Aeroporto Reggio Calabria: Comitato Pro Aeroporto, “è tempo per SACAL di pubblicare il Piano Industriale!”

Riceviamo dal Comitato Pro Aeroporto dello Stretto e pubblichiamo:

E’ tempo per Sacal di pubblicare il Piano industriale!

In seguito alla nota diffusa del 2 c.m. sulla notifica, dopo quella per Crotone, del Decreto di affidamento trentennale della gestione dell’aeroporto dello Stretto, a firma del Ministro Danilo Toninelli (Infrastrutture e Trasporti) e del Ministro Giovanni Tria (Economia e Finanza), si precisa che l’iter per la conclusione del procedimento di concessione per gli scali calabresi è partito su istanza del Comitato pro aeroporto dello Stretto presentata in data 17 luglio 2018, (In allegato nota del Ministero).
Infatti, mentre i vari rappresentanti politici, istituzionali e di categoria si affannano periodicamente per accaparrarsi meriti non dovuti o per rilasciare dichiarazioni su questioni o attività complementari, il Comitato ha sempre cercato, attraverso studio e costante impegno, di superare gli ostacoli partendo dalla radice del problema, tanto è vero che nessuno degli organi responsabili o rappresentativi ha provveduto nei mesi passati ad avanzare tale istanza, salvo poi spostare l’attenzione su argomenti non attuativi e marginali.
L’importanza di tale Decreto per gli aeroporti, oggetto della concessione, è legata alla circostanza che a partire dalla data odierna la Sacal non potrà più, come in passato, appellarsi alla provvisorietà della concessione al fine di non effettuare gli investimenti per lo sviluppo delle infrastrutture.
Adesso ci auguriamo che il Ministro Toninelli, visto che ha disertato l’incontro col Comitato senza motivazioni ufficiali, provveda a diffidare la Sacal, guidata dal presidente Arturo De Felice, alla pubblicazione del piano industriale. Tale documento sarebbe dovuto essere propedeutico per l’affidamento della gestione poiché necessario per verificare la congruità degli investimenti in linea con gli obiettivi previsti dal Bando ENAC.
Si ricorda, a tal proposito, che la Commissione di valutazione aveva giudicato insufficiente l’offerta tecnica presentata dalla Sacal SpA, tanto che la stessa società ha dovuto metterci una pezza affidando la revisione del piano industriale ad una società terza (PWC) con un ulteriore aggravio dei costi a carico della collettività.
Ricordando che la Sacal è una società a prevalente partecipazione pubblica che gestisce infrastrutture e servizi di interesse pubblico chiediamo che venga finalmente pubblicato il piano industriale affinché la collettività possa valutare l’efficacia e l’efficienza di una gestione che dovrebbe essere in grado di attrarre capitali e investitori privati sul territorio e mettere in condizione le compagnie aeree di offrire un servizio di trasporto stabile e con convezioni a lungo termine.
Infine, considerato che il Comitato ha già presentato due volte l’accesso civico verso la Sacal per ottenere la pubblicazione del piano industriale , lanciando anche un appello alla comunità civica e istituzionale rimasto inascoltato, salvo eccezioni, si auspica che la cittadinanza e soprattutto chi ne rappresenta gli interessi questa volta non rimanga immobile.

Il Comitato pro aeroporto dello Stretto


Condividi!

Voli
VoloteaBluExpressAirItalyLufthansaEurowingsTransavia
Motori di Ricerca
SkyscannerMomondo
Hotel
Expedia
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarGoldcarMaggioreSixtRentalcars
Bus
TerravisionFlixBus

10 commenti

  1. ReggioCheVola

    Capisco che al Comitato Pro Aeroporto stia a cuore sto benedettissimo piano industriale, ma ormai solo sta polemica sa fare. Che palle. Se gli è stato risposto picche, che senso ha continuare sta battaglia per sto dettaglio?
    Perchè non si batte per cose più utili, tipo farsi dare una risposta su come e quando verrà ammodernata l’aerostazione o sulla farsa di Ryanair?!

  2. Una volta che dovrebbe riuscire a venire la Ryanair a Reggio Calabria, perché non si incentiva a far venire anche altre compagnie low cost che già servono l’aeroporto di Lamezia Terme, tipo Volotea, Easyjet e altri. In questo modo si creerebbe concorrenza e ci sarebbe più richiesta di volare da Reggio Calabria. Spero che la Sacal dopo che riuscirà a portare la Ryanair lotterà per farne arrivare altre, anche solo nella stagione estiva, sarebbe già grande cosa. Poi rimodernare l’aerostazione e allungare la pista 33 verso la via Carrera creando un ponte sulla strada e allungarla fino alla concessionaria auto Nissan-BMW. Speriamo che in futuro sappiano spendere questi 25 milioni di euro.

  3. @ Pasquale:
    Prima di pensare a Ryanair ed alle altre compagnie aeree, pensate a riempire i 189 posti di Blu Express per Milano Bergamo, Bologna e Torino.

  4. @ ReggioCheVola:
    Perchè non hanno idea di cosa sia il trasporto aereo.
    Loro vorrebebro solo leggere: sacal regala 1 mln di euro per cvolare da reggio a roma a 20 euro.
    Tutto il resto non conta.
    Con queste premesse è normale che non sono in grado di dialogare ad un tavolo tecnico; il MIT lo ha capito e non li caga più giustamente.

  5. @ Pasquale:
    La ryanair non verrà mai a reggio, le altre compagnie non sono interessate a reggio; non aspettano mica l’invito se pensano che ci sia l’utenza.

  6. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    infatti…

  7. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Condivido .. da quanto ho costatato AZ Reggio – Roma mattina e sera sempre per lo meno all’80% (a 100 euro a tratta …. e conterà anche qualcosa).

  8. @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    parole sante

  9. scusate, prima avevo sbagliato post, Roberto puoi cancellare nell’altro articolo. grazie.
    Condivido con voi il pensiero che Ryanair non arriverà e che sarebbe più utile riempire i posti degli arei che già volano dal nostro aeroporto.
    Citynow pubblica quanto segue:

    Gli ultimi test svolti a Londra hanno dato esito positivo, si avvicina l’arrivo di Ryanair a Reggio Calabria.
    Di certo c’è che Ryanair non approderà a Reggio Calabria prima di settembre-ottobre 2019. L’esito positivo dei test rappresenta certamente una notizia confortante nonchè propedeutica all’arrivo in riva allo Stretto della compagnia low-cost, i tempi strettissimi però impediscono di organizzare i voli entro questa estate.
    Secondo quanto raccolto da Citynow, il collegamento nazionale Ryanair da Reggio Calabria sarà con Milano (più Bergamo Orio al Serio che Malpensa).
    La compagnia low-cost sembra voler puntare da Reggio Calabria su un collegamento con Parigi, o in alternativa con uno scalo vicino alla Costa Azzurra (Nizza o Marsiglia).

  10. @ Paul9:
    ne avevamo già parlato se non erro.
    E’ tutta una bufala.
    Non si capisce cosa debbano fare a londra, che test particolari….
    come vedi l’arrivo è slittato di due stagioni, quindi sarà riproposto per le elezioni del 2020 e puntualmente non ci sarà alcun volo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.