Aeroporti Lamezia e Reggio Calabria: si conclude l’era Alitalia. Ecco i riempimenti dei primi 5 mesi del 2021

Oggi si conclude l’era Alitalia anche dagli Aeroporti di Lamezia Terme e Reggio Calabria. Domani debutterà ITA collegando sia da Lamezia Terme che da Reggio Calabria le 2 rotte storiche verso Roma Fiumicino e Milano Linate.

Vi mettiamo a disposizione in anteprima i riempimenti dei voli Alitalia registrati da Gennaio a Maggio 2021 sia da Lamezia Terme che da Reggio Calabria per i voli diretti a Roma Fiumicino e Milano Linate.

Lamezia – Roma Fiumicino

Mese 2021
Pax. Posti Mov. L.F.
GEN 5.793 9.660 93 60%
FEB 7.556 9.556 88 79%
MAR 7.962 11.248 100 71%
APR 9.014 16.362 126 55%
MAG 11.312 17.601 124 64%

Lamezia – Milano Linate

Mese 2021
Pax. Posti Mov. L.F.
GEN 4.678 7.268 50 64%
FEB 4.469 5.028 32 89%
MAR 4.714 6.182 37 76%
APR 9.236 14.808 116 62%
MAG 11.959 14.728 124 81%

Reggio Calabria – Roma Fiumicino

Mese 2021 Pax. Posti Mov. L.F.
GEN 2.402 6.408 44 37%
FEB 3.664 5.832 40 62%
MAR 3.476 6.336 44 55%
APR 4.535 8.640 60 52%
MAG 6.048 9.144 63 66%

Reggio Calabria – Milano Linate

Mese 2021 Pax. Posti Mov. L.F.
GEN 3.425 6.703 47 51%
FEB 2.910 3.624 24 80%
MAR 3.177 4.622 34 69%
APR 5.653 9.504 66 59%
MAG 6.827 8.712 60 78%

Lo Staff di AeroportiCalabria.com


Condividi!

Voli
Volotea
Prenota
Da Lamezia a
Genova • Torino • Verona
Eurowings
Prenota
Da Lamezia a
Colonia • Düsseldorf • Salisburgo • Stoccarda
Lufthansa
Prenota
Da Lamezia a
Francoforte sul Meno • Monaco di Baviera
Autonoleggio
AvisBudgetEuropcarLocautoMaggioreSixt
Bus
TerravisionFlixBus
Treni
Italo Treno
Motori di ricerca
Skyscanner

39 commenti

  1. Commenta per: Reggio Calabria

    un ultimo saluto alla compagnia di bandiera che ha fatto volare gli italiani e non solo per 74 anni nel bene e nel male con tanta professionalità e dedizione soprattutto nei suoi dipendenti grazie e tutti voi che da domani non volerete più con la livera tricolore. Un pensiero alle famiglie di quei 7.100 dipendenti che da domani non avranno più il loro posto di lavoro ( grazie ad un governo completamente assente ed a sindacati asserviti al loro narcisismo) che all’ orizzonte vedono solo nubi nere. un sincero in bocca al lupo

  2. Commenta per: Reggio Calabria

    Mi piacerebbe vedere un giorno, un REG-MXP o REG-BGY operato da una compagnia low cost.. Con questi riempimenti su Linate, faccio davvero fatica a capire come sia possibile che manchi la tratta. Non sono numeri da capogiro per carità, però quelli di Roma sono nettamente peggio. E’ chiara ormai la strategia: ITA ci considera come dei semplici riempimenti feeder vs FCO.

    BlueAir.. Bluexpress (o come maledizione si chiama ora).. Ryanair, Easyjet: ma dove siete?

  3. Commenta per: Lamezia, Reggio Calabria

    Lunedì ho fatto il mio ultimo viaggio inizialmente era un Reggio Linate poi cancellato e riprotetto su un Lamezia Linate. Era anche l’ultimo viaggio del responsabile di bordo che dopo 34 anni di servizio ha salutato tutti con un toccante messaggio. La collega che riprendeva piangeva in modo molto evidente. Ha stretto la mano a tutti i passeggeri uno per uno. Sono uscito col cuore spezzato. Ho viaggiato in tutti e 5 continenti con Alitalia, Australia compresa. Sono Freccia Alata Plus e da parte della compagnia nemmeno una mail di saluto e di ringraziamento. Purtroppo la politica e manager non all’altezza hanno costretto a chiudere i battenti. Con 1 milione di perdite al giorno era impossibile continuare. Peccato. Spero che ATI non sia la brutta copia di Alitalia ma gli inizi non so promettenti. Si è preoccupata prima di assumere i dirigenti e dopo il personale di terra e di bordo con stipendi da fame. Spero di sbagliarmi.

