Aeroporto Reggio Calabria: A. Chizzoniti, “soltanto promesse, progetti, ma zero risultati”

Riceviamo dall’Avv. A. Chizzoniti e pubblichiamo:

Il già tenebroso e cupo panorama aeroportuale, all’esito della comunque tardiva diffusione del segretissimo piano industriale, risulta ulteriormente aggravato e compromesso da pericolosissime ipocrisie accademiche provenienti da pulpiti a dir poco subdoli e disfattisti, i cui attori si confermano coraggiosi ed appassionati artefici della più sfrenata teatralità. E così, l’ormai immortale Francesco Cannizzaro, i sistematicamente assenti Presidenti della Regione e del Consiglio Regionale Spirlì ed Arruzzolo, mirabilmente integrati dagli Assessori Regionali e Comunali ai Trasporti Catalfamo e Cama, con autentiche acrobazie mediatiche sul baratro dell’assurdo, continuano ad esaltarsi mentre l’Aeroporto dello Stretto, fra l’altro, resta l’unico in Italia a non essere collegato, da tempo, al mattino e la sera con le città di Roma e Milano. Decisamente patetico si conferma l’On.le Francesco Cannizzaro, già esibitosi in tandem con l’ex amministratore SACAL Arturo De Felice, quando qualche anno addietro, 08/08/2019, in conferenza stampa, pontificò “urbi et orbi” i proficui contatti con ENAC, ENAV e Ministro in carica, ostentatamente partecipanti alla stessa, che avrebbero risolto qualsivoglia penalizzazione operativa presso il “Tito Minniti”. In data 04/08/2021 lo stesso si ripete con soave disinvoltura e malinconica pigrizia intellettuale, riproponendo quanto ex ante inutilmente annunciato, con l’unica differenza, questa volta, di essere affiancato dal sempre più serpeggiante Presidente della SACAL Giulio De Metrio. Quest’ultimo, nel goffo tentativo di autogiustificarsi, ha addirittura affermato che “le principali compagnie europee preferiscono non volare nella categoria C”, scontrandosi temerariamente con la opposta, inconfutabile realtà pregressa ed attuale. Inesistente il “super” Sindaco Giuseppe Falcomatà, da sempre coordinato (a parole) con governi centrali amici e fino ad un anno addietro anche regionali, che ricorre impavidamente a stucchevoli ed aridi rapporti epistolari ministeriali, inventando, altresì, una task force ad hoc, affidata risarcitoriamente ad un presidente inesperto ed impreparato per risolvere le pur complesse problematiche aeroportuali. Risultato? Soltanto periodiche e melodrammatiche conferenze stampa, promesse, progetti, ma zero risultati!! La riprova la si rinviene nell’agghiacciante, identico trattamento riservato dalla SACAL anche all’aeroporto di Crotone, pur non gravato dalla benché minima limitazione operativa, ma ugualmente ridimensionato. Ragion per cui, non appare surreale affermare che la SACAL, furbescamente e strategicamente, persegua il folle azzardo del fortemente penalizzante depotenziamento degli aeroporti di Reggio e Crotone. Freddamente condannati ad un ruolo riduttivo ed inaccettabile di mera operatività stagionale, ovvero da giugno a settembre. Quali compagnie i Presidenti della SACAL De Felice e De Metrio hanno interpellato perché operassero a Reggio e Crotone? E l’Air Malta che ha già garantito un collegamento quotidiano (mattutino e serale) La Valletta-Reggio-Roma e viceversa, dopo la soppressione dei voli Alitalia per Roma e Milano, quando è stata contattata? Il Presidente De Metrio e la fidatissima lobby politico-istituzionale, come hanno reagito alla già preannunciata, per marzo 2022, cancellazione del volo Reggio-Milano? In quest’ottica, rammento a me stesso la illuminante sentenza n. 928/2000, pronunciata ben ventun anni or sono dal TAR di Reggio Calabria, che ha eloquentemente annullato i provvedimenti aeroportuali limitativi ex ante emessi dall’ENAC e pubblicati dall’ENAV. Conclusivamente, non mi resta che insistere nella già suggerita, doverosa ricostituzione di una società di gestione autonoma, pur dovendosi confrontare con una viscida concessione trentennale dello scalo reggino alla SACAL, raffinatamente concepita a livello regionale con Oliverio Presidente. Altro amico di Falcomatà! Così stante le cose, non sembra evitabile l’accostamento al desolante, ancorché caustico e sferzante assunto dantesco: “lasciate ogne speranza, voi ch’intrate”!


