La nuova aerostazione pronta in 600 giorni

Riporto da GazzettaDelSud.it:

La nuova aerostazione pronta in 600 giorni Il presidente della Sogas: «Cresce il numero dei passeggeri e dal 27 giugno voli per Torino, Pisa e Malpensa»

Tonio Licordari
Dai primi di aprile sono cominciati i lavori per la costruzione della nuova aerostazione del “Tito Minniti”. L’impresa Mucciola ha 600 giorni di tempo per consegnare l’opera “chiavi in mano”. C’è l’intera copertura finanziaria (poco meno di 10 milioni di euro), oltre 7 milioni di provenienza statale e 2 di provenienza regionale. Indubbiamente, quindi, fra meno di due anni Reggio potrà disporre di un’aerostazione adeguata e moderna, rispetto a quella attuale che non costituisce certo un buon biglietto da visita.
L’amministratore unico della Sogas, il dott. Pasquale Bova, indica in sintesi quella che potrà essere l’aerostazione: l’attuale, sarà non solo interamente ristrutturata, ma verrà sopraelevata. Saranno così ricavati ampi spazi per gli uffici, un’adeguata area commerciale, il potenziamento dei “gates”, degli impianti di sicurezza, dei blocchi per i check in. Inoltre verranno migliorate le sale di aspetto, i servizi che per adesso sono indecorosi. Insomma si stanno creando le premesse per un degno Aeroporto dello Stretto che dovrebbe finalmente decollare anche a livello di immagine: è la grande occasione, ora o mai più.
La strada maestra è una sola: recuperare in pieno l’utenza messinese. Dal 18 aprile – come abbiamo pubblicato ieri nel servizio dedicato all’Atm – è stato chiuso il pontile e il collegamento Messina-Reggio avviene attraverso il porto reggino. Il ministero delle Infrastrutture ha accolto la soluzione provvisoria del presidente della Provincia regionale di Messina Nanni Ricevuto e, d’intesa con la Metromare, sta realizzando un servizio che al momento appare il più funzionale possibile. Grazie alla collaborazione dell’Atam che collega in dieci minuti porto-aeroporto la Metromare, oltre ai soliti orari, sta realizzando corse collegate ai voli, dalle 5.30 alle 23.30.
«Non è questa – commenta il dott. Bova – la soluzione ideale. Noi speriamo che al prossimo bando del Ministero per i collegamenti via mare si possano prevedere corse e orari funzionali ai voli. Anche perché il pontile deve trasformarsi in un’opportunità di grande respiro turistico. È nostra intenzione, infatti, collegare il nostro scalo direttamente con Taormina e le isole Eolie. In attesa di questo progetto più vasto, la soluzione attuale dovrebbe arrecare meno disagi ai passeggeri messinesi. La Sogas sta cercando di venire loro incontro durante il trasferimento da Messina all’Aeroporto e viceversa. Due nostre persone operano a Messina e anche durante il tragitto danno assistere ai clienti anche per quanto riguarda i bagagli. Si sta cercando di istituire il check in a Messina. Insomma non vogliamo trascurare nulla».
Continuano ad essere buone le notizie sull’andamento dei passeggeri. Dice il dott. Bova: «Abbiamo chiuso il 2010 con un incremento dell’8 per cento rispetto all’anno precedente. E nei primi mesi del 2011 siamo ancora cresciuti di circa il 10 per cento. Da fine marzo c’è un volo bisettimanale per Bologna, collegato anche con Venezia. Ma il salto dovrebbe avvenire il 27 giugno quando entreranno in funzione i voli per Torino, Pisa e Milano Malpensa».
Si tratta dei famosi voli collegati alla Conferenza dei servizi (4 milioni di incentivi, fondi statali) che è stata sbloccata dal governatore Scopelliti. Bova è cautamente ottimista: «C’è un rinnovato interesse per il nostro Aeroporto. Diverse compagnie ci stanno consultando, questo è un buon segno».
Un’altra novità riguarda l’iniziativa della Confindustria di Reggio e quella di Messina che intenderebbero entrare come soci privati nella Sogas. «Si tratta – dice Bova – di una buona notizia perché l’inserimento di Confindustria fa aumentare la concorrenza partecipativa per la privatizzazione della società».
Non si hanno notizie, invece, ancora sulla fermata ferroviaria, annunciata da tempo dal Gruppo Fs. Un progetto del genere potrebbe attrarre l’interesse dell’utenza della Piana che per adesso preferisce Lamezia. Ma non solo: si potrebbe creare un collegamento diretto ferroviario anche con il porto reggino. Bisogna capire quali sono le intenzioni di Moretti sulla metropolitana di superficie che è indubbiamente un servizio ideale ma continua ad essere realizzato con un materiale rotabile inadeguato.
In sintesi
L’opera.La nuova aerostazione, i cui lavori sono già iniziati, dovrebbe essere pronta entro 600 giorni. C’è la copertura finanziaria, poco meno di di 9 milioni di euro: oltre 7 dello Stato e 2 della Regione.
Il collegamento.Dal 18 aprile è il pontile è chiuso. L’utenza messinese sbarca al porto di Reggio, dal quale funziona un servizio di bus navetta diretto all’aeroporto. Le corse di Metromare sono funzionali agli arrivi e alle partenze degli aeri. Si comincia alle 5.30 e si chiude alle 23.30. La soluzione è comunque provvisoria, in attesa di un nuovo bando del ministero delle Infrastrutture per un servizio diretto col “Tito Minnti”.
I passeggeri.Aumenta il volume del traffico. Il 2010 si è chiuso con l’8 per cento in più rispetto all’anno precedente. E nei primi mesi del 2011 si registra un crescita pari al 10 per cento.
Nuove rotte.Da marzo funziona il volo per Bologna e dal 27 giugno partiranno quelli per Pisa, Torino e Milano Malpensa.