  4. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Manlio:
    l’obiettivo di una compagnia col network Hub&Spoke DEVE essere quella di considerare la maggior parte degli aeroporti come feeder e basta.
    fa quindi bene ITA a fare così.

  5. Commenta per: Reggio Calabria

    Buonasera, scusate se vado offtopic ma credo che in parte l’argomento possa essere pertinente.
    L’importo dei contributi regionali messi a bando per attrarre o comunque permettere l’operativita’ delle compagnie aeree su determinate tratte da cosa dipende?
    Cioè perché’ la Regione Sardegna per 7 mesi eroga contributi fino a 37 milioni di euro e inserisce un bando biennale da 42 milioni mentre ad esempio la regione Calabria ne mette meno della metà? ( parlo ovviamente per tutti gli scali)
    Dipende solo dalla continuità territoriale oppure da scelte politiche che magari preferiscono spostare determinati fondi sul trasporto e non su cose ritenute inutili?
    Potrebbe quindi la Regione Calabria destinare, che so 50 milioni di euro per il trasporto aereo?
    Per finire, potrebbe Reggio rientrare nella continuità territoriale per le tratte principali ed avere quindi dei contributi tali ( faccio un esempio di 8-10 milioni anno per Milano e Roma) da permettere un più’ agevole ingresso di nuove compagnie?
    Grazie

  6. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Ti sembrano tanti i 37 milioni di Euro che mette la Regione Sardegna per 7 mesi? Vai a vedere quante frequenze dovrà garantire Volotea che comunque si è aggiudicata le rotte per 21 milioni di Euro + IVA.
    La Regione Calabria non mette soldi per la continuità territoriale. Volendo può farlo sia su Reggio Calabria che su Crotone. Roma e Milano sono coperte in regime di libero mercato e non puoi metterle a bando.

  7. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Appunto la mia domanda era il perché la Regione Calabria non metta sul piatto tipo 50 milioni di euro per le tratte che potrebbero essere coperte con la continuità territoriale. Se si tratta di una scelta politica oppure vi è una limitazione sulla cifra che si può destinare a tale operazione.
    Poi sarebbe interessante sapere quali potrebbero essere secondo te le destinazioni più fattibili tra quelle che potrebbero essere inserite nella famosa continuità territoriale.

  8. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    forse perchè non li ha?
    scusa ma hai capito che siamo la regione più povera d’italia e contiamo scarsi 2 mln di abitanti?
    la CT la paga l’europa, non la regione

  9. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria, Crotone

    @ Cavaliere:
    Il perché non lo so. Per il momento ci sono 9 milioni da spendere per Crotone e 2,4 milioni per Reggio Calabria che sono soldi messi dallo Stato.
    Destinazioni? Da Reggio Calabria si può inserire Milano visto che da Marzo non ci saranno voli e da Crotone solo Roma e al massimo Torino.

  10. Commenta per: Reggio Calabria

    è una cosa che ho sempre sostenuto io…i soldi dicono ci sono ok..ma quanti ? Noccioline..metti pila pesante su Reggio e vedi come con sta crisi del settore aereo che c’è…che avrai la fila fuori dalla porta di compagnie per atterrare a Reggio altro che limitazioni..tutta questione di soldi è come sempre nella vita..

  11. Commenta per: Reggio Calabria

    @ anthony:
    non si può pretendere che il comune di reggio o la regione possano spendere quanto la puglia o la sicilia.
    i soldi ci sono, mancano i passeggeri.
    volare tutti a 10 euro è impossibile, già qui si lamentano per 200 euro a/r da milano a natale!

