Prevista, quindi, la messa al bando di due nuove rotte: Pisa e Bologna. Per un onere complessivo rispettivamente di euro 1.269.395,68 ed euro 1.469.073,08. Stabilite in sede di conferenza dei servizi le caratteristiche dei nuovi collegamenti Reggio – Bologna e Reggio – Pisa che dovranno essere garantite dalla compagnia o dalle compagnie aeree che si aggiudicheranno tali rotte. Collegamenti che dovranno, tra l’altro, essere operati per un periodo minimo di 2 anni con almeno 2 frequenze settimanali andata e ritorno.
Quasi 2,8 milioni di euro destinati al Tito Minniti che rischiavano di non essere utilizzati considerati i diversi rinvii e temporeggiamenti verificatisi per la convocazione della Conferenza dei Servizi, quest’ultima, fortemente promossa, voluta ed “inseguita” dalla So.G.A.S. SpA.
Ed è proprio dal rappresentante della Società di Gestione che nasce la proposta tecnica delle due destinazioni, Pisa e Bologna, che il Gestore ritiene potenzialmente molto redditive e ad alta capacità di successo, per come dimostrato tecnicamente dalla So.G.A.S. SpA ai rappresentanti delle altre istituzioni interessate dalla Conferenza dei Servizi che hanno così avuto modo di apprezzare l’impegno ed il lavoro svolto da Sogas approvandone la proposta all’unanimità.
Una buona notizia che viene dopo un periodo non facile dal punto di vista operativo per l’Aeroporto dello Stretto. Ormai, chiuso il mese di Dicembre, infatti, il dato é ufficiale e sostanzialmente ricalca, anzi migliora leggermente, le previsioni già anticipate nei primissimi giorni dell’anno appena iniziato. Nel 2014 a fronte di un totale dei movimenti pari a 7.383 (-3,33%) si è registrato un traffico passeggeri totale pari a 522.849 (-7,09%).

A fronte di alcune critiche che, francamente, riteniamo ingenerose – dichiara Porcino – ricordiamo solo velocemente che nel 2011 da Reggio Calabria si partiva solo da e per Roma e Milano. Mentre nell’ultimo triennio l’offerta delle destinazioni è cresciuta, aggiungendosi anche i collegamenti per Torino, Genova, Venezia e, sebbene per un brevissimo periodo, anche Pisa e Bologna. Rotte quest’ultime che dunque speriamo presto possano tornare ad essere operate in riva allo Stretto. Sempre sul fronte aviation, per la prima volta, in questo ultimo triennio si é poi avviata anche l’attività charteristica, che si ricorda rappresenta una delle fonti di maggiori proventi per qualsivoglia Società di Gestione. La circostanza che, poi, alcuni dei collegamenti sopra citati siano venuti meno, in corso d’opera, nulla ha a che vedere con il Gestore poiché dipende soprattutto dalle false promesse operate nei confronti delle compagnie aeree da parte della Regione Calabria, a cui compete il Piano Trasporti Regionale, nonché istituzionalmente unico ente delegato ad incentivare la presenza di nuove compagnie aeree, anche attraverso azioni di co – marketing e/o di start up. Ma sul punto abbiamo già denunciato più volte il trattamento dispari riservato al nostro scalo.
Il settore del trasporto aereo si regge essenzialmente sulla presenza di incentivi ai vettori al punto valga sapere che persino il Ministero dei Trasporti lo ha ormai riconosciuto formalmente ed appalesato, dettando specifiche linee guida inerenti le incentivazioni per l’avviamento e lo sviluppo di rotte aeree da parte dei vettori ai sensi dell’art. 13, commi 14 e 15, del decreto legge 23 dicembre 2013 n.145, come modificato dalla legge di conversione del 21 febbraio 2014 n.9 . Sempre sul punto, peraltro l’Enac con apposita circolare del 23 dicembre u.s., fornisce le indicazioni operative per i gestori aeroportuali in caso di contributi/sostegni finanziari a favore di compagnie aeree per il lancio di nuove rotte e procedura di monitoraggio, nonché apposite schede di rilevazione per le comunicazioni obbligatorie da parte dei Gestori, ove l’incentivazione rientri nel perimetro di “Aiuti di Stato” come appunto nel caso di Sogas SpA. E allora ci viene spontaneo domandarci, atteso che così funziona il mercato, nel nostro caso quali saranno gli Enti finanziatori e per quali nuove rotte nel prossimo futuro?

Infine, analizzando gli ultimi dati – conclude Porcino – c’è poi un segnale da non sottovalutare: nel solo mese di Dicembre ci sono stati ben 148 movimenti in meno rispetto l’anno precedente (-25,96%) comportando di fatto una perdita di 10.349 passeggeri in meno (-22,74%). E non si tratta affatto di una casualità. Forse quanti la fanno facile non sono bene informati su quanto accade nel settore del trasporto aereo in Italia. É del 2 gennaio scorso, infatti, la notizia, riportata da un autorevole quotidiano nazionale, che nel nuovo piano industriale Alitalia/Etihad 2015-2018 viene prevista una diminuzione pari al 16,8% dei voli domestici. Ad oggi, infatti, sono 83 le destinazioni raggiunte da Alitalia che sul territorio é presente ed opera in 25 aeroporti di interesse nazionale. Oggi sono 25 le destinazioni italiane, 38 quelle europee e 20 le intercontinentali. Nel prossimo triennio Alitalia punterà deciso sul lungo raggio e abbandonerà almeno il 16,8% dei voli domestici a partire dalle rotte ritenute meno redditive, lasciando così la strada spianata a compagnie low cost e treni alta velocità. In questo quadro di scenario – si domanda infin Porcino – quale sarà il prossimo futuro dell’Aeroporto dello Stretto? Quale presenza e quanti collegamenti assicurerà Alitalia che oggi, si ricorda, rappresenta il 95% del volato in riva allo Stretto? E la Sogas, soprattutto, come farà a limitare ulteriori danni economici e penalizzazioni per la mobilità dei reggini? La Regione incentiverà finalmente in modo serio delle vere compagnie low cost per venire ad operare a Reggio Calabria?