Condividi!

Voli
Volotea
Prenota
Da Lamezia a
Genova • Torino • Verona
Eurowings
Prenota
Da Lamezia a
Colonia • Düsseldorf • Salisburgo • Stoccarda
Lufthansa
Prenota
Da Lamezia a
Francoforte sul Meno • Monaco di Baviera
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarLocautoMaggioreSixt
Bus
TerravisionFlixBus
Treni
Italo Treno
Motori di ricerca
Skyscanner

24 commenti

  1. Commenta per: Reggio Calabria

    Perfetto. Non serve alcun commento

  2. Commenta per: Reggio Calabria

    Ottimo intervente, lui si che conosce davvero le cose.
    mI fa piacere che concorda anche lui con me, che hanno proprio sbagliato oggetto delle limitazioni, inseguendo delle procedure che non servirà a nulla.

  3. Commenta per: Lamezia, Reggio Calabria, Crotone

    @ Pilota75:
    Mi sembra che l’Avv. Chizzoniti non concordi nulla con te, anzi, tutt’altro! Hai letto cosa dice di Sacal? E dell’aeroporto di Crotone che non ha nessuna limitazione cosa dice? Ergo Sacal vuole chiudere gli aeroporti di Reggio e Crotone.

  4. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Filippo:
    e’ chiaro tu non riesci a comprendere l’italiano.
    ho detto che concorda con me nella parte delle limitazioni.
    tu non puoi capire certe cose.

  5. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria, Crotone

    @ Filippo:
    Secondo me è il COVID che vuole chiudere gli Aeroporti di Reggio Calabria e Crotone.

  6. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Prova a capire che il problema è Sacal…

  7. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    All’inizio della gestione da parte di Sacal il covid non c’era e non mi sembra che i passeggeri del Tito Minniti siano aumentati

  8. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Filippo:
    Ah torniamo con la solita storia già dibattuta più volte nei commenti, nel 2019 sono aumentati, punto. Mi sono stancato di ripetere le stesse cose ogni volta, specialmente verso chi non si documenta.
    Piuttosto rispondimi a questa domanda. Quale migliore occasione poteva avere la SACAL se non quella di sfruttare la pandemia per chiudere Reggio Calabria e Crotone? Eppure non lo hanno fatto…

  9. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    In Italia sono stati chiusi aeroporti a causa del Covid? Se Sacal avesse chiuso i due aeroporti di Reggio e Crotone era come quello che l’ha fatta fuori dal vaso

  10. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Filippo:
    quindi le limitazioni le ha messe sacal?
    scusa ma cosa c’entra sacal con il numero di passeggeri?
    durante il lockdown gli aeroporti erano chiusi, certo!

  11. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria, Crotone

    @ Filippo:
    Si, la SAVE ha chiuso Treviso per ben 15 mesi mandando tutti a Venezia. SACAL avrebbe potuto mandare tutti a Lamezia, invece non lo ha fatto…

  12. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Grazie per l’informazione, non ne ero a conoscenza.

  13. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Chi ha detto che le limitazioni le ha messe la Sacal? Invece di mettermi in bocca parole che non ho mai detto e mai pensato leggi più attentamente quello che ha detto l’avv. Chizzoniti, di ciò che pensa della Sacal così torniamo al tema: “Soltanto periodiche e melodrammatiche conferenze stampa, promesse, progetti, ma zero risultati!!”, ”Conclusivamente, non mi resta che insistere nella già suggerita, doverosa ricostituzione di una società di gestione autonoma, pur dovendosi confrontare con una viscida concessione trentennale dello scalo reggino alla SACAL”. Mi fa piacere sapere che la pensa come te, Sacal fuori dalle [email protected]@e!!!

  14. Commenta per: Reggio Calabria

    Inoppugnabile e come sempre preciso e dettagliato l’intervento dello avvocato Chizzoniti che richiama alle proprie responsabilità tanto la SACAL quanto la classe politica reggina….

  15. Commenta per: Reggio Calabria

    Qualcuno può, in termini semplici, spiegare cosa SACAL POTREBBE fare per aumentare i voli da/per Reggio ma invece NON si decide a fare?

    Dare soldi alle compagnie?
    Rinnovare aeroporto (ammesso sia di sua competenza)?
    Chiedere la rimozione delle limitazioni?
    Fare una sorta di “persuasione” presso le compagnie?

    Oppure non può fare nulla, se non sperare che siano le compagnie stesse a chiedere di volare su Reggio..?