  12. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ anthony:
    In un’intervista di qualche mese fa il Direttore Farabbi di SACAL ha dichiarato che stanno proponendo alle compagnie aeree per volare da Reggio Calabria e Crotone il doppio degli incentivi che propongono a Lamezia. Ancora però nulla…

  13. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    Caro Anthony,

    facendo due calcoli alla Carlona, questi sarebbero i fondi necessari per una CT da Reggio.

    Assumendo i seguenti costi per volo, anche se sarebbe più corretto fare la parametrizzazione per block hour (BH), ma questo non viene fatto (eppure andrebbe fatto):
    REG-FCO: 8000€
    REG-LIN: 10000€

    Moltiplichiamo i costi per un parametro di margine netto di guadagno del 5,6%, solitamente utilizzato per questo tipo di gare, includendo costi+margine, otteniamo:
    REG-FCO: 8448€
    REG-LIN: 10560€

    Supponendo che su entrambe le tratte abbiamo un LF del 65% con un aeromobile A319 da 144 posti, con tariffa di 55€ netti per FCO e 65€ netti per LIN, sappiamo che i ricavi da tariffa sono i seguenti:
    REG-FCO: 5148€
    REG-LIN: 6084€

    Facendo la sottrazione dei [(costi+margine)-ricavi da tariffa] otteniamo l’ammontare del sussidio richiesto a volo:
    REG-FCO: 3300€
    REG-LIN: 4476€

    Supponiamo che vogliamo uno schema minimo che preveda 2 rotazioni su Roma e 1 su Milano su base giornaliera, quindi 4 voli totali su Roma e 2 voli totali su Milano. Moltiplichiamo per nr. di giorni e nr. mesi e otteniamo il sussidio richiesto per rotta su base annuale:
    REG-FCO: 4.752.000€
    REG-LIN: 3.222.720€

    Su base triennale:
    REG-FCO: 14.256.000€
    REG-LIN: 9.668.160€

    L’intero pacchetto costerebbe 23.924.160€, di cui 1/3 finanziato dalla Regione e la restante parte dallo Stato.

    I calcoli sono facili. Trovare i soldi, come giustamente evidenziato da Pilota e Roberto, un po’ meno.

  14. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Bravissimo Giuseppe volevo arrivare proprio a questo, sei stato come al solito preciso ed esaustivo volevo sapere in termini approssimativi quanto soldi occorrono per poter volare sulle tratte principali.
    Quindi adesso la questione è chiara, girare questo messaggio a chi di competenza per far in modo che vengano messi a bando 30 milioni di euro per il solo aeroporto di Reggio per poter iniziare a ragionare. I discorsi stanno a zero, se 30 milioni ci vogliono che si lavori per averli. D’altronde per il collegamento sullo stretto con gli aliscafi tra Reggio e Messina si mettono ogni anno 40 milioni di euro non vedo perché non potrebbero essere trovati altrettanti per l’aeroporto di Reggio.
    Come è evidente non mancano passeggeri, manca la giusta cifra da mettere a bando per ottimizzare le tratte.
    Parlamentari e consiglieri regionali a questo devono lavorare ed è su questo che si gioca il futuro dello scalo.

  15. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Giuseppe è stato fenomenale snocciolando questi dati.
    Se vuoi avere altre informazioni sui costi ti sarà utile anche questo articolo: https://www.aeroporticalabria.com/voli-lamezia/aeroporti-calabria-analisi-costi-e-ricavi-delle-rotte-volare-a-10-euro-non-e-sostenibile/

  16. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    La CT non è solo rose e fiori…ci sono degli elementi di rigidità, già a partire dalle tariffe. Inoltre il vettore è meno propenso a introdurre capacità supplementare se i voli addizionali non sono sussidiati.

    Con le mie ipotesi, 65€ per LIN e 55€ per FCO, queste sarebbero le seguenti tariffe finali per il pax:
    REG-FCO: 55+8,97=63,97€
    FCO-REG: 55+34,21=89,21€
    REG-LIN: 65+8,97=73,97€
    LIN-REG: 65+27,03=92,03€

    Un A/R:
    REG-FCO A/R: 153,18€
    REG-LIN A/R: 166€

    Si badi che su Reggio non è stata inclusa l’addizionale comunale, attualmente sospesa fino 31/12 per i piccoli aeroporti.

    Ok, ci includiamo bagaglio a mano e da stiva, però scordiamoci i biglietti a n’euro.

