Aeroporti Calabria: ok dell’UE ad aiuti per 6 milioni di Euro a SACAL per l’emergenza COVID-19

BRUXELLES – La Commissione europea ha approvato lo stanziamento di aiuti di Stato per 6 milioni di euro da parte dell’Italia in favore degli aeroporti della Calabria per risarcirli dei danni subiti nel periodo compreso tra il 1 marzo e il 15 giugno 2021 a causa della pandemia e delle restrizioni ai viaggi imposte dal governo e da altri Paesi per limitare la diffusione del Covid.

L’aiuto assumerà la forma di una sovvenzione diretta per gli aeroporti che hanno registrato un forte calo del traffico e della redditività nel periodo considerato. La Commissione ha rilevato che la misura risarcirà i danni direttamente collegati alla pandemia e l’ha ritenuta proporzionata, in quanto l’indennizzo non eccede quanto necessario per risarcire il danno.


Condividi!

Voli
Eurowings
Prenota
Da Lamezia a
Colonia • Düsseldorf • Salisburgo • Stoccarda
Condor
Prenota
Da Lamezia a
Düsseldorf • Francoforte sul Meno • Monaco di Baviera
Lufthansa
Prenota
Da Lamezia a
Francoforte sul Meno • Monaco di Baviera
Swiss
Prenota
Da Lamezia a
Zurigo
Motori di ricerca
Skyscanner
Autonoleggio
EuropcarLocautoSixt
Bus
TerravisionFlixBusItabus
Treni
Italo Treno
Hotel
ExpediaHotelsHRS

25 commenti

  1. Commenta per: Altro

    Come sempre siete sul pezzo!! Chiari e precisi!!

    Grandi ragazzi e continuate così!!

    Grazie a voi finalmente capisco ma soprattutto imparo come funziona il mondo dell’aviazione ;-)

  2. Commenta per: Reggio Calabria

    Buonasera, come mai non avete ancora inserito il topic che riguarda la bocciatura da parte di Enac della riduzione delle limitazioni sullo scalo di Reggio. Sarebbe interessante sapere da voi che significa quando Enac dice: “stiamo lavoriamo al problema con delle alternative “
    Grazie

  3. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Perché lo avevamo detto che ENAC non avrebbe tolto le limitazioni. Per noi nulla di nuovo. In ogni caso si tratta di una risposta di ENAC ad una testata giornalistica, quindi non una comunicazione ufficiale di ENAC verso SACAL. Se poi vogliamo scendere nel tecnico trovi diversi articoli che lo Staff ha scritto negli anni, ma il succo è che ci vuole il GBAS e che nonostante il GBAS non si arriva ad eliminare al 100% le limitazioni.

  4. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Il GABS è previsto che venga inserito tra le opere destinatarie dei famosi 25 milioni di Euro del decreto Cannizzaro?
    In che termini potrebbe favorire l’ingresso di nuove compagnie e qualora venisse installato, potrebbero le maggiori low-cost avvicinarsi allo scalo?

  5. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Si, il GBAS rientra nei 25 milioni di Euro.

    Dicono che favorirebbe le low cost, ma noi abbiamo detto che non è vero poiché la maggior parte degli aerei non sono equipaggiati e certificati per ricevere i segnali del GBAS.

  6. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    È un sistema che in futuro sarà diffuso nella maggior parte degli aeromobili ( quindi la sua installazione si potrebbe valutare in positivo per il futuro) oppure si tratta di una tecnologia che viene utilizzata solo in base ad una “scelta” del costruttore e quindi circoscritta solo ad alcune macchine?
    Sarei veramente off topic ma l’ulteriore domanda è pertinente: vista la situazione oleografica della sede della pista 33, sarebbe folle ipotizzare il suo allungamento verso sud di circa 500 metri? E se si potesse fare, potrebbe in qualche modo mitigare queste benedette limitazioni? Oppure la collina di Mortara rappresenta comunque un ostacolo insormontabile?
    Grazie e scusa se magari sono argomenti trattati in altre discussioni ma visto le evoluzioni della tematica una ripassata al problema non fa male.

  7. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Solo in alcuni nuovi modelli esce di serie, per ora è su richiesta delle compagnie aeree che operano in quei pochi Aeroporti provvisti di GBAS.
    Non hai molto spazio per allungare la pista e non risolveresti quasi nulla.

  8. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Quando lo scrivevo io che non potevano togliere nulla mi insultava.
    Ora che lo dice ENAC cosa mi dici?
    Prima di parlare di allungare la pista dovresti, come minimo, aprire una carta geografica….
    Il gbas è costoso. Non lo installano a bordo per Reggio.

  9. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:

    Subject: Yuour reply to Roberto Sartiano

    Io che centro in questa faccenda? :-) :-) ;-)

  10. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Gabs:
    Your reply to….RS

  11. Commenta per: Altro

    Il GBAS a breve sarà installato in tutti gli aeroporti e sostituirà l’ILS.
    Leggi anti inquinamento e risparmio di carburante obbligherà le compagnie aeree ad installarlo sugli aeromobili.
    Inoltre aumenterà la capacità degli aeroporti.

