Aeroporto Reggio Calabria: il Presidente SACAL De Felice su chiusura e futuro

Riportiamo da IlDispaccio.it:

De Felice a ‘Il Dispaccio’: “Aeroporto di Reggio Calabria, chiusura e futuro. Vi dico tutto”

di Pasquale Romano – Con il decreto firmato lo scorso 12 marzo dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, l’aeroporto di Reggio Calabria è tra quelli chiusi in tutto il territorio italiano per razionalizzare i trasporti pubblici e ridurli all’essenziale.

E’ una delle numerose iniziative che il Governo ha assunto con la volontà di contrastare l’emergenza Coronavirus, fenomeno che ha stravolto a livello globale e con il quale tutte le nazioni dovranno fare pesantemente i conti ancora a lungo.

Intervenuto ai microfoni de ‘Il Dispaccio’, il presidente di Sacal Arturo De Felice ha rotto il silenzio delle ultime settimane, soffermandosi sulla delicatissima situazione attuale, il presente e il futuro dello scalo reggino.

Presidente De Felice, la prima domanda è rivolta al cittadino privato. L’emergenza Coronavirus ci ha costretto a rivoluzionare le nostre vite, a fare i conti con un pericolosissimo nemico invisibile. Qual è il suo stato d’animo in questo momento ?

“Tranne impegni lavorativi improrogabili che prevedono la mia presenza fisica a Lamezia, da diversi giorni sono nella mia residenza a Reggio Calabria. Seguo attentamente quello che sono tutte le direttive, è un momento particolarmente difficile quello che l’Italia e noi calabresi stiamo attraversando. Conosciamo bene la complicata situazione delle strutture sanitarie calabresi, per questo motivo è fondamentale stare in casa e osservare tutte le precauzioni, non possiamo permetterci una crescita nel numero dei contagi”.

Voli limitati e scali chiusi significa crollo del traffico. Sacal come sta affrontando l’emergenza?

“L’entrata in vigore dei nuovi provvedimenti ha istituito il divieto di ingresso e di uscita dall’Italia per motivi di turismo, nonché limitato fortemente la circolazione all’interno del territorio nazionale. Da qui nasce l’esigenza di fare ricorso all’istituto della Cassa integrazione straordinaria per i 164 lavoratori di Sacal, suddivisi sui tre aeroporti calabresi. Tale esigenza deriva dalla drastica ed improvvisa riduzione del volume di attività, conseguente all’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia Covid 19”.

In Calabria dopo i provvedimenti del Governo hanno chiuso gli scali di Crotone e Reggio Calabria, rimane aperto quello di Lamezia. E’ una decisione condivisa da Sacal? Non si rischia così di isolare l’area dello Stretto come affermato (tra gli altri) anche dal sindaco Giuseppe Falcomatà?

“Innanzitutto bisogna dire che quella del Governo era una decisione non contestabile da parte di Sacal. In questo momento bisogna pensare principalmente a limitare gli spostamenti di persone, la riflessione è stata fatta a livello nazionale e non poteva che coinvolgere anche la Calabria. La scelta di tenere aperto Lamezia è figlia del maggior traffico e offerta di voli di quello scalo rispetto agli altri. L’aeroporto di Reggio Calabria resta disponibile per emergenze e voli di stato, come capitato pochi giorni fa”.

Lo scalo reggino appare in costante affanno, i numeri relativi al traffico degli ultimi mesi non possono che destare grossa preoccupazione.

“I passeggeri sono diminuiti in maniera vertiginosa in questi primi mesi del 2020, il dato registrato è di -35% rispetto allo stesso periodo del 2019. Certamente ha influito la crisi vissuta da Alitalia e la soppressione di alcuni voli, l’emergenza Coronavirus è arrivata in una fase già complicatissima per lo scalo reggino. Sono numeri che ovviamente non ci fanno piacere ma non è questo il momento dei consuntivi, stiamo lavorando per riportare l’aeroporto di Reggio Calabria ad un traffico e offerta volativa ben più consistente”.

Da quali novità e idee si partirà per progettare il rilancio dell’Aeroporto dello Stretto?