  17. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Potrei sapere come fanno invece altri aeroporti a riuscire a mantenere compagnie che hanno un costo del biglietto a 20-30 euro con LF del 70/80% per essere generosi?

  18. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ cavaliere:
    I biglietti da 20€/30€ sono specchietti per le allodole…sono poche decine per volo, servono a “solleticare” la domanda ed essenzialmente si trovano solo in periodi di “magra”. Considera anche che in virtù di contributi di start-up dati dagli apt per pax in partenza, quel passeggero in partenza riceve un 4-8€ di contributo che schifo non fa ed aiutano ad arrotondare il conto economico di una rotta.
    Inoltre, la tariffa di 20€/30€ riguarda il solo passaggio aereo e un piccolo zainetto, solitamente. Dubito che tutti viaggino così scarichi. La maggior parte dovrà acquistare a parte la priority, il bagaglio in stiva, etc. che costicchiano sempre.

  19. Roberto Sartiano (Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ cavaliere:
    Ma guarda che non riempiono l’intero aereo facendo pagare a tutti 20 o 30 Euro. Fallirebbero dopo 2 giorni. Le low cost ti fanno pagare (ed anche salato) tutti i vari servizi ancillari ed alla fine trovano il modo per farti salire il prezzo. Però intanto ti attirano con il prezzo basso ed in certe situazioni il risparmio lo vedi. Ma ripeto, non è così per tutti.

  20. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Ed allora perché sull’aeroporto di Reggio si considerano sempre le tariffe piene, cioè tanto costa il volo tanto deve costare il biglietto mentre analizzando il resto del mondo vengono sottratti dallo stesso costo del biglietto altri ricavi che derivano da marketing, pubblicità o servizi aggiuntivi? Ne deduco che riprendendo la tua analisi dettagliata del precedente post, il costo ipotetico del biglietto di 65 euro potrebbe essere ridotto di un buon 20% e quindi di riflesso servirebbero meno soldi pubblici per incentivare la rotta.
    Concludendo, pensi che se la parte pubblica facesse un bando per Roma ( giornaliero) , Milano (giornaliero) Torino ( 3 week) e Verona ( o Bologna) ( 3 week) magari inserendo la clausola per Milano e Roma con almeno un volo mattina-sera e mettesse 20 milioni di euro l’anno per tre anni, potrebbe finalmente spuntare da qualche parte d’Europa una compagnia interessata a questi collegamenti?

  21. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    @ Cavaliere:
    Dubito che un qualunque gestore aeroportuale accordi contributi ulteriori a rotte già sovvenzionate, mica sono scemi. Idem per sconti handling e quant’altro, considerando che tali costi sono parametrati e rientrano nelle stime di bando.

    Comunque con quelle sovvenzioni lì qualcuno potrebbe presentarsi, i costi di abilitazione sarebbero assorbiti tranquillamente.

    Per quanto riguarda il sistema che proponi tu, tutto molto bello, ma va inquadrato in un’ottica a “pacchetto”, evitando stronzate tipo vincoli orari e di giorni senza senso.

  22. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com):
    Ok allora convieni con me che per superare tutta questa torre di babele invece di parlare a vanvera, tutti i politici dovrebbero lavorare affinché il nostro aeroporto sia beneficiario di aiuti economici diciamo quantificabili di un livello pari o superiore a 15 milioni di euro l’anno?
    Vuoi vedere che con 2 ore di chiacchiere abbiamo scoperto il vaso di Pandora?

    Quindi possiamo da domani mattina, al netto di limitazioni, sistemi di atterraggio e di allineamento, adeguamenti di pista e di aerostazione, chiedere e pretendere che la vera ed unica battaglia da condurre per il nostro aeroporto è quella di avere le risorse adeguate?
    Se così fosse, questo tipo di interpretazione, potrebbe essere sensibilizzata agli organi di stampa in modo che possa arrivare alle orecchie giuste quanto meno che un giorno, direi abbastanza vicino, non pianga lacrime di coccodrillo annunciando il de profundis dello scalo? Grazie

