Aeroporto Reggio Calabria: dettagli convenzione MIT-ENAC-SACAL per i 25 milioni di Euro

Lo Staff di AeroportiCalabria.com vi sintetizza tutti i dettagli della convenzione stipulata tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) e il beneficiario Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) e il soggetto attuatore S.A.CAL. S.p.A. regolante il finanziamento per assicurare la realizzazione dell’intervento denominato “Interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza dell’Aeroporto di Reggio Calabria“.

L’ENAC ha rappresentato che nell’ambito dell’attività di verifica sulla compatibilità del finanziamento alla normativa comunitaria in tema di Aiuti di Stato, è emersa l’esigenza di rimodulare l’intervento individuando una articolazione in 9 interventi anziché in 10 come inizialmente previsto. (Rispetto alla conferenza stampa di oltre un anno fa sono stati accorpati alcuni interventi e sono stati corretti alcuni importi. Ad esempio un anno fa abbiamo evidenziato che con lo stanziamento di 1,5 milioni di Euro non era possibile dotarsi del sistema GBAS. Adesso l’importo è stato aumentato a 3,5 milioni di Euro, cifra coerente con quello che sono i costi del GBAS e della riqualifica AVL prevista).

L’importo totale è finanziato con fondi FSC pari a 25M€ ed è stato aumentato il cofinanziamento della società di gestione da 0,5M€ a 2,5 M€.

L’importo del Contributo riconosciuto al Beneficiario per la realizzazione dell’intervento è pari a Euro 25.000.000,00 ed è erogato a favore di ENAC. ENAC provvede a trasferire le risorse di cui sopra al Soggetto Attuatore (SACAL).

Il Soggetto attuatore (SACAL) si impegna a garantire con risorse proprie il cofinanziamento dell’intervento per la parte non coperta dal Contributo statale, pari a Euro 2.500.000,00.

Il Soggetto Attuatore (SACAL) si impegna ad assumere le obbligazioni giuridicamente vincolanti, inerenti all’intervento previsto, entro il 31 Dicembre 2021, pena la revoca delle risorse assegnate per lo stesso. Il Soggetto Attuatore (SACAL) si impegna a completare l’intervento nel rispetto del cronoprogramma, ed entro il 31/12/2025.

Elenco interventi:

1) Interventi per la Sicurezza del Volo ed il Controllo del Traffico Aereo (Entrata in funzionamento stimata: IV Trim. 2021)

Adeguamento degli Aiuti Visivi Luminosi delle piste, con implementazione di nuovi segnali, per garantire maggiore sicurezza in fase di atterraggio e decollo. Riqualifica e adeguamento della segnaletica nell’area di movimento degli aeromobili in accordo alle nuove normative europee, con trattamento superficiale della pavimentazione idoneo ad aumentare il contrasto con la segnaletica orizzontale.

Importo finanziato con fondi FSC 1.500.000 € + Importo cofinanziato 0 € = 1.500.000 €

2) Riqualifica aiuti visivi e sistema GBAS (Entrata in funzionamento stimata: III Trim. 2023)

Riqualifica degli Aiuti Visivi Luminosi dell’aeroporto, con implementazione di nuova segnaletica, per garantire maggiore sicurezza in fase di approccio, atterraggio, rullaggio e decollo. Installazione di un sistema GBAS per facilitare l’utilizzo di procedure di approccio GNSS.

Importo finanziato con fondi FSC 3.500.000 € + Importo cofinanziato 0 € = 3.500.000 €

3) Riqualifica pavimentazione area di movimento (Entrata in funzionamento stimata: I Trim. 2023)

Sostituzione del tappetino d’usura e, laddove necessario, del sottostante strato di binder con materiali ad alte prestazioni. Interventi di ripristino/adeguamento della segnaletica dell’area di movimento. Rimozione di una superficie pavimentata collocata all’interno delle fasce di sicurezza delle piste.

Importo finanziato con fondi FSC 4.125.000 € + Importo cofinanziato 1.375.000 € = 5.500.000 €

4) Adeguamento antisismico aerostazione passeggeri e ristrutturazione impianto antincendio (Entrata in funzionamento stimata: IV Trim. 2023)

Adeguamento antisismico, dell’infrastruttura alle norme NTC 2018, con interventi sia sulle strutture portanti, sia sui componenti strutturali. Ristrutturazione dell’impianto antincendio a servizio dell’aerostazione passeggeri.

