Aeroporto Lamezia: in SACAL GH si continua con un silenzio che ha del surreale

Riceviamo da una rappresentanza di precari della SACAL GH e pubblichiamo:

Precariato “infinito” in Sacal GH, si continua con un silenzio che ha del surreale.
Sono stati prorogati i lavoratori interinali nell’attesa di definire strategie ancora fugaci e poco chiare.

Continua ad andare ogni ragionevole aspettativa la situazione di noi precari di Sacal Ground Handling, con alle spalle un decennio di contratti a tempo determinato. E’ stata consolidata la situazione di limbo che è stata raggiunta in occasione delle festività natalizie, e non vi sono tracce di miglioramento alcuno: tutto è dominato dall’incertezza assoluta.

Assistiamo ora alla separazione delle sigle sindacali le quali, a coppie, stanno seguendo due vie distinte di gestione della situazione, una via che vede la ricerca di nuove trattative con l’azienda Sacal GH (Cgil e Cisl) e l’altra che mantiene una linea dura di rottura delle relazioni industriali (Ugl e Uil). Nel mezzo, interi gruppi di lavoratori in attesa di risposte chiare che tardano ad arrivare mentre un sindacato non firmatario del CCNL porta avanti una serie di azioni volte a sensibilizzare i dirigenti sulla situazione di stallo attuale. Ieri, 23 gennaio, le telecamere di Striscia la Notizia sono arrivate all’aeroporto di Lamezia Terme, rendendo la nostra situazione precaria di pubblico dominio su scala nazionale.

Nel frattempo, il segnale arrivatoci dall’azienda non solo lascia immaginare l’abbandono del piano di stabilizzazioni, ma insiste ancora una volta sul fantomatico “bando pubblico” che va contro le anzianità e le professionalità maturate in un decennio di lavoro precario. Il bando pubblico ha senso quando si vuole allargare il bacino di stagionali a nuovi lavoratori, ma solo dopo aver stabilizzato chi è già precario da tanto tempo.

L’azienda, come è ormai noto a tutti, si è affidata a contratti di somministrazione tramite l’agenzia interinale Tempor, procedendo altresì con la proroga contrattuale degli interinali assunti dal 13 ottobre 2018 al 12 gennaio 2019, proroga che vede il contratto lavorativo degli stessi interinali esteso fino al 31 gennaio, una scelta tampone nell’attesa che il quadro della situazione Sacal venga definito.

Precisando che è lungi dal nostro volere dare inizio, e portare avanti, inutili guerre tra poveri precari aeroportuali, vorremmo semplicemente puntualizzare di fronte all’intera opinione pubblica calabrese che, presso lo scalo aeroportuale lametino, si sta ora ricorrendo a personale aggiuntivo oltre a quello già a tempo indeterminato per dieci mesi su dodici (e non è detto che non si possa fare altrettanto anche nei mesi di febbraio e marzo, portando dunque il contatore a dodici mesi su dodici). Un dato chiaro e incontrovertibile a ulteriore testimonianza della necessità di procedere con un serio piano di stabilizzazioni, anziché contratti a singhiozzo per gruppi saltuari di lavoratori precari. Non si parla più di “stagionalità” quando i contratti a tempo determinato interessano l’intero anno solare, da gennaio a dicembre.

I precari Sacal Ground Handling


Condividi!

Voli
Air ItalyVoloteaLufthansaTransaviaEurowings
Motori di Ricerca
SkyscannerMomondo
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarGoldcarMaggioreSixtRentalcars
Hotel
Hotels
Bus
TerravisionFlixBus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.