  23. Commenta per: Reggio Calabria

    Oltre che le BH, probabilmente andrebbe fatta anche un’analisi più approfondita sui costi di gestione che le compagnie sostengono. Pratica comune e regola aura delle Low cost è quella di ridurli al minimo.
    Ovvero personale ridotto al minimo, turni lavorativi ottimizzati, stipendi e rimesse inferiori, a parità di ruolo ed anzianità rispetto alle compagnie più blasonate, per i dipendenti, ecc. ecc.
    Tutto questo nell’ottica di ridurre i costi e quindi potere rinunciare ad una quota di ricavi a parità di profitto.
    Compagnie con personale e costi sovrabbondanti rispetto alle reali necessità saranno in peridta per definizione e quindi (Salvo oscuri magheggi o plus reali sui servizi) non potranno mai presentarsi come concorrenziali e/o appetibili per il mercato.
    Ovviamente quanto detto è sempre nelle more della “legalità”, non va dimenticato che fino a poco tempo fa (Ma posso dire tranquillamente che sono usate ancora oggi) erano comuni pratiche “borderline” come il P2F che permettono di ridurre ulterioremente i costi.

  24. Giuseppe Imbalzano (Co-Fondatore di AeroportiCalabria.com)

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    Diciamo anche che se togliamo l’abilitazione anacronistica che c’è su Reggio, o comunque la semplifichiamo, magari alcune compagnie aeree si accontenterebbero dei denari di co-mkt per aprire rotte che si reggerebbero in libero mercato con ingenti risparmi sulle finanze pubbliche…(penso rotte sul nord Italia).

    Comunque è il decisore politico che fa le scelte…Se decidiamo di fare qualunque cosa serve però:
    1) Raccogliere i danè
    2) Fare la conferenza dei servizi
    3) Pubblicare il bando
    4) Aggiudicarlo

    Se siamo bravi e sto ambaradan parte a breve, ci vediamo tra un anno e mezzo/due.

  25. Commenta per: Reggio Calabria

    Quindi alla fine purtroppo ho ragione…i soldi messi per Reggio sono noccioline. I primi anni per risollevare l’aeroporto e riprendere pax bisogna investire “pila pesante” non se ne esce sennò

  26. Commenta per: Reggio Calabria

    @ cavaliere:
    non esistono aeroporti che sovvenzionano quello che dici tu.
    a parte che i soldi non li mettono gli aeroporti ma camere di commercio ed enti locali, in quanto la finalità è generare turismo.
    A reggio chi li dovrebbe mettere che non ci sono soldi per piangere?

  27. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Anthony:
    mettiamo che per un anno si mettono i soldi che dici tu, cosa risolvi?
    per un anno ci saranno 600 mila pax e poi?
    gli investimenti vanno fatti sul lungo periodo.

    @ cavaliere:
    attualmente ITA vende un reggio roma a 30 euro di media, onestamente non vedo differenze con altri aeroporti o prezzi impossibili.

  28. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:

    Certo 1 anno non basta per recuperare il tempo perso e i danni fatti…almeno 3 anni per fidelizzare i pax e rosicchiare qualcosina e nel frattempo cercare di risolvere almeno qualche problema strutturale

  29. Commenta per: Reggio Calabria

    Intanto oggi primo volo ITA dam Milano su RC.
    Con tanto di benvenuto/inaugurazione da parte dei vigili del fuoco dell’aeroporto!

  30. Commenta per: Reggio Calabria

    si scrive ITA si legge Alitalia ma senza tutele

  31. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Anthony:
    il tempo ed i danni sono stati per tutti gli aeroporti del mondo.
    dubito che in 3 anni si riesca a risolvere qualcosa.
    fra 3 anni gli aerei delle maggiori compagnie europee avranno difficoltà ad operare da Reggio.
    E’ destinato a restare regionale, come adesso

