Aeroporto Reggio Calabria: FILT-CGIL esprime soddisfazione per l’assunzione in SACAL di 22 ex SOGAS

Riceviamo da FILT-CGIL e pubblichiamo:

LA FILT CGIL ESPRIME SODDISFAZIONE PER LA RIASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DEI 22 LAVORATORI ex SOGAS. E’ SOLO UN PRIMO RISULTATO PER L’AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA. CONTINUEREMO LA BATTAGLIA.

Dopo gli esposti a cinque Procure della Repubblica, 38 richieste di incontro al Presidente della Giunta Regionale, centinaia di durissime prese di posizione della FILT CGIL, dopo il nostro rifiuto nel mese di aprile 2017 a sottoscrivere accordi con Sacal che non prevedessero l’assunzione a tempo indeterminato, al contrario di come hanno fatto altri, finalmente sono stati riassunti alla Sacal per l’aeroporto reggino 22 lavoratori ex Sogas, ripristinando così il diritto al lavoro per come abbiamo incessantemente sostenuto in questi mesi.
La FILT CGIL in tutto questo periodo non ha mai minacciato senza fare, al contrario, ha agito senza minacciare, costruendo una vertenza che oggi rappresenta una prima sconfitta di coloro che sostenevano altri percorsi.
Finalmente la Sacal dopo tante richieste della FILT CGIL, ha compiuto i primi passi importanti nella direzione della stabilizzazione del personale ex Sogas. Non abbiamo chiesto, né chiediamo elemosine o qualche assunzione, rivendichiamo il diritto al lavoro a tempo indeterminato per tutti coloro che lo hanno perso. Oggi è solo un primo passo, ne dovranno seguire altri. Noi continueremo a rappresentare il sindacato dei tanti e non dei pochi nominati da qualcuno. Per questo continueremo la battaglia per tutti coloro i quali non sono stati riassunti.

Nino Costantino
Segretario Generale
FILT CGIL Calabria


Condividi!

Voli
VoloteaBluExpressAirItalyEurowingsTransaviaLufthansa
Motori di Ricerca
SkyscannerMomondoTrivago
Hotel
Expedia
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarMaggioreSixtRentalcars
Bus
TerravisionFlixBus

6 commenti

  1. Pasquale Malara

    Bisognava dare una svolta sul lavoro, ma adesso per poter mantenere questi lavoratori, bisogna incentivare il lavoro, quindi la Sacal faccia in modo che all’aeroporto di Reggio Calabria possano arrivare altre compagnie aeree con nuove rotte, così anche il nostro aeroporto possa tornare a volare come negli anni passati che superava i 500000 passeggeri l’anno. Speriamo che si muovi qualcosa in questa rotta.

  2. Ma che brava la Sacal ……assume senza un piano aziendale e economico e quindi senza nuovi voli in programma…..anzi senza il Torino dell’ Alitalia.

    Una normale azienda crea prima una strategia, conclude gli accordi e assume i dipendenti che servono allo svolgimento dell’ attività programmata.

    C’ è puzza di passato…. cioè si ripercorrono gli stessi errori della Sogas o meglio a nessuno importa dell’ Apt di Reggio.

    Queste assunzioni sono solo propaganda e contentini per far star buoni sindacati e gli ex lavoratori Sogas non assunti precedentemente.

    Ma dato che sappiamo tutti che deve andare così e che l’ Apt non decollerà mai sono davvero contento per queste persone e per le loro famiglie.

  3. @ andrea:
    ci puoi illustrare quale sarebbe la relazione tra il personale SACAL e il volo per Torino dell’Alitalia?

  4. @ Pilota75:
    Premesso che non voglio fare polemiche come spesso avviene in questo sito e che, come ho specificato nel mio post precedente, sono contento per i ragazzi ex-Sogas assunti adesso dalla Sacal,

    la relazione è semplice e non riguarda solo il Torino appena cancellato:

    in un’ azienda normale non si assume personale se non ci sono gli introiti per sostenere le assunzioni stesse in altre parole si assume se il personale è necessario.
    Il ragionamento elementare proiettato alla Sacal e limitatamente all’ Apt di Reggio è “se non ci sono nuovi voli in programma e addirittura il volo da\per Torino è stato eliminato, perché assumere personale ?
    E non 1 o 5 persone…..ben 22 unità cioè, probabilmente oltre 800.000 mila euro per anno di costi del personale in più.

    Da dove entreranno questi soldi????
    Voli: sempre i 4 al giorno e in orari scomodissimi (sappiamo tutti come finirà la compagnia rumena che collegherà Torino 2 gg alla settimana);
    Affitto uffici: poca roba dato che gli autonoleggi sono scappati via , bar e altre attività giustamente non investiranno nell’ apt in queste condizioni;
    Introiti da parcheggio auto: niente ovviamente se non ci sono voli;
    Pubblicità visiva: zero dato che sono affissi i cartelloni di due anni fa oramai scaduti.

    Che faranno questi 22 new entry ???

    Per questo sono molto perplesso e il Torino è solo una delle tante voci negative che peserà sul bilancio da cui dovranno uscire i soldi per tutto il personale incluso i neoassunti.

    Torno a dire che, se deve andare così, sono davvero contento per le famiglie dei neo assunti.
    MA QUANTO DURERA?

    Senza polemica ma solo un esame sulla situazione attuale

  5. @ andrea:
    Su questo Sito non si fa polemica, può capitare che si discuta in maniera più animata, ma ciò può rientrare nella normalità.
    Non si tratta di nuove assunzioni rispetto al personale già esistente, ma si sta cercando di stabilizzare parte del personale che prima era a tempo determinato.

  6. @ andrea:
    non so perchè parli di polemica.
    Ti ho fatto una semplice domanda: che relazione ci sta tra il personale sacal e il volo per torino di alitalia..ancora non ho avuto la risposta ma un elenco disordinato di cose messe a caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.