Aeroporto Crotone: i sindaci confermano la volontà di sostenere economicamente lo scalo

Riportiamo Comunicato Stampa del Comune di Crotone:

“Abbiamo visto cammello adesso dobbiamo pagare moneta”.
Ha utilizzato, all’incontrario, la metafora che ha usato più volte il sindaco di Crotone Ugo Pugliese per descrivere l’impegno che i sindaci del territorio intendono mettere in campo per sostenere l’attività volativa dell’aeroporto S. Anna.
Lo ha fatto al termine dell’incontro che ha avuto con i colleghi sindaci dei comuni della provincia nella Sala Giunta alla vigilia della annunciata conferenza stampa che si terrà venerdì prossimo presso lo scalo aeroportuale.
I sindaci hanno confermato la loro volontà di sostenere lo star up del ritorno effettivo dei voli con un investimento che è quantificato in 1,40 € per ciascun abitante dei singoli comuni.
Ma, ed è questa la novità, non intendono questo sforzo finanziario come un contributo ma bensì un investimento per garantire anche la continuità dei voli per i prossimi anni considerata la strategicità dell’aeroporto dal punto di vista dello sviluppo economico e sociale dell’intera provincia.
Una proposta che intendono concretizzare è quella di proporre a Sacal, che gestisce lo scalo di concedere a sua volta la gestione dei servizi a terra.
Lo si potrebbe fare attraverso la Sagas, di cui fanno parte Comune e Regione, portandola in bonis ed allo stesso tempo facendo in modo di non gravare sulle casse comunali e fornendo utili servizi e aprendo anche possibilità di dialogo con le compagnie aeree.
“La coesione tra i sindaci, ma anche con le associazioni, i sindacati, i comitati cittadini ha già portato frutti positivi. Continuiamo su questa linea guardando non solo all’immediato ma soprattutto allo sviluppo futuro dell’aeroporto. Compattezza che intendiamo mettere in campo anche per altre infrastrutture come, ad esempio, la strada statale 106” ha detto il sindaco Pugliese.


Condividi!

Voli
VoloteaBluExpressAirItalyEurowingsTransaviaLufthansa
Motori di Ricerca
SkyscannerMomondoTrivago
Hotel
Expedia
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarMaggioreSixtRentalcars
Bus
TerravisionFlixBus

6 commenti

  1. Quindi si decolla e si atterra dove ci sono i contributi pubblici o privati che siano, la storiella del bacino di utenza se non ti chiami Roma o Milano non regge.
    Le compagnie soprattutto low-cost fanno poca poesia e molta pratica, vanno dove trovano portafogli ben aperti. Qualcuno dovrebbe metterselo bene in testa questo concetto, sono contento per Crotone, altrettanto lo sarei se anche Reggio fosse così fortunata ad avere simili attenzioni. Con simili accordi e con le giuste tratte e orari, Reggio supererebbe agevolmente gli 800 mila passeggeri annui.

  2. @ Cavaliere:
    Dimentichi che i politici di Reggio calabria hanno detto no a finanziare il comarketing.
    Tornando all’articolo, mi chiedo, un consulente che gli spieghi che non è attuabile l’idea folle che hanno, non lo hanno preso?
    Non capisco quali siano i servizi a terra, non mi risulta che sacal faccia servizi in aria….

  3. @cavaliere
    Si, bella logica. Contributi a pioggia e si viaggia.
    Considerato che il comune di Reggio è rimasto senza un euro, chi li dovrebbe mettere i soldi? Che si fa?

    Perchè non fate una colletta, voi che battete così tanto i piedini per volare da Reggio. Vi mettete d’accordo, per la vostra grande città, cacciate il grano e regalate quattrini a Ryanair o alitalia e ottenete quel che vi pare.

  4. @ pernacchio:
    Esatto, quello che dico io.

  5. Pollinzi gaetano

    I servizi a terra sacal già li fa e da anni con la società creata appositamente e che se vogliamo è quella che maggio problemi sta creando alle casse della società di gestione. Per Crotone in bisogna fare altro che rimettere in moto la Sagas senza che questa si trasformi in un carrozzo e e quindi avviare servizi quali punto i formazioni parcheggi pubblicità solo per citarne alcune.

  6. @ Pollinzi gaetano:
    a crotone i servizi di handling (esistono servizi in aria e in terra?) li fa aviapartner, non sacal.
    sagas non esiste, non può far nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.