Aeroporti Calabria: SACAL si salverà grazie all’aumento di capitale ed agli aiuti di Stato

Oggi alle 11:00 il Consiglio regionale della Calabria si riunirà per discutere la proposta di Legge n.120/11^ di iniziativa del Consigliere F. MANCUSO recante: “Aumento di capitale sociale della società aeroportuale calabrese S.p.A. – SACAL“.

Sintetizziamo i punti salienti:

  • La Regione sottoscrive l’aumento del capitale sociale della Società aeroportuale calabrese S.p.A (SACAL S.p.A), deliberato nell’Assemblea dei soci del 5 luglio 2021, in maniera proporzionale al numero di quote già possedute (9,27%). A tal fine è autorizzata per l’esercizio finanziario 2021 la spesa complessiva di euro 927.421,60.
  • La sottoscrizione dell’aumento del capitale sociale è subordinata alla verifica della compatibilità dell’intervento finanziario previsto con le norme dei trattati europei e, in particolare, con la disciplina europea in materia di aiuti di Stato alle imprese.

Relazione descrittiva ed economico-finanziaria:

Nell’assemblea straordinaria del 05/07/2021 della società SACAL s.p.a., gestore aeroportuale di tutti gli aeroporti Calabresi, è stato deliberato di aumentare il capitale sociale a pagamento di nominali euro 10.000.331,00, mediante emissione di numero 19.343 azioni ordinarie, ciascuna del valore nominale di euro 517,00 da offrirsi a tutti gli aventi diritto, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2441 codice civile, in proporzione al numero di azioni già possedute e da liberarsi in denaro, con versamento di un importo pari al 100%.

Nella stessa seduta assembleare è intervenuto il Presidente del Collegio Sindacale “esortando anche in questa sede gli azionisti a votare a favore dell’aumento di capitale sociale con mezzi propri dal momento che in difetto si dovrà procedere allo scioglimento con messa in liquidazione della società ovvero al ricorso di diversa proceduta ove applicabile.

La situazione di difficoltà deriva dalle perdite di esercizio negli anni 2020 e 2021, per effetto della crisi pandemica, che ha visto nel 2020 una riduzione del traffico aereo di passeggeri in misura del 72,5%. La società in precedenza, con riferimento ai risultati di esercizio del precedente triennio, presentava risultati positivi con trend crescente:

  • anno 2019: € 1.027.089,00;
  • anno 2018: € 777.674,00;
  • anno 2017: € 48.824,00.

Si ritiene pertanto necessario sostenere la società in questa fase di crisi derivante da cause esogene ed evitare la sua messa in liquidazione con grave danno sia per la collettività, per le pesanti conseguenze che una anche temporanea interruzione dell’esercizio delle funzioni di gestione aeroportuale potrebbe causare, sia per il patrimonio regionale, in considerazione della capacità di produzione di utili che la società ha dimostrato di avere. Conseguentemente la presente legge prevede la sottoscrizione dell’aumento di capitale della Società aeroportuale calabrese S.p.A (SACAL S.p.A), deliberato nell’Assemblea dei soci del 5 luglio 2021, in maniera proporzionale al numero di quote già possedute.

Proprio ieri la Commissione europea ha approvato, ai sensi delle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, un regime italiano di 800 milioni di € destinato a risarcire gli aeroporti e gli operatori di servizi di assistenza a terra per i danni subiti a causa della pandemia di coronavirus e delle restrizioni di viaggio che l’Italia e altri paesi hanno dovuto applicare per arginare la diffusione del virus.

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva della Commissione, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: “Gli aeroporti sono tra le imprese che sono state particolarmente colpite dalla pandemia di coronavirus. Questo regime di 800 milioni di € permetterà all’Italia di compensare gli aeroporti per i danni subiti come conseguenza diretta delle restrizioni di viaggio che l’Italia ed altri paesi hanno dovuto imporre per arginare la diffusione del virus. Continueremo a lavorare in stretta collaborazione con gli Stati membri per trovare soluzioni praticabili in grado di mitigare l’impatto economico della pandemia nel rispetto delle norme dell’UE”.

L’Italia ha notificato alla Commissione una misura di aiuto destinata a risarcire gli aeroporti e gli operatori di servizi di assistenza per i danni subiti tra il 1o marzo e il 14 luglio 2020 a causa della pandemia di coronavirus e delle restrizioni di viaggio in vigore in quel periodo.

Nell’ambito del regime, l’aiuto assumerà la forma di sovvenzioni dirette. La misura sarà aperta a tutti gli aeroporti e agli operatori di servizi di assistenza a terra in possesso di una licenza di esercizio valida, rilasciata dall’Ente nazionale per l’aviazione civile.

La Commissione ritiene che la pandemia di coronavirus rappresenti un evento eccezionale, trattandosi di un fenomeno straordinario e imprevedibile con significative ricadute economiche. Di conseguenza, gli interventi eccezionali compiuti dallo Stato membro per compensare i danni connessi all’epidemia sono giustificati.

Lo Staff di AeroportiCalabria.com


Condividi!

Voli
Volotea
Prenota
Da Lamezia a
Genova • Torino • Verona
Eurowings
Prenota
Da Lamezia a
Colonia • Düsseldorf • Salisburgo • Stoccarda
Lufthansa
Prenota
Da Lamezia a
Francoforte sul Meno • Monaco di Baviera
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarLocautoMaggioreSixt
Bus
TerravisionFlixBus
Treni
Italo Treno
Motori di ricerca
Skyscanner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.