Aeroporto Crotone: Ryanair ha manifestato la volontà di riprendere i voli

La “Ryanair” ha manifestato la volontà di riprendere i voli per Crotone

Turismo – Catanzaro, 14/02/2017

A seguito del recente incontro che il Presidente della Regione Mario Oliverio ha avuto, a Dublino, con i vertici di “Ryanair”, la stessa Compagnia ha fatto pervenire una nota in cui manifesta la volontà di riprendere i voli verso l’aeroporto di Crotone. “Il nostro incontro di Dublino – ha scritto mister O’Brien, direttore Commerciale e numero due della Compagnia – è stato costruttivo e siamo ottimisti di poter trovare il mezzo per incrementare il traffico e la crescita del turismo verso la Calabria già a partire dalla prossima stagione turistica, mentre per il 2018 abbiamo in programma un lavoro di marketing associato per promuovere l’intera Regione sotto il Brand di “Costa ionica” per aggredire importanti mercati turistici a favore dell’area ionica”. Dal canto suo, il Presidente Oliverio si ritiene soddisfatto dell’immediata risposta dei vertici di “Ryanair” e dichiara tutto il suo impegno a far sì che lo scalo crotonese sia pronto a ricevere questi flussi turistici, già da questa stagione, rimuovendo le criticità che, al momento, non consentono la riapertura dello scalo. “Anche su Reggio – ha detto Oliverio – si sta studiando come superare gli ostacoli operativi correnti che impediscono a tutte le Compagnie, compresa Ryanair, di poter considerare di volare sull’importante scalo calabrese. Mi recherò personalmente presso l’Enav per sollecitare la possibilità di implementazione delle procedure di avvicinamento RNP all’aeroporto che daranno a tutte le compagnie la possibilità di atterrare. Anche con “Alitalia” abbiamo avuto incontri nei giorni scorsi per evitare che la Compagnia lasci lo scalo reggino. A tale proposito, è già pronto un primo bando che mette a disposizione otto milioni di euro per il sistema aeroportuale calabrese per il mantenimento delle rotte, nonché per il loro potenziamento. L’obiettivo del bando, come già precedentemente annunciato, è quello di rafforzare l’accessibilità alla nostra regione per rompere la perifericità in modo da fare emergere le enormi potenzialità turistiche che la nostra regione esprime”. o.m.


Condividi!

Prenota online e risparmia!
AvisBookingBudgetEuropcarExpediaFlixBusMeridianaMomondoRentalcarsSkyscannerTerravisionTripAdvisorTrivagoVolotea

6 commenti

  1. Francesco Turak

    Fumo negli occhi (politicamente targato CZ) : diamo a FR qualche soldino per farla ritornare a KR cosi facciamo vedere come noi CZ siamo bravi e generosi…

    Dite ad Oliverio se proprio ci tenesse a Reggio… di invitare Volotea, Vueling, Blue-Air , Easyjet… che mi sembra possono tranquillamente operare dallo scalo reggino…

    O forse si sottraggono passeggeri reggini a Lamezia per cui CZ non consente ?

    Ovvio questo non toglie le responsabilita’ trentennale della assai mediocre politica reggina che hanno usato la SOGAS per i propri fini elettorali anziche sostenere lo sviluppo del territorio..

    Povera Reggio (ma onestamente se lo merita per chi esprime a rappresentarla)

  2. @ Francesco Turak:
    veramente Oliverio è di CS…quindi CZ non c’entra nulla.

    Dubito che le compagnie da te nominate vengano a Reggio, a far cosa?
    Non sono neanche interessate a Lamezia, tranne le due che marginalmente ci operano.

  3. Francesco Turak

    @ Pilota

    Volotea voleva da Reggio verso Venezia e Genova , e se non mi sbaglio, ando’ via per questioni di mancati finanziamenti

    Idem Air Malta.

    Il giochetto e’ lo stesso di Ryanair a Lamezia… mi paghi e vengo.

    O mi sbaglio ?

  4. @ Francesco Turak:
    Non ti sbagli; quello che non vuoi capire è che le compagnie a Reggio non ci vengono neanche pagate.
    Vedi bandi della CT, vedi i soldi messi a disposizione negli anni dalla regione e inutilizzati.
    Vedrai nelle prossime manifestazioni di interesse che nessuno le farà per Reggio.

  5. Francesco Turak

    @ Pilota

    Diciamola tutta : le condizioni dei vari bandi erano pesanti nei confronti delle compagnie : minime frequenze settimanali da garantire, fasce orario stabilite , e se ben ricordo anche contributi per singolo volo… alla fine esigui….

    Se si volesse far crescere Reggio, basterebbe sedersi al tavolo con una proposta seria, come ha fatto la Regione con Ryanair per SUF, anziche’ imporre condizioni…

    Io sono dell’idea che Pisa (o Firenze), Venezia , Bologna, Genova (se la Toscana non dove essere coperta) potrebbe benissimo essere coperte da Reggio con frequenza bi/tri-settimanale ed un aereo di medio-piccola capacita’ (come il B717 di Volotea ad es.)

    Ma ovvio mancano tutte le condizioni dietro: non esiste una societa’ di gestione, gli Enti locali reggini mi risultano non pervenuti.

    Inoltre abbiamo contro una Regione Lamezia-centrica…..che mai di buon occhio vedrebbe tutto questo. Sia mai il Reggino volasse a Venezia o a Pisa da Reggio , anziche dover andare a SUF come succede difatti oggi

    Saluti, Francesco

  6. @ Francesco Turak:
    Le cose non stanno assolutamente come dici tu.
    I bandi non sono affatto pesanti per le compagnie, anzi…
    La Regione ad oggi non ha fatto alcuna proposta, nè ha dato alcun finanziamento a FR.
    Il bando di cui parlano non vedrà mai la luce perchè si configura aiuto di stato (infatti è da settembre scorso che ne parlano).

    Le tue idee non coincidono con la realtà.
    Venezia Bologna e Genova non sono sostenibili da Reggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni utente si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.