Fonte: http://www.strill.it/citta/2015/01/reggio-dal-1-agosto-gli-oneri-per-i-nuovi-voli-per-pisa-e-bologna/


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

10 commenti

  1. Pigghiulu!!!

  2. Caro dott Porcino , queste risposte ce le dia lei che e’ il direttore della Sogas , altrimenti che ci sta a fare dopo i pessimi risultati che ha ottenuto??

  3. sempre più sconcertato.
    Porcino nega l’evidenza…anzi! cancella la storia…
    Come fa a dire che prima di lui si volava solo a Roma e Milano quando è stata la precedente gestione sogas a fare i bandi per torino, bologna e pisa?

    Ritiene vincenti le scelte di Bologna e Pisa e qualche riga dopo dichiara:”La circostanza che, poi, alcuni dei collegamenti sopra citati siano venuti meno, in corso d’opera, nulla ha a che vedere con il Gestore poiché dipende soprattutto dalle false promesse operate nei confronti delle compagnie aeree da parte della Regione Calabria, a cui compete il Piano Trasporti Regionale”
    Ma quando mai! Erano tutte rotte onerate fnite per scarso pubblico.

    poi, a parte aver copiato para para la risposta da me postata qualche giorno fa….ma che domande sono…è lui che deve dare le risposte e chiede a noi cosa deve fare la sogas?
    Senza parole…e hanno anche il coraggio di difenderlo su questo sito!

  4. Senza parole! Adesso cerca di arrampicarsi sugli specchi! Ma attento Porcino prima o poi scivoli! Anzi sei quasi arrivato giù!

  5. Sul sito ENAC non risultano ancora pubblicati i bandi, inoltre può accadere che nessuna compagnia si presenti. Ritengo propagandistico e prematuro affermare che ad Agosto si potrà volare. Il messaggio lanciato da SOGAS è sottile ma chiaro. Cioè ci stanno dicendo “scordatevi altri voli al di fuori di questi”. Ma questo lo avevamo già scritto su questo Sito molti mesi fa.

  6. antonio raffaele

    Intanto bisognerebbe spiegare cosa significa data di avvio degli oneri di servizio (1 agosto). Se i quattrini ci sono è invece indispensabile bruciare i tempi. Ritengo Bologna e Pisa due rotte di grande importanza strategica, ma per catturare utenza bisogna propagandarle bene, a tariffe accessibili e farle partire in coincidenza con la stagione estiva. Rinviare tutto al primo agosto quando i viaggiatori hanno già programmato i loro spostamenti significa correre il rischio di non avere molta gente a bordo e di fare il gioco dei nemici dello scalo di Reggio.Le statistiche dicono che da settembre in poi i numeri registrano flessioni fisiologiche su tutti gli aeroporti. Perché non anticipare tutto a primavera facendo partire un’adeguata campagna promozionale?
    Purtroppo lo sport preferito dalla classe politica cittadina è quello delle chiacchiere. Né pare che l’amministrazione Falcomatà abbia mostrato grande interesse verso la drammatica situazione aeroportuale. Che sensibilità è questa?
    E qualcuno dei nuovi consiglieri regionali della nostra provincia ha una vaga idea della centralità del problema?
    Mi sorprende poi che ancora nessuno sappia che dalla fine di marzo non ci sarà più il volo Alitalia del mattino per Milano Linate. La compagnia l’ha spostato alle 17,45. Un orario che non so quanto possa tornare comodo. La città perderà altra utenza e tutto questo darà fiato all’opera demolitrice di chi sostiene che lo scalo non potrà mai essere autosufficiente. E’ come pretendere che una macchina cammini, dopo aver svuotato il serbatoio e sgonfiato le gomme. Tutto il contrario di quanto avviene a Lamezia, dove evidentemente si lavora meglio (c’è un management più attento) e si sfruttano non solo i sostegni politici, ma anche le opportunità che offre il mercato. Qui tutto è in mano a incompetenti ed incapaci, che sparano sui giornali dichiarazioni a vanvera sul “Tito Minniti”, ma forse non fanno nemmeno un volo all’anno per capire come si viaggia. Povera città!

  7. @ antonio raffaele:
    come ha ben spiegato Roberto è tutta fuffa e pubblicità, propaganda per far credere alle persone che leggono di una imminente chiusura che la sogas e porcino in particolare stanno lavorando.
    In relatà non esiste (ad oggi) alcun bando e in ogni caso non è garantito che partecipi qualcuno.
    Se dovete programmare voli estivi fatelo da altri aeroporti, non aspettate il pisa o bologna da reggio che non ci saranno.

  8. @ Roberto Sartiano (Fondatore)
    Ragazzi novita sul diretto per torino’?? ho dato un occhiata all orario di luglio il torino reggio risulta 5 day e attendibile come orario posso organizzarmi in base a esso??’

  9. @ Xxx889:
    Assolutamente non attendibile. E’ ancora troppo presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.