Importo finanziato con fondi FSC 4.500.000 € + Importo cofinanziato 0 € = 4.500.000 €

5) Riqualifica impianti e finiture aerostazione (Entrata in funzionamento stimata: III Trim. 2023)

Ristrutturazione delle aree comuni e di quelle destinate agli Enti di Stato operanti in aeroporto, con specifico riferimento agli impianti di condizionamento dell’aria e di illuminazione, alla pavimentazione delle aree comuni ed agli impianti idro-sanitari.

Importo finanziato con fondi FSC 1.875.000 € + Importo cofinanziato 625.000 € = 2.500.000 €

6) Ampliamento sala imbarchi (Entrata in funzionamento stimata: I Trim. 2022)

Realizzazione di un manufatto prefabbricato in cui spostare parte delle aree di imbarco. Nel manufatto esistente saranno ricavate aree destinate ai controlli di sicurezza e ad uffici di Enti di Stato.

Importo finanziato con fondi FSC 1.500.000 € + Importo cofinanziato 500.000 € = 2.000.000 €

7) Demolizioni di ruderi e manufatti pericolosi, riqualifica delle aree di pertinenza con parcheggio Enti di Stato (Entrata in funzionamento stimata: IV Trim. 2023)

Demolizione e successiva riqualifica di aree in prossimità dei confini del sedime aeroportuale. Realizzazione di un nuovo parcheggio recintato e videocontrollato per Enti di Stato e sistemazione della sede stradale. Riqualifica del varco carrabile principale di accesso alla zona airside.

Importo finanziato con fondi FSC 4.500.000 € + Importo cofinanziato 0 € = 4.500.000 €

8) Riqualifica impianti controllo e smistamento bagagli da stiva (Entrata in funzionamento stimata: II Trim. 2021)

Sostituzione degli apparati di controllo dei bagagli da stiva esistenti con nuovi apparati “standard 3” e conseguente riconfigurazione dell’impianto di trasporto bagagli.

Importo finanziato con fondi FSC 1.500.000 € + Importo cofinanziato 0 € = 1.500.000 €

9) Sistemi antintrusione perimetrale e protezione dai droni (Entrata in funzionamento stimata: I Trim. 2023)

Messa a norma del sistema perimetrale di sicurezza, con installazione di un sistema anti-intrusione a tecnologia avanzata integrato da un sistema di protezione da droni.

Importo finanziato con fondi FSC 2.000.000 € + Importo cofinanziato 0 € = 2.000.000 €

Lo Staff di AeroportiCalabria.com


Condividi!

Voli
VoloteaEurowingsLufthansa
Motori di ricerca
Skyscanner
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarLocautoMaggioreSixt
Treni
Italo Treno
Bus
TerravisionFlixBus

18 commenti

  1. Commenta per: Reggio Calabria

    quindi quanto annunciato da Cannizzaro, che arriva Ryan grazie ai lavori, non è vero? AHAHAHAH

    Esiste un cronoprogramma o sono lasciati a fantasia?

  2. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Si, Ryanair ahahhahah.

    Esiste il cronoprogramma, ma dubito che saranno rispettate le date stimate che abbiamo scritto nell’articolo. Siamo già in ritardo…

  3. Commenta per: Reggio Calabria

    Ancora una volta avete portato nero su bianco e con facile comprensione un argomento importante!!

    Continuate così!!!

  4. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Politinho12:
    Grazie. Faccio notare a quelli che commentano sui Social, che come avevamo detto i 25 Milioni di Euro non se li “frega” la SACAL visto che devono passare da ENAC, e che anzi la SACAL mette 2,5 Milioni di Euro di tasca propria.

  5. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    lo abbiamo sempre detto che i soldi non vanno a sacal, ma fa comodo dire cretinate.

  6. Commenta per: Reggio Calabria

    Tempi faraonici per tutti gli interventi. Allucinante. L’unico che potrebbe avere senso come data è l’Ampliamento sala imbarchi, anche se un anno e mezzo per un prefabbricato… Oppure due anni e mezzo per la Riqualifica pavimentazione area di movimento.