Fonte:

————————————————————————————————————————–

Per maggiori informazioni visita il Forum alla pagina: http://www.aeroporticalabria.com/forum/viewtopic.php?f=18&t=507


Condividi!

Prenota online e risparmia!
BookingEuropcarExpediaFlixBusLufthansaMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTrainlineTripAdvisorTrivagoVolotea

12 commenti

  1. Speriamo che non sia l’ennesimo buco nell’acqua dettato dal momento

  2. Non credo che partiranno. Il Bando deve ancora essere pubblicato e dopo la pubblicazione devono trascorrere 180 giorni.

  3. e quindi,ammesso che inizino,dovranno fare tutto “a calci nel sedere”?

  4. Si riesce a negare l’evidenza a RC caro giovane Meyers, peccato … perchè il vostro sito poteva essere una cosa positiva per la città e l’APT

  5. Ma di che state parlando dei voli o dell’aerostazione?

  6. per l’aerostazione aggiungerei un bello 0 al numero dei giorni necessari alla realizzazione dell’opera!

  7. @peppe
    non capisco quale sia “l’evidenza”…si dice che i voli partiranno fra meno di due mesi senza che sia stato pubblicato il bando?!? mi ricorda tanto questa intervista alla G.d.S.:”«Dal prossimo 5 novembre “Sky train” offrirà nuovi voli con Francoforte e Londra, via Brescia. Ciò significa – spiega Bova – aggiungere anche uno scalo in più in Lombardia». E poi ci saranno, nella prossima estate, anche i nuovi collegamenti con Torino, Pisa e Milano Malpensa”… era il 13 ottobre 2010.

  8. ah, beh, è un articolo della gazzetta del sud.

  9. Magicamente Reggio è scomparsa dalla mappa di Skytrain,e sono rimaste solo Treviso,Osnabruck e Monaco!e indovinate un pò,i voli verranno operati da Danube wings il 23 maggio!!Quando si dice la professionalità!

  10. Tranquillo che non si è perso nulla. 😀

  11. Spero che la considerazione sul bando sia del giornalista, altrimenti è molto grave che Bova al solito non conosce neanche il lavoro che svolge visto che ad oggi non esiste alcun bando (Roma e Linate cmq non sono comprese).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.