  32. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:
    Non ho mai parlato di aeroporti che mettono i soldi, ho semplicemente scritto che per agevolare l’ingresso di nuove compagnie la Regione Calabria e lo Stato in base alla continuità territoriale, dovrebbero mettere a bando incentivi molto più sostanziosi di quello che hanno fatto fino ad oggi.
    Quando capirai che non è una questione di campanilismo, sono orgoglioso che Lamezia sfondi anche i 3 milioni di passeggeri, qua si parla di vita del territorio metropolitano in quanto Reggio e’ confinata a sud della regione con vie di comunicazioni pessime e di fatto tagliata fuori da qualsiasi altra realtà urbanizzata perché isolata dallo stretto, forse capendo ciò allora finirai di utilizzare la tua puntuale e ripetuta frustrazione sullo scalo reggino. Se la regione Sardegna fa un bando da 42 milioni di euro per i collegamenti altrettanto dovrebbe fare la Regione Calabria, e lo Stato se dovesse occorrere, per non umiliare ancora di più una parte del proprio territorio. Che poi a fare bene i calcoli si tratterebbe di un investimento di sicuro ritorno economico in fatto di immagine, turismo, nascita di nuove imprese e posti di lavoro. Mi pare di essere stato abbastanza chiaro. Non mi pare che chiedere a gran voce 3-4 destinazioni nazionali a prezzi accettabili sia un’eresia per cui fustigarsi ogni volta che lo si faccia.

  33. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Cavaliere:
    la sardegna è a statuto speciale
    la sardegna è un’isola
    i 42 mln non li mette la regione e cmq sono per 3 aeroporti
    la ct è il miglior modo per fare morire un aeroporto in quanto elimina la concorrenza
    alla CT di solito non partecipano le compagnie per il motivo di cui sopra, troppi vincoli senza possibilità di fare le promo.

    la CT nasce per i cittadini non per i turisti, non ci sarebbe alcun ritorno in quanto ne possono usufruire solo i residenti.
    ma davvero sei convinto che un turista non viene a reggio per via delle tariffe?
    ma tu a reggio ci vivi? ci verresti da turista?

  34. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pilota75:

    Vedi che in calabria a parte quei due tre mesi estivi per turismo non ci viene nessuno, ne a reggio ne a lamezia ne da nessuna parte.

    Anzi l’unica città con potenzialità turistiche per un fine settimana in Calabria è solo Reggio.

    Le altre città hanno poco da far vedere ,
    Anche se qualcosa hanno è roba da vedere in mezza giornata.
    Quando parli di Reggio forse e meglio se ti lavi la bocca che ogni volta che lo fai ne parli male. vergognati.

  35. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Lorenzo:
    evidentemente non conosci la calabria. vai in inverno a pizzo ed a scilla, vedi dove ci stanno i turisti….
    a reggio ci sta solo il museo, per il resto è bene ch enon vedano nulla, solo spazzatura e zero servizi

  36. Pipino IL Bravo

    Commenta per: Reggio Calabria

    Pizzo e scilla sono dei bellissimi posti ma sono paesini buffone.

    tre minuti di clip di Reggio Calabria Buffone guardali e poi metti quelli del tuo paese, buffone , vogliamo comparare.

    https://youtu.be/eykIGYurTf4

  37. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pipino IL Bravo:
    certo che rosichi assai….oggi uscite offrte ryan da catania a 4 euro..io vado a malta, tu? AHAHAHA

  38. Commenta per: Reggio Calabria

    @ Pipino IL Bravo:
    No ti sbagli. Chianalea. Bova superiore. Pentidattito. Rigudi vecchia. Gambarie (poco) fanno di Reggio una località turistica. Dopo ci metti le varie spiagge della jonica via marina Corso Garibaldi museo a Reggio la city per gli steanieri. Pizzo Tropea ed escorsione a taormina fanno di Reggio una località turistica a livello europeo. Almeno io ho fatto fare una settimana ad amici che vivono in costa azzurra/Provenza e loro sono contentissimi e prossimamente vogliono tornare con altri amici. Pensa li ho loggiati al casalotto ferrina di lazzaro. Tra Ficarazzi mendolara limonata e bergamottara il tutto condito con panorama mozzafiato. Quindi dai il giusto valore a Reggio. Ma ricordati che il locomotore di Bova è gli alberi di fico nel percorso fino i n cima al castello la grotta degli innamorati è i paesaggi della stessa Bova danno un valore aggiunto pazzesco.

  39. Pipino il bravo

    Commenta per: Reggio Calabria

    @ Aiofb:
    Ma è quello che stavo dicendo , vallo a spiegare a quell’imbecille di buffone 75.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note legali: secondo la normativa vigente ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che scrive nei commenti. Per richiedere la rimozione di un commento contattare lo Staff attraverso la pagina Contatti.