    Ciò significa che sanno già che avranno ritardi su ritardi…

  7. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Flyreg:
    Dai che nel 2025 si volerà a 10 Euro con Ryanair ahahhahahha.
    Nel frattempo possiamo scorrazzare con i droni, abbiamo tempo fino al 2023. Ahahah

  8. Commenta per: Reggio Calabria

    È vero la struttura è degradata, ma secondi mè sono soldi buttati non c’ è nulla da prendere è un capannone non un aerostazione.
    Si dovrebbe buttare giù e rifare da capo. Ci metterebbero meno tempo e verrebbe meglio e spenderebbero anche meno soldi. Per non parlare dei prezzi per demolire quelle casette proprio esagerati.

  9. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Scusa Roberto qualche domanda:
    gli aerei Ryanair sono compatibili con il sistema GBAS ?
    La costruzione del prefabbricato d’imbarco sarebbe confinante a quello attuale? e secondo te resterebbe per sempre?
    gli interventi sulle strutture portanti e il rinforzo sui componenti strutturali dell’infrastruttura non consentirebbero la costruzione di un nuovo edificio sopra quello attuale?
    tu avresti aggiunto qualcosa in merito al progetto?
    Grazie

  10. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    Ryanair non ha aeromobili equipaggiati per ricevere i segnali del GBAS. Solo pochi aerei e pochissime compagnie sono attrezzate.
    Il prefabbricato d’imbarco si colloca davanti agli imbarchi attuali (si estende verso il parcheggio aeromobili). Credo rimarrà così.
    Se già la struttura non è antisismica e c’è bisogno di un adeguamento, dubito che possa supportare un secondo piano. Ma è una mia opinione.
    L’infrastruttura c’è, mancano le compagnie. Sono d’accordo con gli interventi necessari per metterlo a norma, non sono d’accordo su altri (ad. esempio protezione dai droni). Avrei stanziato quei soldi per incentivare le compagnie aeree, ma purtroppo non si può fare.

  11. Commenta per: Reggio Calabria

    Quindi si puo’ dedurre che sarebbe meglio installare un ils aggiungendolo al GBAS ,dovremmo per sempre avere un prefabbricato per gli inbarchi, non si puo’ costruire sulla struttura esistente,quindi?25mil di euro effettivamente sprecati a parte qualche piccola miglioria?

  12. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    Un ILS non lo puoi installare, non supporta gli avvicinamenti curvilinei.

  13. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    Il prefabbricato sicuramente sarà come quelli già montati a Lamezia (uno è quello dei controlli di sicurezza mentre l’altro ha gli ultimi due gate di imbarco), senza infamia e senza lode. Potevano benissimo costruire un’opera in muratura anzichè un grigio prefabbricato, ma sempre meglio dell’attuale zona imbarchi che è veramente troppo piccola.
    Costruire sulla struttura esistente non avrebbe senso: sarebbe più economico buttare tutto e ricostruire un’aerostazione da zero.

  14. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    @ Flyreg:
    In conclusione, ipotizzando che tutto vada a a buon fine, le limitazioni restano,i comandanti dovranno essere sempre abilitati,compagnie che non hanno interesse ad atterrare,aggiungo anche territorio senza sviluppo,turismo nemmeno l’ombra e città allo sbando! Mi chiedo, a che serve questo finanziamento?Non trovo risposta ragionevole.

  15. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    Serve a mettere una parte dell’infrastruttura a norma. Ma solo una parte, il resto rimarrà così per sempre.

  16. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Si,giusto!Grazie per il confronto.

  17. Commenta per: Reggio Calabria

    Chi vivra` vedra`…Auguriamoci che SACAL rispetti i tempi previsti per il completamento di questi interventi senza andare oltre il 2023. Nel frattempo vediamo se politica ed imprenditoria, calabrese e non ,riusciranno a rivitalizzare l’economia del territorio anche con nuove ed adeguate strutture ricettive ( oltre100 camere) e contemporaneamente migliorare il decoro della citta` ormai impresentabile agli operatori turistici affinche` questi possano considerare RC una valida meta del turismo per lunghi weekend o “short-stay”.

  18. Commenta per: Reggio Calabria

    @ vincenzo:
    ciao. e’ il progetto di favero & milan? che fine ha fatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.