    Finché non si chiarisce questo la gente continuerà a pensare che SACAL persegue solo gli interessi di Lamezia.

  16. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Fabrizio:
    Ti devi mettere nei panni di una compagnia aerea che ragiona solo in termini di margini di profitto. Il pagare vuoto per pieno non si può fare più. Ricordi i 16 milioni di Euro spesi per Consulta? (se non ricordo male 1,5 milioni di Euro all’anno per AlpiEagles per 2 voli a settimana su Venezia), oppure le 200 mila Euro al mese dati dal Comune a MyAir? altri soldi dati ad Air Malta, ecc… bene, tutto questo non esiste più.
    Quando una compagnia aerea mostra l’interesse di volare su Reggio Calabria, la SACAL propone un incentivo a passeggero in partenza che può variare ad esempio da 3 a 15 Euro. Ora, spiegami una cosa, ammesso di dare 10 Euro a passeggero e la compagnia aerea ci fa un volo al giorno e riempie mediamente 100 posti, se ti fai i calcoli sono circa 30 mila Euro al mese. Capito perché non vengono? MyAir prendeva 200 mila Euro al MESE!
    Quindi l’incentivo lo prendi se ci sono passeggeri che riempiono, ma il riempimento non è garantito.

  17. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Filippo:
    e’ chiaro tu non riesci a comprendere l’italiano.
    ho detto che concorda con me nella parte delle limitazioni.
    tu non puoi capire certe cose.

    @ Fabrizio:
    la quarta che hai detto, sperare che reggio e la sua provincia diventino zone appetibili dal punto di vista economico, turistico e piacevole da vivere.
    Oggi non viviamo bene noi reggini a causa di spazzatura, mancanza di acqua, strade bombardate, assenza totale di servizi. chi dovrebbe venire qui? a fare cosa? la disoccupazione è alle stelle, campano tutti con RdC, aziende al minimo, negozi che stanno chiudendo. che scambio commerciale ci dovrebbe essere?

  18. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    tra l’altro a causa di problemi con gli orientamenti e con il MEO test, in tutta europa gli incentivi sono dati dagli enti locali e non dalla società di gestione.
    falcomatà che tanto parla, invece di buttare soldi in concerti inutili, potrebbe fare un bando per la ricettività incentivando il mezzp aereo per venire nella città metropoloitana.

    La verità è che non interessa lo svilupo del territorio ma interessa avere il volo al mattino per roma, per poter andare a fare shopping a spese nostre.

  19. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    No, ci sono gli incentivi dati dalle società di gestione per sviluppo traffico. Quegli degli Enti sono altra cosa, c’è un bando di mezzo, ma anche loro hanno dei paletti da rispettare. Sia Comune che Regione sono tanti anni che non fanno iniziative. In questo caso è puro marketing, non sei obbligato a sviluppare traffico.

  20. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    si, ma prima di farli la procedura è lunga, per quello si preferisce usare gli incentivi degli enti.
    se studiato bene l’incentivo (come quello della regione per i TO e compagnie che organizzano i charter) vedi che funziona.
    a reggio non interessa sviluppare traffico, vogliono andare a roma e milano con 10 euro.
    non è possibile.

  21. Commenta per: Reggio Calabria

    Ciò che dichiara l’Avvocato Chizzoniti ha anche delle sfumature grigie che lo vedono anch’esso coinvolto nella precedente gestione della SOGAS. E’ facile puntare il dito adesso contro chi cerca, magari anche sbagliando, di risollevare anche solo “pensandoci” l’aeroporto reggino. Le polemiche non servono, servono come sempre fatti concreti e non conferenze fiume preordinate puramente per fare campagna elettorale. Ci sarebbe da rivedere anche la situazione del nostro primo cittadino che non sta alzando un dito e che dimostra di non avere alcuna voce in capitolo. Alla fine, come sempre, a rimetterci sarà l’utenza reggina costringendola a fruire dell’aeroporto lametino. Fatti … non parole.

  22. @ @Lucio:
    Penso che tu sia in errore quando muovi rilievi all’Avv. A. Chizzoniti perchè credo che sia stato sempre coerente nel cercare di costruire un futuro
    allo scalo Reggino.
    Collaborava moltissimi anni or sono con il compianto Prof. Italo Falcomatà per far si che l’aeroporto non fosse a rischio chiusura. Io ho sempre ammirato l’operato dell’Avv. Chizzoniti.

  23. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):

    Gradirei anche la tua opinione a riguardo la mia risposta a Lucio…

  24. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Sei di una tristezza unica, mi dispiace per te :(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.