“La volontà è quella di individuare nuove compagnie che portino nuovi voli da e per lo scalo reggino. Il collegamento tra Reggio Calabria e Torino con Blu Air sarà nuovamente attivato appena l’emergenza Coronavirus ci permetterà di tornare normalmente operativi. Stiamo mettendo in campo tutte le energie possibili nel tentativo di far crescere l’aeroporto di Reggio Calabria.

Il futuro dello scalo reggino non può che essere (anche) legato all”emendamento Cannizzaro’ da 25 milioni di euro complessivi per lavori di riammodernamento della struttura. A che punto siamo? La vicenda Coronavirus potrebbe far slittare i tempi?

“Lo slittamento purtroppo ci sarà, peccato perchè da un punto di vista amministrativo la situazione è definita. A breve firmeremo la convenzione a 3 tra Sacal, Enac e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Stiamo valutando se farlo digitalmente, a distanza, per accorciare i tempi complice l’emergenza Coronavirus. Una volta firmata la convenzione (che stabilirà nel dettaglio come verranno utilizzate le risorse finanziarie, ndr) si procederà con i bandi di gara e gli appalti di lavoro. Non ci sono intoppi di nessun tipo riguardo l’emendamento, si tratta di un progetto di notevole importanza per lo scalo reggino”.

Fonte: http://ildispaccio.it/primo-piano/239754-de-felice-a-il-dispaccio-aeroporto-di-reggio-calabria-chiusura-e-futuro-vi-dico-tutto


Condividi!

Voli
VoloteaLufthansa
Motori di ricerca
Skyscanner
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarLocautoMaggioreSixt
Treni
Italo Treno
Bus
TerravisionFlixBus

10 commenti

  1. Commenta per: Reggio Calabria

    quello che dico da mesi, sacal non gestirà nulla; il contratto di programma lo gestisce enac.

  2. Commenta per: Reggio Calabria

    Parole parole parole……
    “La volontà è quella di individuare nuove compagnie che portino nuovi voli da e per lo scalo reggino. Il collegamento tra Reggio Calabria e Torino con Blu Air sarà nuovamente attivato appena l’emergenza Coronavirus ci permetterà di tornare normalmente operativi. Stiamo mettendo in campo tutte le energie possibili nel tentativo di far crescere l’aeroporto di Reggio Calabria.

    Soltanto che quando le diceva porcino era un buffone mentre adesso de felice no dopo quasi 3 anni di gestione.

  3. Commenta per: Reggio Calabria

    Ecco come per incanto la dichiarazione di Sacal sull’argomento 25 milioni,cosa che io avevo piacere che facesse scrivendolo su un argomento del 02/03/02020! Altro che Sacal non puo’ fare nessuna dichiarazione…….

  4. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    e cosa ti ha detto? quello che scrivo da mesi, se non fanno il contratto di programma non ci sta nulla. se ne parla forse a giugno luglio. poi vanno fatti i bandi, ricordi, diciamo che forse vedrai la sistemazione degli scarichi fognari (di questo si tratta) tra 1 annetto.

  5. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Quello che ha detto lo analizzo io! Sta di fatto che puo’ fare dichiarazioni in merito! In futuro vediamo se si tratta solo di scarichi fognari…..Cmq a parte questo quale futuro per questo aeroporto… chiuderlo,mantenerlo in vita col respiratore,francamente mi chiedo:ma vale la pena tenerlo aperto?Gradirei anche cosa ne pensa lo Staff.

  6. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    Non è il momento adatto per fare valutazioni di questo tipo. Il discorso è sempre lo stesso, cioè i voli devono sostenersi attraverso la vendita dei biglietti. Gli incentivi di marketing e la continuità territoriale aiutano, ma sono soluzioni temporanee.

  7. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Certo lo capisco,grazie x la risposta,vedremo in futuro cosa accade!

  8. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Tony:
    lo puoi già vedere, i finanziamenti sono stati approvati per determinati lavori.
    non c’entra l’aerostazione

  9. Commenta per: Reggio Calabria

    D Felice mi sembra onestamente un venditore di fumo.. sono 3 anni circa che la SACAL gestisce lo scalo reggino… e sono riusciti a fare molto peggio dei predecessori (il che e’ tutto dire…)

    Il silenzio dei numeri (impietosi) vale piu’ di tante belle parole…

  10. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Francesco:
    non è compito di defelice/sacal incentivare i voli.
    loro hanno messo i soldi, se nessuna compagnia è interessata, ci sarà un motivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.