  12. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Altro

    @ Domenico:
    A breve non credo e forse mai lo sarà per tutti gli Aeroporti. Attualmente il GBAS (GAST-C) è certificato ed in uso per avvicinamenti di precisione CAT-I (fino a 200ft dalla pista), mentre la versione GAST-D per avvicinamenti di precisione CAT-II e CAT III credo non sia ancora approvata.
    Se non ricordo male le procedure RNP APCH e RNP APCH AR arrivano fino a CAT-I e quindi possono sostituire gli ILS CAT-I. Per ridurre l’inquinamento ed aumentare il risparmio di carburante ci sono le procedure RNP durante tutta la rotta e non solo in avvicinamento finale dove agirebbe il GBAS.

  13. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    ma gli rispondi pure, cosa c’entra l’inquinamento con l’ils..l’aereo a terra ci deve andare!

  14. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Quando hai tempo, dopo una buona camomilla, ti prego di copiare il tratto in cui ti sei sentito offeso dal sotttoscritto.
    Per il resto, ho aperto la cartina, ora che devo fare per soddisfare le tue saccenti e mai sopite voglie di dimostrare che sai tutto sull’aeroporto di Reggio? Credimi che ti faccio fare un figurone.
    Giusto per sola informazione, ho prenotato un bel mattina sera su Milano nelle prossime settimane. Fino a quando potro’ farlo,così come lo faccio da 20 anni utilizzerò Reggio in attesa che chiude così come previsto dal PNA….

  15. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Ora che hai aperto, mi dici dove allunghi di 500 mt nel rispetto delle norme per costruire un aeroporto e come fa un aereo ad atterrare da 33 con un glide accettabile?
    Dovrebbero cancellare mezza San Gregorio per cosa? Reggio chiuderà perché non ci potranno più atterrare gli aerei.
    Fattene una ragione.

  16. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    Ciao Cavaliere,

    Quando si pensa ad un qualunque miglioramento in ambito aeroportuale bisogna tenere conto del “Manuale costruzione aeroporti” che contiene dei vincoli molto stringenti (dimensioni strip, resa, etc. giusto per citarne alcuni).
    Su Reggio possiamo pensare a tutto, ho letto anche di innalzamento di 3-4 m della pista, così come di aerostazione lato mare con parcheggio aeromobili attaccato alla 15-33 (e le strip di sicurezza?) ma i costi sarebbero allucinanti e i vincoli del manuale di cui sopra non rispettati. Ormai prima di mettere dei danè si fanno delle valutazioni e l’UE mica ti fa mettere così facilmente soldi su opere che hanno un bilancio costi/benefici non proprio esaltante, oltre che non rispettare i vincoli.
    Già l’aeroporto è in deroga, dubito siano possibili interventi che impongano l’istituzione di ulteriori deroghe.

  17. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Questa è la differenza che intercorre tra una persona preparata, senza pregiudizi, che risponde con competenza e professionalità alle domande poste da persone che naturalmente sono magari appassionati all’argomento ma assolutamente estranei sotto l’aspetto tecnico e altro tipo di risposte di cui il tenore si commenta da se, non c’è bisogno di aggiungere nulla.
    Grazie per la risposta così da potersi fare davvero un’idea dei tanti ostacoli che impediscono un vero rinnovamento dello scalo. Abbiate pazienza voi amministratori ( e solo gli amministratori) se ogni tanto come si dice la spariamo grossa ma non tutti sono esperti del settore altrimenti non faremmo le domande.

  18. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    bene, ora che hai avuto la risposta da una persona preparata ci auguriamo che la finirai col fare ipotesi fantascientifiche e ti rassegni al fatto che se a reggio ancora atterra un volo per roma e milano è anche troppo.
    Per tutto il resto c’è Lamezia

  19. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Non preoccuparti, siamo qui per questo. Sei il benvenuto.

  20. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Per favore possiamo chiedere solamente una seconda frequenza su Milano periodo estivo? E dai, solo una…

  21. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    guarda per me puoi chiedere quello che vuoi.
    Quando lo farete, i dirigenti ITA prenderanno i numeri della stagione invernale e diranno: mi dispiace ma noi così non ci paghiamo neanche l’albergo degli equipaggi.
    andate a Lamezia.

    Ora ci faremo le risate perchè i prezzi per natale saranno alle stelle e tutti a lamentarsi…prendete il treno!

  22. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    @ Paul9:
    Guarda un po’, se aumenta la domanda si alzano i prezzi, che scoperta…

  23. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Paul9:
    Come previsto.
    Possono andare a Parigi se vogliono risparmiare…

  24. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Per i calabresi non vale questo semplice concetto.
    È evidente un complotto per negare il diritto di abbracciare i propri cari che si trovano a pochi km da casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.